Sara ha tre anni a mezzo e da circa uno non vuole più fare i suoi bisogni, soprattutto la "cacca". Passa le giornate agli angoli della casa e della scuola stringendo il sederino e quando siamo a casa ci disperiamo intorno a lei per fargliela fare. Abbiamo provato con tutti i mezzi, buoni, repressivi, con dolcezza e con autorità. Niente: ogni volta è la stessa storia. Tutto è iniziato quando dopo un periodo di malattia è stata per un po' stitica e si provocò delle piccole piaghette sul retto, poiché i suoi escrementi erano divenuti un piccolo tappo durissimo. Per un periodo pensammo anche a qualcosa di peggio, ma portandola dal nostro pediatra, verificò che non c'era nulla di preoccupante, solo qualche piccola ferita tipo emorroidi che curammo ammorbidendo, con prodotti a base di lattulosio, i suoi escrementi e curando le piaghe con medicamenti cicatrizzanti. Il pediatra però ci ordinò di farle fare assolutamente i suoi bisogni, pena l'aggravamento della situazione. Da allora, forse memore del dolore, non riusciamo più a farle fare i suoi bisogni. Ogni volta è una disperazione. Abbiamo provato con clisterini, "perette", camomille, ma nulla. Premetto che vogliamo molto bene alla bambina, per cui la bambina è coperta da coccole e qualsiasi altro le possa servire per migliorare la situazione. Ogni volta che la vediamo così corriamo vicino a lei incitandola. Ma non otteniamo nulla. Quello che chiedo è di sapere quale sia in questo caso il metodo migliore (se esiste) per agire. Mi rendo conto che non è facile dare un giudizio senza sapere nulla di lei, ma se potete datemi un consiglio su cosa fare.

La stipsi di cui soffre sua figlia è molto probabilmente di natura funzionale, intendendo con questo termine una stitichezza non dovuta a cause organiche (la più frequente delle quali è la malattia di Hirschsprung o megacolon congenito in cui è assente, nella parte terminale dell'intestino, l’innervazione che permette i movimenti peristaltici necessari a sospingere le feci verso l’apertura anale), bensì a motivi di natura non anatomica.

Numerose sono le cause che contribuiscono all’instaurarsi di una stipsi cronica: la presenza di ragadi anali che, provocando dolore al momento dell'evacuazione, spingono il bambino a trattenere le feci; stress emotivi come la nascita di un fratellino o un’educazione all’uso del vasino coercitiva; malattie banali che, provocando febbre, anoressia o vomito, causano una lieve disidratazione e la conseguente stipsi; il normale sviluppo psicologico del bambino che, verso i due anni di vita, inizia una graduale acquisizione del controllo cosciente sulla defecazione.

L’evacuazione può venire percepita come la perdita di parti di sé, e diventare quindi un avvenimento angosciante, da evitare o perlomeno da ritardare il più possibile. La terapia va indirizzata a "rieducare" il retto ad una normale sensibilità ed a ristabilire un normale rapporto con l’atto della defecazione da parte del bambino. Essa si compone di tre diverse fasi da condursi però contemporaneamente:

  • rimozione dell'ingombro fecale con 1-2 clisteri al giorno con 200 ml di soluzione fisiologica, da praticarsi lentamente ed a ore fisse, per 5-7 giorni;
  • rammollimento delle feci per alcuni mesi usando lattulosio (5-10 grammi al dì con possibilità di incrementare gradualmente la dose) e aumentando l’apporto di fibre con la dieta (all’inizio 20-30 grammi al giorno di crusca, da sostituirsi poi con frutta, verdura, legumi, cereali integrali; somministrare in abbondanza liquidi e offrire spesso succhi di frutta naturali, in particolare di mela, pera e prugna);
  • educazione all’evacuazione con sedute quotidiane sul vasino, ad ore fisse, in particolare sfruttando il riflesso gastro-colico presente un’ora dopo il pasto, lodando e premiando il piccolo per i suoi successi e ignorando, per quanto possibile, gli insuccessi.

Altro su: "Trattiene le feci"

Stitichezza in gravidanza
La stitichezza è un disturbo frequente in gravidanza e può riguardare sia la consistenza delle feci sia la frequenza dell'evacuazione.
Stitichezza o stipsi nei bambini
Le cause di stitichezza si possono riassumere in stipsi da squilibri alimentari e la stipsi da ritenzione volontaria. Cosa fare in caso di stitichezza.
Occlusione intestinale alla nascita
Neonato che non riesce a scaricarsi. I consigli del pediatra.
Stitichezza nel neonato
La stitichezza del neonato non dipende dalla frequenza, quanto piuttosto dallo sforzo ad evacuare, causato dalla eccessiva compattezza delle feci.
Il megacolon congenito
Mio figlio è affetto da mega colon congenito. I sintomi e la terapia chirurgica.
Stitichezza in gravidanza
La stitichezza, disturbo frequente tra le donne, può peggiorare in gravidanza.