ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

È aggressivo alla scuola materna

Si sta inserendo abbastanza bene alla scuola materna ma è aggressivo con gli altri bambini: i consigli della psicologa per aiutare il bambino a risolvere questa situazione.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Vi scrivo affinché mi aiutiate ad interpretare il comportamento di mio figlio che ha tre anni e mezzo e frequenta la scuola materna. Dopo un primo periodo di comprensibile rifiuto dell'ambiente scolastico ha cominciato ad accettarlo e ad andarci abbastanza volentieri.
L'insegnante mi dice che si sta inserendo gradualmente nel gruppo con il quale svolge attività ludiche. Il problema sta proprio in questo perché sembra che, durante la fase di gioco, il bambino si dimostri alquanto esaltato ed eccitato fino a sfociare in comportamenti "pericolosi" per i compagni come, per esempio, scagliare gli oggetti verso di loro oppure gettarsi con forza addosso a loro, il tutto senza rendersi conto minimamente del rischio che fa correre. Oltretutto l'insegnante mi dice che, quando comincia a comportarsi così, non c'è niente che riesca a fermarlo finché il compagno "bersagliato" non reagisce con le mani. Non sembra che faccia ciò per aggressività o per rabbia ma solo per un eccesso di esuberanza tanto è che si diverte anche ("Matteo fa bum" questo è quello che dice), tuttavia sembra che sia un comportamento da fargli evitare. Voi come interpretate ciò? È un atteggiamento normale che hanno anche altri bambini o è effettivamente da correggere come mi dice l'insegnante?

È un atteggiamento assolutamente da correggere, ma sono pochi i dati per darti un aiuto su come farlo. Si è mai comportato così prima di allora? Ha un fratello con cui confrontarsi a casa, col quale si comporta in modo aggressivo o ha goduto lui da solo di tutto il vostro affetto? L'inizio della scuola materna corrisponde con la ripresa del lavoro della mamma? O con la nascita di un fratello? Ha mai frequentato altre comunità come il nido o è la prima volta? In famiglia sussiste un clima sereno o gli capita spesso di assistere a diverbi tra genitori?

Esamina tutti gli aspetti possibili che possano spiegare un suo comportamento di sfida, di aggressione. Aiutalo a capire che non verrà mai abbandonato da voi genitori e, con una certa fermezza, fagli capire che è sbagliato comportarsi in quella maniera. Ho l'impressione che non conosca dei limiti (probabilmente è un figlio unico abituato a non dover condividere con nessuno i propri giochi e le attenzioni degli adulti) perché solo nel momento in cui l'altro reagisce con le mani si ferma. Devi fargli capire che se vuole avere degli amici non deve essere aggressivo.

Aiutalo standogli vicino, ma anche ponendo dei secchi divieti e negazioni di vario genere: io penso che il castigo, se ben motivato, possa essere proficuo. Infine abbrevia, se possibile, la frequenza giornaliera della scuola, nel senso di ritirarlo alla prima uscita, in modo da potersi riposare a casa, finché non migliora la situazione. Ci vorrà un po' di tempo ma, quando avrà raggiunto un equilibrio, tutto andrà bene. Soltanto nel caso in cui questi accorgimenti non siano sufficienti è il caso di rivolgersi ad uno psicologo. Non demoralizzarti: come insegnante ho affrontato un caso simile. Ci è voluto parecchio tempo, ma poi la situazione si è risolta, grazie anche ad una stretta collaborazione tra insegnanti e genitori.

13/5/2003

12/7/2015

I commenti dei lettori

Aiutatemi un po', la mia bimba di soli 16 mesi è molto aggressiva, tira capelli e da pizzicotti a tutti, da poco è andata all'asilo nido ma fa allontanare tutti da lei, questo comportamento lo teneva anche prima che iniziasse l'asilo. Ha una sorellina di quasi 4 anni, che per non farla diventare gelosa, fino ad un anno l'ho trascurata un pò, sarà questo il motivo?

Antonella (CE) 01/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "È aggressivo alla scuola materna"

Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Andrà al nido il mese prossimo
Inizierà il nido il mese prossimo. I consigli su come prepararlo a questa nuova esperienza.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Non vuole più andare alla scuola materna
Dopo le vacanze di Natale, il bambino non ha più voluto saperne di andare a scuola con un deciso comportamento di rifiuto! Come risolvere questa situazione.
Asilo o baby-sitter?
Asilo o baby-sitter: una scelta difficile per la mamma che lavora. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta