ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Epatite C in gravidanza

Il contagio perinatale non è frequente; utile fare in gravidanza il dosaggio degli anticorpi contro il virus C per valutare se la madre è stata contagiata.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono affetto da epatite C cronica e mia moglie è gravida da quattro settimane. Vorrei sapere quali possono essere i rischi di trasmissione della malattia al figlio e come ci dobbiamo comportare in futuro.

L'epatite virale è una infezione sistemica (generalizzata a tutto l'organismo) nella quale le principali manifestazioni cliniche sono causate dall'infiammazione e dalla necrosi, o morte, delle cellule del fegato. Attualmente sono stati identificati 5 tipi di virus che provocano epatite: epatite A epatite B epatite C epatite D o delta epatite E. L'epatite C è provocata da un virus (HCV) che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali e rappresenta la causa più frequente di epatite post-trasfusionale.

L'epatite C ha un decorso simile all'epatite B, con una percentuale maggiore di decorsi senza ittero, ma anche più cronici, compresa la cirrosi e talvolta il carcinoma epato-cellulare (cancro del fegato). Ha un periodo di incubazione di circa 45 giorni, con un range di 14 - 115 giorni. Il 50% dei pazienti che contaggono l'epatite C sviluppano una epatite cronica o uno stato di portatore cronico. Il 5% delle infezioni sono trasmesse attraverso trasfusioni di sangue, il 35% attraverso l'uso di sostanze stupefacenti per via endovenosa usando le stesse siringhe, il 5% attraverso contatti sessuali, il 2% colpisce il personale medico e paramedico, mentre nel 43% dei casi la causa rimane sconosciuta.
Il contagio perinatale (da madre a figlio durante il parto) non è frequente, diversamente dall'epatite virale di tipo B; utile fare in gravidanza il dosaggio degli anticorpi contro il virus C (antiHCV) per valutare se la madre è stata contagiata. Nel neonato non è necessario fare immediatamente il dosaggio degli anticorpi, perchè potrebbero essere quelli materni (nel caso di positività della madre) trasmessi attraverso il sangue placentare, che decadono naturalmente nel sangue del bambino nell'arco di 6 - 12 mesi. Per l'epatite C non è disponibile un vaccino; la terapia consiste nell'assunzione di una sostanza chiamata interferone.

1/11/1997

1/12/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Epatite C in gravidanza"

Puntura accidentale con una siringa abbandonata
Mio figlio di sei anni ha giocato con l'ago di una siringa usata. Vorrei informazioni sul contagio da siringhe infette.
Atresia biliare
L'atresia biliare consiste in una ostruzione delle vie biliari. Una malformazione congenita del fegato.
Epatite C
Il virus dell'epatite C si trasmette attraverso il sangue, ma non sono stati segnalati casi di contagio avvenuto per via alimentare.
Epatite C
L'epatite C è una malattia del fegato ed è la prima causa di malattie epatiche croniche nel mondo.
Fondazione "Amici della Epatologia"
Una associazione ONLUS per i genitori ed i medici.
Contagio epatite C
Come ci si contagia dalla epatite C? Non sempre chi ne è affetto ha avuto rapporti con persone malate o con trasfusioni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte