Sono la mamma di una bambina, fra poco devo ritornare al lavoro, i nonni sono lontani e la mia piccolina andrà all’asilo nido…. Sono molto preoccupata, lasciarla nelle mani di estranee… Si troverà bene? Piangerà molto? Ho già visto il nido e conosciuto le educatrici, mi sembrano gentili e accoglienti, ma… Aiuto, potete darmi qualche consiglio?

Quante volte mi è capitato di leggere o sentire domande di questo tipo; oggi l’asilo nido è una necessità che interessa un numero sempre maggiore di persone. La nostra società è cambiata molto e con lei anche la nostra “famiglia italiana”.

Oggi, a differenza di un tempo, le famiglie sono sempre più isolate e individualizzate, il compito di tramandare il “mestiere” alle neo-mamme, che un  tempo spettava a nonne, zie, sorelle, vicine di casa etc. oggi è sempre più preposto alle istituzioni pubbliche.

Il rientro al lavoro dopo la gravidanza poi è un momento problematico per la donna che deve separarsi dal suo bambino e, generalmente, è caratterizzato dal senso di colpa, cioè quello stato d’animo che crea sofferenza e ansia legata al pensiero di aver fatto qualcosa di sbagliato o di non aver fatto abbastanza.

Si riscontra spesso la contraddizione tra l’insoddisfazione legata al bisogno di recuperare un pezzetto della propria vita e della propria identità, (come il lavoro, senza dubbio un’innegabile realizzazione personale) e il bisogno di essere una mamma presente e adeguata.

La situazione si complica quando arriva il momento di portare il proprio bambino/a all’asilo nido, cioè affidarlo/a ad “estranei” che diventeranno figure di riferimento e fare i conti con un mondo professionale verso il quale  spesso la neomamma non si sente all’altezza.

Nella nostra società è ancora forte una mentalità che vede in modo  negativo “il lasciare il bambino ad altri” che non siano nonni o parenti stretti, quasi come se la mamma in qualche modo pensasse solo a se stessa e al suo lavoro e “parcheggiasse” il figlio al nido.

Innanzitutto l’asilo nido non è solo un luogo alternativo di accudimento, ma è un luogo privilegiato, per il fatto che al suo interno agiscono grandi forze: i bambini, i loro genitori, gli educatori e altre figure professionali come psicologi e psicopedagogisti.

E' un ambiente a misura di bambino, e non solo per il fatto che tutto è in miniatura, ma perché tutto è studiato nei minimi particolari, dai colori delle pareti agli angoli gioco, dagli ambienti (quello della nanna, l’atelier, il salone…)  alle attività che spesso sono mirate ad interessare tutti i campi di esperienza (motorio, sensoriale, logico, euristico, espressivo...).

Il nido è fatto di piccoli gesti quotidiani e ripetitivi, le cosiddette routines, che aiutano il bambino a sentirsi sicuro e protetto e a prevedere i vari momenti della giornata; è fatto di coccole, di carezze, di giochi  e di parole che possono sembrare banali e persino scontate, ma che creano un mondo e un clima in grado di ancorare le personalità alla vita.

Materiale tratto dal sito web Doctor Home www.doctorhome.eu

Altro su: "Inserimento all'asilo nido"

Aggressioni all'asilo nido
Mio figlio è aggredito all'asilo nido dai compagni di scuola. La maestra dice che dobbiamo spronarlo a difendersi.
Non mangia all'asilo nido
Mia figlia si rifiuta di mangiare all'asilo nido. I consigli di come farla superare questi problemi.
Salmonella e asilo nido
Un bambino affetto dalla salmonella non può frequentare il nido fino che non risultino tre coproculture negative.
Non trovando posto all'asilo nido, potrebbe frequentare per alcune ore gli "spazi gioco"
A 18 mesi è importante la socializzazione nell'asilo nido o negli "spazi gioco"? I consigli della psicologa.
Nido e bambini
Perché mandare al nido i bambini? A volte il distacco è più duro per la mamma che per i bambini.
Asilo nido
Sono già trascorsi due mesi da quando ha iniziato l'asilo nido, ma non si è ancora inserito.