ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Vaccinazione contro l'epatite B alla nascita

La vaccinazione contro il virus dell'epatite B viene sempre eseguita alla nascita nei bambini nati da madre HbsAg positiva. Cosa prevede lo schema vaccinale.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia Federica di poco più di un mese è stata vaccinata di epatite B poche ore dalla nascita (purtroppo io sono portatrice sana del virus). La seconda vaccinazione le è stata fatta qualche giorno fa e ci sarà una terza tra circa cinque mesi. Che conseguenze avrà in futuro? Altra domanda: in ospedale mi è stato detto di fare attenzione che nessuno venga a contatto con le feci o urina della bimba. E' possibile che si possa trasmettere la malattia?

La vaccinazione contro il virus dell'epatite B viene sempre eseguita alla nascita nei bambini nati da madre HbsAg positiva (con tale termine si indica una persona che presenta una forma cronicizzata di epatite B o, in gergo famigliare, la cosiddetta portatrice sana del virus).

La prima dose di vaccino viene praticata ancora in ospedale insieme ad una somministrazione di immunoglobuline specifiche (in altre parole di anticorpi) contro il virus epatite B. L'associazione della vaccinazione e delle immunoglobuline è in grado di prevenire efficacemente l'infezione nel neonato: meno del 10% (e in media circa il 3%) dei figli di madre portatrice, sottoposti ad un completo ciclo vaccinale alla nascita, sviluppano un'infezione cronica da virus dell'epatite B.

L'immunoprofilassi somministrata a figli di madre HbsAg positiva non solo previene la trasmissione del virus nel periodo neonatale, ma permette anche di prevenire il possibile contagio intra-famigliare nei primi anni di vita. Infatti, meno dell'1% di tali bambini vaccinati alla nascita e che hanno sviluppato una significativa risposta anticorpale presentano poi un'epatite B cronica nel corso dei primi 5 anni di vita.

Lo schema vaccinale prevede in tutto tre somministrazioni: alla nascita, al 1° mese e al 6° mese. Esiste anche un altro schema vaccinale che prevede quattro dosi (alla nascita, a un mese, a due mesi e a 11-12 mesi di vita), che però non sembra fornire una protezione migliore dello schema base a tre dosi.

Il virus dell'epatite B è stato isolato nel sangue, nello sperma, nelle secrezioni vaginali, nelle lacrime, nel sudore, nella saliva, nel latte materno e, seppur raramente, nelle feci, ma gli studi hanno dimostrato che le possibili vie di trasmissione sono soprattutto attraverso il sangue e i rapporti sessuali e, in minor misura, attraverso la saliva.

La possibilità che si possa verificare un contagio tramite le feci o le urine di sua figlia è virtualmente inesistente, sia perché, come già detto, attraverso tali vie è molto difficile contrarre la malattia, ma soprattutto perché proprio la immunoprofilassi eseguita in ospedale ha ridotto a percentuali bassissime il rischio che la bimba abbia contratto la malattia e che possa quindi trasmetterla.

1/7/1997

7/9/2016

I commenti dei lettori

salve ...il 4 ottobre di questo anno sono diventata mamma di uno splendore...purtroppo sono portatrice si epatite b e io questo lo sapevo ma dato che al mio bambino il primo giorno di vita li e stata eseguita la prima dosi della vaccinazione piu l'imunoglobuline non mi sono preoccupata piu di tanto per che sapevo che non ce pericolo che il mio bambino la prendesse...adesso invece sono preoccupatta per che c'e stato un errore.il mio pediatra non mi ha detto che la seconda dosi la deve fare nel primo mese di vita...e io sono venuta a sapere oggi dal centro di vaccinazioni quando sono andata per il primo vaccino e loro mi hanno detto che la seconda dosi ormai non po piu essere soministrata e quindi passerano alla terza dosi il 15 gennaio che sarebbe la dosi del terzo mese...invece sul foglio che mi hanno rilasciato da li ci sono scriti i tippi di vaccini che a fatto oggi e sono: Vaccinazione AntiPneumococcica ed Vaccinazione esavalente (Polio-DTP-Hib-Eptite B)e quindi il mio pediatra mi ha detto che oggi li hanno soministrato anche la seconda dosi che lui doveva farla ad un mese...io non lo so...dottore posso stare tranquilla non li succedera niente al mio bambino?non avra questo virus pure lui?spero con tutto il cuore che mi risponda al piu presto possibile.grazie infinite!!!

roxana (RM) 16/12/2012

Roxana, dosi e tempi delle vaccinazioni (in generale e dunque anche contro l'epatite B) sono frutto di procedimenti empirici, cioè di prove e verifiche e correzioni: si cerca di ottenere il massimo risultato con il minor numero di dosi. Nel fare questo, si tiene conto della risposta media della popolazione: con una dose mediamente copro x bambini, con due ne copro di più, con tre li copro quasi tutti. Questo per dire che certamente è meglio rispettare gli schemi, ma anche che verosimilmente già la prima dose ha offerto una copertura contro l'epatite B al tuo bambino, per cui un semplice ritardo fra la prima e la seconda non dovrebbe comportare il rischio di far fallire tutto lo schema. Resta fiduciosa e serena e goditi una crescita sana del tuo piccolo.

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 16/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vaccinazione contro l'epatite B alla nascita"

Vaccinazione anti epatite B
L'epatite B è una malattia infettiva e contagiosa causata da un virus che penetra nell'organismo attraverso il contatto diretto con malati o portatori sani.
Malattia di Gianotti-Crosti
La malattia di Gianotti-Crosti è un'affezione del tutto benigna che si risolve spontaneamente.
Può allattare una portatrice sana di epatite B?
L'allattamento al seno non è controindicato se la mamma è una portatrice sano di epatite B.
Transaminasi alte
Transaminasi alte nei bambini. Gli esami che si devono fare per sapere se le transaminasi sono alte.
Vaccinazione contro l'Epatite B
L'arma più efficace per prevenire l'infezione di epatite B è la vaccinazione. Come e quando si somministra il vaccino per l'Epatite B.
Puntura accidentale con una siringa abbandonata
Mio figlio di sei anni ha giocato con l'ago di una siringa usata. Vorrei informazioni sul contagio da siringhe infette.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

La tosse nei bambini: tosse persistente, tosse di notte, tosse secca. Quali rimedi adottare?
I consigli del Pediatra per la tosse nei bambini, i rimedi naturali in caso di tosse persistente, quando usare un sedativo della tosse.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Vaccinarsi contro la varicella prima di una gravidanza
E' opportuno che le donne che non hanno avuto la varicella eseguano la vaccinazione prima di intraprendere la gravidanza.
Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare