Sono il papà di una bambina di tre mesi che ha avuto un'otite a cinque settimane di vita. In seguito la pediatra ha riscontrato una predisposizione all'infiammazione del condotto uditivo. La bambina è allattata al seno da mia moglie e, in alcuni giorni, prende il latte solo dalla mammella sinistra, ma si rifiuta di prenderlo da quella destra; mentre se comincia dalla mammella destra, succhia anche dalla sinistra! È possibile che in questi giorni ci sia un problema, magari ad un solo orecchio oppure potrebbe essere solo un "capriccio" della bambina?

Il comportamento potrebbe essere indicativo di mal d'orecchio se si accompagna ad altri segni: inappetenza, difficoltà a finire la poppata e pianto durante la suzione, febbricola o febbre, arresto della crescita in peso.
Se invece per il resto non ci sono segni d'allarme, allora probabilmente il comportamento riferito è solo la ricerca di una posizione più comoda. Da ultimo, il toccarsi l'orecchio o l'arrossamento del padiglione auricolare o la presenza di cerume non sono, invece, segni di alcun significato.

Altro su: "Ha mal d'orecchio? Piange sempre"

Otiti ricorrenti
Le otiti sono infezioni acute dell'orecchio che possono essere ricorrenti nei bambini piccoli.
Lo sviluppo dell'udito
Già all'interno del pancione della mamma il feto è in grado di avvertire i suoni. Scopri come si sviluppa il senso dell'udito.
Perdita di sangue da un orecchio
Si chiama otorragia la perdita di sangue da un orecchio.
Il mal d'orecchio nei bambini
Il primo sintomo del mal d'orecchio dei bambini è il pianto. Spesso la causa è il raffreddore. Fondamentale è il lavaggio nasale.
Quando ha il raffreddore le viene l'otite
Il raffreddore può essere causa di otite per colpa dell'accumulo di muco nel naso.
Prevenire le otiti con un chewing-gum?
L'uso del chewing-gum, favorendo il riflesso della deglutizione e di conseguenza l'apertura delle tube di Eustacchio, può prevenire le otiti.