Gradirei avere delle informazioni sul difetto interventricolare, che i medici hanno riscontrato a mio nipote dalla nascita.

Il difetto interventricolare (DIV) consiste in una comunicazione fra i due ventricoli, a diversa sede, singola o multipla, per una incompleta formazione o una mancata fusione delle componenti muscolari o membranose del setto interventricolare. Esso rappresenta il 30% delle malformazioni congenite. Molto importanti sono le dimensioni del DIV, che può variare da pochi millimetri a dimensioni uguali o superiori al diametro dell’aorta, anche se il difetto, comunque, può ridursi di diametro e chiudersi spontaneamente, almeno i più piccoli. Il calibro del difetto determina l’entità del passaggio di sangue tra i due ventricoli. Nei primi giorni di vita, a volte fino al mese, non è facile determinare l’importanza e la gravità del passaggio di sangue dal ventricolo sinistro a quello destro.

La sintomatologia dipende dalle dimensioni del difetto, dall’entità del passaggio di sangue e dall’impegno polmonare conseguente. In prima giornata di vita un DIV non si apprezza mai con un soffio, ma si rende evidente in 3°-4° giornata. Se il difetto è grave verso il mese di vita compaiono segni clinici quali polipnea (respiro più frequente) e difficoltà nell’alimentazione; poi, progressivamente, compaiono i segni dello scompenso con polipnea-dispnea (difficoltà a respirare) e rientramenti intercostali, tachicardia (battito cardiaco accelerato), epatomegalia (ingrossamento del fegato) e scarso accrescimento. I bambini con DIV di medio calibro e shunt moderato hanno, in genere, sintomi più sfumati e accrescimento corporeo normale o ai limiti inferiori. I soggetti con piccoli DIV sono completamente asintomatici.

Gli esami strumentali che si fanno sono: Elettrocardiogramma: quasi sempre nella norma. Rx torace: nei DIV medi e grandi l’ombra cardiaca appare moderatamente ingrandita. Ecocardiogramma: consente di valutare le dimensioni del difetto e il flusso del sangue nel cuore. Cateterismo cardiaco: rappresenta l’indagine di riferimento per la diagnosi, la quantificazione degli shunts e la misura delle pressioni e delle resistenze arteriolari polmonari. Una buona parte dei DIV si riduce progressivamente e spesso si osserva una chiusura spontanea entro le prime due decadi di vita.

Per quanto riguarda i DIV ad ampio calibro, il quadro di scompenso precoce induce a un intervento medico e chirurgico entro i dodici mesi. Tutti i pazienti portatori di DIV piccoli o medi devono essere sottoposti a profilassi antibiotica nelle condizioni di rischio di endocardite (infezione cardiaca) batterica fino ad avvenuta chiusura del difetto. I bambini con difetto di medio calibro, senza scompenso cardiaco, vanno seguiti nel tempo. Tuttavia la persistenza del difetto e dei segni clinici di sovraccarico di volume del cuore sinistro consigliano l'intervento prima dell'età scolare.

Altro su: "DIV: difetto interventricolare"

Stenosi mitralica
La stenosi mitralica come cardiopatia congenita spesso spazia da forme di valvole "quasi normali" a forme più severe.
Ipertrofia ventricolare destra
L'ipertrofia ventricolare destra è la condizione di normalità nel neonato.
Dotto arterioso di Botallo pervio
Il dotto arterioso di Botallo pervio è una malformazione semplice e asintomatica. E' necessario l'intervento chirurgico.
Una malattia al cuore non riconosciuta
Non hanno riconosciuto a mia figlia una rara malattia al cuore. Che spiegazioni ci sono per una mancata diagnosi? Risponde il pediatra.
Sostituzione valvola polmonare
E' già stato sottoposto ad un intervento chirurgico per correggere la tetralogia di Fallot, ma la stenosi sottopolmonare è ancora presente.
Un difetto interventricolare al cuore
I difetti del setto interventricolare (DIV) ed in particolare quelli muscolari possono chiudersi spontaneamente.