ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Svezzamento in bambini allergici

Nei bimbi con familiarità per allergia occorre introdurre gli alimenti potenzialmente più allergizzanti dello svezzamento (uovo e pesce soprattutto) dopo l'anno di età.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Svezzamento e prevenzione dell'allergia. Mio figlio ha otto mesi e, a detta del pediatra, una forte familiarità per allergie. Mio marito, infatti, e vari altri componenti della sua famiglia, hanno problemi di asma e di allergie a medicinali. Nessun tipo di allergia o intolleranza alimentare, però. A causa di tale familiarità, il pediatra ritiene opportuno far seguire al bimbo un tipo di svezzamento che ritardi l'introduzione di alimenti potenzialmente allergizzanti (latte vaccino, parmigiano, pesce, ecc.). La mia curiosità è la seguente: si teme che il bimbo possa sviluppare allergie a determinati alimenti o che alimenti allergizzanti possano scatenargli allergie di altro tipo (pollini, acari, ecc.)?

I consigli del suo pediatra sono improntati alla prevenzione delle eventuali allergie e quindi sono corretti. Infatti nei bimbi con familiarità allergica, (molto spiccata nel suo caso) l'orientamento comune è di introdurre gli alimenti potenzialmente più allergizzanti (uovo e pesce soprattutto) dopo l'anno di età. Tutto questo per evitare una sensibilizzazione agli alimenti stessi e quindi manifestazioni cutanee o gastrointestinali correlate.

Va tuttavia ricordato che il bambino allergico agli alimenti, finisce poi per tollerarli negli anni successivi, (solo in piccola percentuale l'allergia alimentare rimane) e si assiste ad un "viraggio" della reattività dell'organismo dagli allergeni alimentari a quelli inalanti. Il bambino dai 3-4 anni in poi inizia infatti, in una percentuale di casi, a manifestare sintomatologia respiratoria (rinite e congiuntivite allergica - asma) nei confronti dei più comuni allergeni aerodispersi (graminacee - ambrosie - parietaria - acari della polvere).

25/6/2001

20/12/2017

I commenti dei lettori

Il mio pediatra invece, sapendo che mio figlio ha una dermmatite atopica ed una familiarità allergica, ci ha consigliato di introdurre dopo il sesto mese di vita (e dopo aver introdotto la frutta per una settimana) di introdurre presto tutti i cibi. Ci ha spiegato che le molecole di cibo che stanno nell'aria (per esempio quando si è a tavola o si cucina) passano attraverso la cute danneggiata provocando l'allergia. Di conseguenza, visto che queste molecole passerebbero lo stesso, sarebbe meglio farle entrare tramite la via giusta, cioè ingerendole in modo che il corpo reagisca per tollerarle.

Marilena (RE) 04/05/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Svezzamento in bambini allergici"

Coliche e frutta fresca
Da quando ha introdotto la frutta e verdura gli sono aumentate le coliche gassose. I consigli del Pediatra.
Alimentazione dei neonati e bambini piccoli
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Alimentazione nel secondo-terzo anno
Per i bambini di tutte le età è importante variare l'alimentazione. Ecco i nostri schemi per il secondo-terzo anno di età.
La carne nell'alimentazione
Per le sue caratteristiche la carne è sicuramente uno degli alimenti protagonisti dello svezzamento.
Svezzamento a 6 mesi: la seconda pappa e il glutine
I nostri schemi per lo svezzamento: i pasti a 6-8 mesi, la seconda pappa e quando introdurre il glutine.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

I grassi animali sono preziosi nella dieta dei bambini
In realtà i grassi hanno importanti proprietà nutrizionali e nell'alimentazione umana ricoprono un ruolo strutturale e metabolico di primaria importanza.
Il ruolo della carne nella crescita del bambino
La carne (bovina, suina, ovina e avicola) è un alimento essenziale nella dieta di un bambino.
Che cosa mangiare a merenda?
Le “merendine”, oltre a contenere molti grassi idrogenati, sono troppo ricche di zuccheri a rapido assorbimento.
La carne e i salumi sono alimenti essenziali per i bambini che fanno sport
I ragazzi sportivi hanno bisogno di una dieta sana ed equilibrata, con le calorie e le sostanze nutritizie necessarie allo sforzo
Come si producono il prosciutto crudo e gli altri salumi stagionati
Come vengono prodotti i salumi, alimenti importanti della nostra tradizione e costituenti validi di una alimentazione sana.

Quiz della settimana

Quale deficit può essere provocato da una carenza di carne nella dieta di un bambino?
Ferro
Aminoacidi
Vitamina B12
Tutte le risposte sono corrette