ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Alcol e fumo in gravidanza

Alcol e fumo sono pericolosi in gravidanza soprattutto se assunti nel primo trimestre. Per tutta la gravidanza e l'allattamento sarebbe proprio meglio rinunciare a queste dannose abitudini.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Alcol

L’alcol viene assorbito immediatamente e “passa” al bambino più o meno nelle stesse concentrazioni: il che significa  che quando una donna incinta beve un bicchiere  di vino, anche il feto sta bevendo con lei e, dato che le cellule del suo cervello e del suo fegato sono molto delicate, alla lunga possono subire danni.

Fumo

Durante la gravidanza la nicotina può provocare disturbi circolatori e respiratori nella futura  mamma, ma disturba anche il feto al quale arriva attraverso la rete di vasi sanguigni che gli portano il nutrimento.

Dunque, per tutto il tempo della gravidanza e dell’allattamento, sarebbe proprio meglio rinunciare a queste dannose abitudini, o almeno ridurle molto drasticamente. Per le buone bevitrici e le forti fumatrici, smettere da un giorno all’altro può essere decisamente faticoso. Per fortuna la natura interviene spesso con una facilitazione, di cui bisogna saper approfittare: infatti nelle prime settimane di gravidanza è facile che insorgano le famose “nausee”, molto spesso associate proprio agli odori e ai sapori forti e dunque anche all’alcol e al fumo. Un’ottima occasione per smettere.

Se non si ha questa fortuna, il metodo migliore per togliere il fumo è quello di disabituarsi gradatamente. Per l’alcol bisognerebbe evitare subito l’assunzione fuori dai pasti, poi ridurre viavia, possibilmente fino all’astinenza completa (e finchè la meta non è raggiunta, il consiglio è di allungare sempre con l’acqua l’alcol che si ingerisce). Per smettere di bere e di fumare possono essere d’aiuto terapie di sostegno come l’ipnosi o l’agopuntura.
 

24/11/2009

11/7/2018

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Alcol e fumo in gravidanza"

Fumare in gravidanza fa male?
Il fumo durante la gravidanza provoca una varietà di conseguenze sullo sviluppo del feto e del neonato.
Si può allattare in gravidanza?
Non esiste prova che l'allattamento in gravidanza comporti pericoli per la madre o per il feto.
Quanto dura la gravidanza?
Lo sapevi che la gravidanza dura in realtà otto mesi e mezzo? Ecco spiegato il perché.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
La prima settimana di gravidanza
La prima settimana di gravidanza può passare sotto silenzio oppure manifestarsi in qualche modo.
Varicella in gravidanza
Contrarre la varicella in gravidanza è una situazione rara, ma non rarissima: leggi i nostri consigli.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Abbigliamento in gravidanza
L'abbigliamento in gravidanza deve essere morbido evitando tutti i capi che costringono.
Polipo ombelicale del neonato
Il polipo ombelicale è una rara anomalia dovuta alla persistenza di tutto o in parte il dotto onfalo-mesenterico o dell'uraco. Le cure suggerite dall'esperto.
Una cura di anticorpi per il Virus Respiratorio Sinciziale
Da circa due anni abbiamo anche in Italia la possibilità di utilizzare gli anticorpi monoclonali contro il Virus Respiratorio Sinciziale (VRS).
Oggetto transizionale: tessuti che profumano di mamma
Perché i bambini ricorrono ad una copertina, ad un indumento, ad un peluche o ad un altro oggetto? Quale rassicurazione vi trovano? I consigli dello psicologo.
Piede torto congenito
Le è stato diagnosticato un piede torto congenito. Quali sono le cause e come bisogna intervenire.

Quiz della settimana

Qaule regione del corpo è coinvolta nell'idrocefalo?
Il rene
Il cranio
La vescica
La colonna vertebrale