Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica? Mia figlia soffre di bronchite asmatica e dermatite atopica dall'età di quattro mesi. Le dermatiti sono curate con creme idratanti, le bronchiti con cortisone e antibiotici. Le IgE sono normali e le sottopopolazioni linfocitarie anche. Quale potrebbe essere la causa di questi disturbi? Esiste un nesso tra le due patologie? Le IgE possono alterarsi in seguito? La bambina ha attualmente 22 mesi.

La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni (nel 60% dei casi inizia entro il primo anno di vita) e si presenta spesso in soggetti con familiarità allergica. Colpisce più frequentemente soggetti di sesso femminile, persiste in oltre il 10% dei casi anche dopo la pubertà e si accompagna ad asma bronchiale in oltre il 20% dei casi. Alcuni autori distinguono una dermatite atopica intrinseca (IAD) da una dermatite atopica estrinseca (EAD) sulla base dell'assenza o della presenza di IgE specifiche. Questo per chiarire che in questa patologia intervengono molti fattori e mediatori dell'allergia e non solamente le IgE. In genere le manifestazioni regrediscono spontaneamente all'età di 2-3 anni, ma in seguito (di solito tra gli 8 e i 12 anni) possono presentarsi nuove lesioni cutanee (dermatite secca lichenificata o dermatite atopica degli adulti).

Bisogna sottolineare che nel 50-80% dei soggetti affetti da dermatite atopica si assiste successivamente, anche dopo molti anni, alla comparsa di rinite allergica, asma bronchiale, orticaria. Per quanto riguarda invece l'asma bronchiale si distingue un asma estrinseco, ad eziopatogenesi (N.d.R.: da causa e meccanismo) allergica ed un asma intrinseco di origine non allergica. Nel primo caso avremo la presenza di IgE specifiche per gli allergeni in causa, nel secondo caso no. Numerosi fattori scatenanti intervengono nel determinismo del quadro clinico come infezioni virali, sostanze chimiche, allergeni. Nei primissimi anni di vita una bronco-ostruzione può anche essere determinata dall'ipersecrezione catarrale e dall'edema delle mucose bronchiali. Molto frequenti nell'infanzia sono le infezioni respiratorie associate a respiro sibilante (WARI = Wheezing Airways Respiratory Infection), quasi sempre di origine virale, in particolare da virus respiratorio sinciziale. Queste affezioni si possono ripresentare periodicamente nello stesso bambino con una sintomatologia che può simulare l'asma bronchiale.

Altro su: "Esistono rapporti tra l'asma e la dermatite atopica?"

Rinite allergica
Quale prevenzione seguire perchè la rinite allergica non si trasformi in asma?
Bronchite
La bronchite è un'infiammazione dei bronchi che causa tosse con catarro e febbre.
Aerosol in un bambino piccolo
La terapia con l'aerosol può essere tranquillamente effettuata, utilizzando un apparecchio di buona qualità fin dai primi mesi di vita.
Allergia ai pollini
Graminacee, parietaria, composite, olivo, betulla, pioppo sono i principali responsabili di allergia ai pollini.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Diario per l'asma
La terapia ed il controllo dell'asma richiedono una attenta valutazione della situazione clinica. E' importante la compilazione di un diario.