ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Il ciuccio per un neonato

Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia, quelli più adatti ai neonati, o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra su quale scegliere.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Io e mia moglie abbiamo avuto la necessità di comprare un ciuccio nuovo; in Italia avevamo comprato sempre quelli tradizionali a ciliegia (per intenderci non anatomici) in quanto avevamo letto su una rivista specializzata che altri modelli avrebbero potuto creare, col tempo, dei problemi al palato della nostra bimba. Viceversa qui in Germania, tali ciucci non si trovano e ne abbiamo comprato un paio anatomici, che peraltro sembrano essere ben graditi da Elena. Potreste darmi per favore qualche indicazione riguardo l’utilizzo dei ciucci? Possono esserci delle controindicazioni particolari per alcuni tipi?

I ciucci possono essere di due tipi: a ciliegia o anatomici. I primi sono di forma rotonda, che richiama quella del capezzolo del mamma, e sono perciò quelli in genere preferiti dai piccoli. I secondi sono invece a forma di goccia, cioè piatta ellittica, schiacciata e ricurva verso l’alto, disegnata per adattarsi meglio alla forma del palato: per questo motivo tali succhietti vengono anche chiamati anatomici.

Il succhiotto a goccia è quello che solitamente viene consigliato dagli specialisti perché la forma a ciliegia rischia, a lungo andare, di compromettere lo sviluppo del palato e delle arcate dentarie. In realtà non esistono studi che rivelino l’efficacia o la pericolosità di una forma rispetto ad un’altra. I materiali con i quali vengono realizzati i succhietti sono fondamentalmente di due tipi: il silicone ed il caucciù.

Il primo è un polimero, cioè un prodotto chimico di origine sintetica a base di silicio (una sostanza che è presente in molte rocce e minerali). Il ciuccio in gomma bianca siliconica è trasparente, indeformabile, non assorbe gli odori ed i sapori e non subisce alterazioni anche dopo numerose sterilizzazioni, sia mediante bollitura che a freddo..

Queste particolari caratteristiche di igienicità e di inalterabilità lo rendono particolarmente adatto durante i primi mesi di vita e comunque non oltre alla comparsa dei primi dentini poiché questi ultimi provocano facilmente incisioni che possono lacerare il materiale. Con l'eruzione dentaria è opportuno passare al succhietto di caucciù, che è una gomma naturale, più morbida, elastica e soprattutto più resistente alle lacerazioni rispetto al silicone.

Il caucciù presenta però l'inconveniente di essere igroscopico (e quindi di assorbire acqua, ingrossandosi), di trattenere gli odori e di subire modificazioni dopo numerose sterilizzazioni. Anche se si può usare dalla nascita, in realtà è adatto soprattutto quando inizia la fase della dentizione.

1/4/1999

29/3/2017

I commenti dei lettori

mia figlia ha 18 mesi ha quasi tutti i dentini ha solo usato il ciuccio bianco a goccia !!!

carmen (NA) 19/09/2012

Io ho scelto due tipi di ciucci i più piccoli e anatomici, un altro tipo l'ho preso perché economico ma non glielo do, l'ho provato io e anche se ho il palato piccolo è di un adulto e questo ciuccio aveva la forma del mio palato, ho immaginatio scavasse il suo, così non glielo do, tanto a lei non piace, ci gioca. Ho visto che ci sono ciucci anche grossi anche se anatomici, ebbene, non vedo il motivo, quello +0 secondo me va bene. La mia Sofia non ha preso il vizio se cel'ha bene senò fa lo stesso e glilo do solo per addormentarsi solo in alcuni momenti, perchè per il resto c'è ciuccio mamma Silvia :) di notte glielo do se ha il raffreddore e non deve poppare ogni 5 minuti (senò non dormo)

silvia77 (VC) 16/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il ciuccio per un neonato"

Ciuccio e palato
Mio figlio di 20 mesi ha il palato deformato dal ciuccio. I consigli dell'esperto su quando toglierlo per non fargli deformare il palato.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Non vuole il ciuccio
Preferisce il seno e non vuole il ciuccio. Cosa succederà quando non avrò più latte? Alla fine si rassegnerà alla dura realtà.
Consigli di puericultura per il neonato
Post parto e neonati: proponiamo alcuni consigli di puericultura per facilitarne il compito nei primi mesi di vita del neonato.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Succhia il dito
Succhia il dito. Lo fa maggiormente quando è stanco, malato o particolarmente teso. I consigli di come farlo smettere.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica