Sono la mamma di una bambina con una cardiopatia congenita; vorrei sapere, prima di prendere la decisione di avere un altro figlio, se la cardiopatia della mia bambina può aver avuto origini genetiche. Ci sono esami da poter fare? In quali strutture? A chi posso rivolgermi?

Le cardiopatie congenite incidono per circa lo 0.8% dei bambini nati vivi. Questo vuol dire che quasi un bambino su 100 nasce con una cardiopatia congenita più o meno grave. Alcune di queste sono state identificate come legate ad anomalie cromosomiche (per esempio la sindrome di Down).

Della maggior parte, tuttavia, non è ancora chiara l'origine, anche se è ovvio che queste siano l'espressione di una potenzialità legata al patrimonio genetico dei due genitori. Non vi sono particolari esami da fare, per quanto riguarda i genitori. E' fuori di dubbio che genitori che hanno già avuto un bambino con cardiopatia congenita possano, più facilmente di altri, avere un altro figlio con cardiopatia congenita. La loro percentuale tuttavia rimane bassa (attorno al 2-3%), a meno che uno dei due genitori non sia lui stesso portatore di cardiopatia congenita.

Altro su: "Cardiopatie congenite e genetica"

Stenosi mitralica
La stenosi mitralica come cardiopatia congenita spesso spazia da forme di valvole "quasi normali" a forme più severe.
Sostituzione valvola polmonare
E' già stato sottoposto ad un intervento chirurgico per correggere la tetralogia di Fallot, ma la stenosi sottopolmonare è ancora presente.
Una malattia al cuore non riconosciuta
Non hanno riconosciuto a mia figlia una rara malattia al cuore. Che spiegazioni ci sono per una mancata diagnosi? Risponde il pediatra.
Cardiopatia congenita
Il difetto del setto atriale tipo "ostium secundum" è una malformazione cardiaca in genere ben tollerata in età pediatrica.
Cardiopatia e sport
Quali tipi di sport può praticare un bambino che soffre di una lieve cardiopatia? Il parere del medico sportivo.
Prematuri e malattie del cuore
E' vero che i bambini prematuri hanno elevate probabilità di soffrire di seri disturbi cardiovascolari in età adulta? Il parere della neonatologa.