Nella classe di nostro figlio Alessandro, che ha due anni e mezzo, ci sono bimbi che, spesso per gioco, lo aggrediscono. Alessandro vive in un mondo pacifico e ha sempre guardato i bimbi con ammirazione, come qualcosa di buono. Quando viene aggredito resta un attimo perplesso come se non se l'aspettasse dopodiché piange rimanendoci molto male e senza riuscire a difendersi. La maestra ci ha detto che dobbiamo spronarlo, ma non sappiamo come fare, prima di tutto perché fuori dalla scuola o sta con noi o è con bimbi che hanno un'età compresa tra i cinque ed i dieci anni e che quindi non lo aggrediscono ma lo coccolano. Poi, quando è con noi, reagisce ai nostri rimproveri e a qualche sculacciata gridando e alzando le mani su di noi, come se non accettasse l'aggressione, ma allo stesso tempo reagendo a quest'ultima. Quindi noi abbiamo dedotto che l'aggressione in se non gli piace, ma non capiamo perché con noi reagisce e con i bimbi non lo fa.

Cari genitori, sono tuttora incredula che una "maestra" vi abbia potuto dare un suggerimento tanto fuorviante, che mi rendo conto vi ha profondamente confuso: il vostro problema, paradossalmente, è che il vostro bimbo non aggredisce e non picchia gli altri e, se ho interpretato correttamente quello che vi consiglia questa insegnante, voi dovreste "spronarlo" in tal senso. Cari genitori, il problema è che il vostro dolcissimo e pacifico bambino ha il diritto di essere rispettato per quello che è, e non aggredito, e che voi avete il diritto e il dovere di esigere che l'istituzione cui lo affidate, sia essa scuola, asilo, campo estivo, scout, parrocchia, palestra abbia personale qualificato per vigilare su di lui tutelandone l'integrità fisica e psichica, nel totale rispetto della sua personalità.

Nell'educare un figlio chiediamoci cosa sia meglio per lui, qual'è la strada più breve e semplice per fargli raggiungere l'obiettivo che ci prefiggiamo: se l'obiettivo è la socializzazione, la strada suggerita vi sembra ragionevole? Il fatto che questo consiglio provenga da una "maestra" mi avvilisce e mi indigna: la scuola per statuto persegue finalità educative ed è troppo semplice insegnare ad un bimbo piccolo la violenza, più complesso e difficile è educare i più grandi alla non violenza, al rispetto degli altri, alla solidarietà nei confronti dei più deboli. Perché quest'insegnante vi ha dato questo consiglio? Semplicemente per superficialità - nella migliore delle ipotesi-, per incompetenza o per stupidità.

Per superficialità, così non deve poi difendersi da mamme inferocite che le chiedono ragione dei lividi dei figli (magari risponderebbe prontamente A picchia B e B picchia A); per incompetenza, perché ovviamente non è in grado di gestire un gruppo di bambini con attività adatte; per stupidità, perché non si rende conto che se dei bimbi si fanno male quando sono a lei affidati ne risponde civilmente e penalmente, per tacere del fatto che se il vostro cucciolotto di due anni e mezzo fosse veramente reattivo vi consiglierebbe l'intervento di personale specialistico.

Che cosa fare? Personalmente cambierei classe, insegnante e scuola: magari ricordate a questa "maestra" che se la scuola non persegue finalità educative non ha senso tenerla in piedi, come non avrebbe senso la sua figura. E il suo stipendio.

Altro su: "Aggressioni all'asilo nido"

Salmonella e asilo nido
Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative.
Asilo nido
Sono già trascorsi due mesi da quando ha iniziato l'asilo nido, ma non si è ancora inserito.
Non mangia all'asilo nido
Mia figlia si rifiuta di mangiare all'asilo nido. I consigli di come farla superare questi problemi.
Nido e bambini
Perché mandare al nido i bambini? A volte il distacco è più duro per la mamma che per i bambini.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Inserimento all'asilo nido
Il rientro al lavoro dopo la gravidanza è un momento problematico perché la mamma sempre più spesso deve inserire il suo bimbo all'asilo nido.