ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il tempo dell'infanzia

bambini nell'arte e nella cultura

I diritti dell'infanzia

La Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia stabilisce e protegge i diritti dei bambini e degli adolescenti del mondo.

a cura di: Dott.ssa Maria Antonietta Filipponio

1989 - 2002: sono solo 13 anni, ma sono anni importantissimi per tutti i bambini del mondo. Si è parlato d'infanzia, dei problemi dei bambini, dei loro diritti calpestati. Si sono fatti numeri di morti per fame, percentuali di sopravvivenza alle malattie grazie alle vaccinazioni, si è parlato di diritto all'istruzione, ma anche della piaga degli abusi sessuali, dei disastri delle guerre. Tanti progressi, anche tante promesse mancate: ma finalmente c'è stata la volontà politica e sociale di porre le basi per la tutela e la protezione dell'infanzia, soprattutto quella che sta soffrendo a causa della fame, della siccità, della guerra, degli abusi sessuali, dello sfruttamento del lavoro minorile e dei pesanti condizionamenti psicologici e sociali.

E allora elenchiamo le date fondamentali di questo cammino:

20 novembre 1989: viene approvata a New York dall'ONU la Convenzione Internazionale sui Diritti dell'Infanzia, "la grande legge internazionale che stabilisce e protegge i diritti dei bambini e degli adolescenti del mondo". Lo scopo della promulgazione della Convenzione era quello di vincolare gli Stati ad un impegno attivo a favore dell'infanzia. Inoltre mirava a raccogliere in un unico corpo le varie disposizioni sui diritti dell'infanzia apparse di numerosi documenti di diritto internazionale e di uniformarle per evitare divergenze tra questi. L'approvazione avveniva esattamente a 30 anni dalla Dichiarazione dei diritti del fanciullo del 1959, e a dieci dall'Anno Internazionale del bambino (1979) per non parlare della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'uomo proclamata due secoli prima (1789). La Convenzione è certamente il più importante tra gli strumenti per la tutela dei diritti dei bambini.

Da ciò sono scaturiti:

I dieci diritti fondamentali dell'infanzia (1989)

  • Il diritto all'eguaglianza e alla protezione dalla discriminazione, senza distinzione di razza, religione, nascita e sesso.
  • Il diritto ad un nome e a una cittadinanza
  • Il diritto alla salute
  • Il diritto all'istruzione e alla formazione
  • Il diritto al tempo libero, al gioco e allo svago
  • Il diritto all'informazione, alla partecipazione, ad essere ascoltati e a riunirsi
  • Il diritto ad una sfera privata e a crescere in uno spirito di uguaglianza e di pace
  • Il diritto ad aiuti immediati in caso di catastrofe e in situazione d'emergenza, come pure alla protezione contro la violenza
  • Il diritto a una comunità familiare, alle cure parentali e a una casa sicura
  • Il diritto all'assistenza in caso di menomazione

1990 il 26 gennaio la Convenzione viene sottoposta alla firma dei paesi che l'hanno sottoscritta; il 2 settembre la Convenzione entra a far parte della legislazione internazionale; il 30 settembre l'UNICEF organizza il I° Vertice Mondiale sull'infanzia in cui i Capi di Stato e di Governo di 71 paesi fanno promesse solenni ai bambini del mondo. Firmano una "Dichiarazione mondiale per la sopravvivenza, la protezione e lo sviluppo dell'infanzia" e adottano un Piano d'Azione per raggiungere precisi obiettivi: più cibo e acqua potabile, più medicine e assistenza medica per donne e bambini, lotta alle malattie infettive attraverso le vaccinazioni, più scuole, più aiuti ai bambini soli ed in difficoltà. Il bilancio di questo piano d'azione sarebbe dovuto avvenire a dieci anni di distanza, nel 2000. 

1990 - 2000: in questo decennio molte cose sono state fatte per migliorare le condizioni di vita dei bambini: sono andati più bambini a scuola, sono stati vaccinati in 125 paesi 80% di bambini contro le sei più comuni malattie dell'infanzia (morbillo, tetano, difterite, pertosse poliomielite tubercolosi), sono stati alimentati in modo più adeguato con l'introduzione di vitamina A e sale iodato. I bambini hanno ricevuto più ascolto pubblico ed in alcune nazioni hanno potuto dare vita a propri parlamenti e movimenti per la pace. Molti paesi hanno emanato ed applicato leggi che rispecchiano la convenzione sui diritti dell'infanzia. Ma purtroppo ancora milioni e milioni di bambini e adolescenti stanno soffrendo per la fame e la sete, la povertà, le guerre, lo sfruttamento del lavoro minorile, la violenza e gli abusi sessuali e l'AIDS.

8-10 maggio 2002: si svolge a New York il II° Vertice sull'infanzia, una Sessione speciale ONU sull'infanzia che deve esaminare da un lato gli interventi mancati e le promesse non mantenute, dall'altro i resoconti dei vari stati firmatari e i progressi globali compiuti dal 1990 ad oggi, per stabilire i nuovi obiettivi per il prossimo decennio. La novità più interessante è la presenza massiccia di adolescenti da tutto il mondo che potranno intervenire portando le loro esperienze e presentando richieste o proposte. 
Molto faticosamente è stato raggiunto un accordo unanime sul piano d'azione a favore dell'infanzia, che ha portato alla approvazione del documento finale "Un mondo a misura di bambino" che fissa 21 nuovi obiettivi per il prossimo decennio 2000 - 2010.

Nel testo si individuano quattro grandi aere prioritarie di intervento: 

  • Promuovere migliori condizioni di vita dell'infanzia e dell'adolescenza nei paesi poveri (progetta la riduzione della mortalità infantile di un terzo entro il 2010 e di due terzi nel 2015. Nel 2000 sono morti di malattie facilmente curabili 11 milioni di bambini sotto i 5 anni). Inoltre vi è l'impegno a sostenere campagne di vaccinazione contro le malattie infettive.
  • Espandere e garantire un'istruzione di qualità (L'istruzione di base manca a quasi 120 milioni di bambini)
  • Proteggere i minori dagli abusi, dallo sfruttamento e dalla violenza. Particolare attenzione viene data alla "piaga" del lavoro minorile che riguarda il 20% dei bambini tra i 5 e i 9 anni e il 40% tra I 10 e I 14 ) e alla lotta contro la pornografia, la prostituzione minorile e la pedofilia.
  • Combattere la diffusione dell'HIV/AIDS (I bambini infettati all'anno sono quasi 6000).

Anche l'opinione pubblica, come semplici cittadini, grandi e piccoli, genitori ed insegnanti, politici e professionisti, associazioni e organizzazioni non governative, si sta mobilitando in un grande movimento mondiale nella consapevolezza che non basta più demandare agli Stati o agli Organi di competenza l'applicazione dei diritti umani, ma occorre agire, ognuno facendo la propria parte, sensibilizzando e coinvolgendo la comunità internazionale, nella difesa dei diritti dei minori e nel miglioramento duraturo della vita dei bambini: è stato creato il "Movimento Mondiale per l'Infanzia".

Informiamoci presso l'UNICEF Italia per saperne di più nell'interesse dei nostri bambini.

30/10/2002

11/10/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I diritti dell'infanzia"

I diritti dell'infanzia
Alcune curiosità sui diritti dell'infanzia.
I diritti dell'infanzia: un libro da leggere
Non è necessario spostarsi fuori dalle mura di vita agiata per capire che il diritto dei bambini nasce o muore molto prima: nella nostra vita quotidiana.
L'UNICEF e l'aiuto dato all'Italia nel dopoguerra
L'UNICEF diede aiuto all'Italia nel dopoguerra con l'invio beni di prima necessità per i bambini.
Storia dell'allattamento
La storia dell'allattamento dai secoli passati ai giorni nostri. Iniziamo il percorso storico ricordando Sorano di Efeso e le sue teorie.
I diritti nell'infanzia: siti da visitare
Alcuni siti da visitare per conoscere meglio i diritti nell'infanzia e conoscere le iniziative UNICEF in Italia.
Le ceneri di Angela
Il libro "Le ceneri di Angela" di Frank McCourt narra una storia di povertà. Frank, il protagonista, sa trovare un aspetto positivo in ogni cosa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

I grassi animali sono preziosi nella dieta dei bambini
In realtà i grassi hanno importanti proprietà nutrizionali e nell'alimentazione umana ricoprono un ruolo strutturale e metabolico di primaria importanza.
Il ruolo della carne nella crescita del bambino
La carne (bovina, suina, ovina e avicola) è un alimento essenziale nella dieta di un bambino.
Che cosa mangiare a merenda?
Le “merendine”, oltre a contenere molti grassi idrogenati, sono troppo ricche di zuccheri a rapido assorbimento.
La carne e i salumi sono alimenti essenziali per i bambini che fanno sport
I ragazzi sportivi hanno bisogno di una dieta sana ed equilibrata, con le calorie e le sostanze nutritizie necessarie allo sforzo
Come si producono il prosciutto crudo e gli altri salumi stagionati
Come vengono prodotti i salumi, alimenti importanti della nostra tradizione e costituenti validi di una alimentazione sana.

Quiz della settimana

Quale deficit può essere provocato da una carenza di carne nella dieta di un bambino?
Ferro
Aminoacidi
Vitamina B12
Tutte le risposte sono corrette