ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà

Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto. Freud lo indica come una tappa fondamentale nello sviluppo sessuale del bambino.

a cura di: Dott.ssa Margherita Fassari (psicologa)

Avrei bisogno di qualche informazione sul "complesso di Edipo". Ho una bimba di 19 mesi di età che da circa un mese non fa altro che essere attaccata al papà in ogni istante, in modo morboso, tipo: la deve cambiare il papà, la deve vestire il papà, deve fare il bagno con il papà, deve andare al bagno con il povero papà, che naturalmente non vive più ed io sinceramente non ne sono entusiasta.

Partiamo un po' dalle origini del concetto e facciamo un passo indietro nella storia.

Il complesso di Edipo nasce con Freud e identifica il desiderio sessuale nei confronti del genitore di sesso opposto che arriva fino al desiderio di possesso. Freud lo indica come una tappa fondamentale nello sviluppo sessuale e nel processo di identificazione sessuale del bambino. La definizione classica del complesso edipico si riferisce allo sviluppo psicosessuale del bambino maschio e si manifesta con comportamenti di lotta e competizione verso la figura paterna per l'amore della mamma. L'origine della terminologia si deve alla tragedia greca, L'Edipo Re, in cui Edipo viene a scoprire in età matura di aver sposato sua madre dopo aver ucciso, senza saperlo, il vero padre. Il percorso che Freud assegna alle bambine è piuttosto differente: in loro l'attrazione per il padre e il disinvestimento affettivo della madre sono dettati da un'invidia latente per qualcosa che il padre ha e la mamma no e che è fonte immediata di gratificazione, ossia l'organo riproduttivo maschile. L'invidia del pene sarebbe l'aspetto caratteristico del complesso edipico della bambina.

Torniamo ora alla sua bambina. In base ai nuovi orientamenti anche all'interno della corrente psicoanalitica, della descrizione originaria possiamo conservare la capacità di Freud di cogliere, descrivere e connotare dei comportamenti tipici che quasi tutti i bambini manifestano, più o meno marcatamente, anche in funzione del loro stile di attaccamento globale, in un periodo che va dai due anni circa fino a 7-8 anni. Tali comportamenti vengono definiti edipici ossia manifestazioni di spiccata preferenza per il genitore del sesso opposto e diminuiscono progressivamente grazie al processo di identificazione sessuale con il genitore dello stesso sesso (ossia il sentirsi "femmina" o "maschio" e comportarsi come tali) e con l'ingresso a scuola e il progressivo investimento delle energie del bambino su obiettivi differenti: la socializzazione con i pari, l'apprendimento e la curiosità intellettuale.

Cosa fare? Avere il coraggio di essere autorevoli. Con questo voglio dire che non deve essere la bambina a decidere chi la cambierà, chi la porterà al bagno, ecc., ma voi. Questo comporterà sicuramente pianti, capricci e scenate. Cercate di non cedere alla sua volontà e di mantenere dei turni nell'occuparvi della bambina motivando il vostro comportamento: dite pure alla bambina che il papà è stanco, che alla mamma fa piacere stare con lei a sua volta, che vi occupate di lei un po' per ciascuno. Una piccola precisazione sullo stile di attaccamento: ogni bambino, o meglio ogni cucciolo di mammifero, sviluppa un attaccamento alla figura primaria che si occupa di lui. L'attaccamento ha una funzione primariamente protettiva. Lo stile di attaccamento può variare in funzione della qualità della relazione fra il cucciolo e la figura di cura primaria ed influenza le manifestazioni comportamentali del cucciolo stesso.

3/3/2004

30/8/2015

I commenti dei lettori

ciao, ho una bimba di 3anni e mezzo, dovrebbe essere nel pieno del complesso edipico invece è ossessionata da me e per nulla dal babbo. C'entra qualcosa che l'ho allattata per 18 mesi? io cerco sempre di coinvolgere mio marito ma a volte sembra inutile e quando vado a lavorare lei preferisce stare con la nonna. Mio marito non ci sta bene e nemmeno io, cosa possiamo fare?

romina (PT) 13/03/2012

Anche mia figlia,4 anni, è attaccatissima a me e poco a suo padre,ma io non l'ho allattata per niente....mi adora in maniera smisurata ma col papà ha un rapporto difficile,spesso lo caccia via e vuole solo me!

Annamaria (BR) 10/09/2012

io sono un padre a cui non è concesso dalla madre di dormire con la propria figlia fionchè non compiera 3 anni (il 17 dicembre 2012), la madre convinta dal nonno usa la bimba come arma contro il padre. La madre in accordo con il nonno non mi ha permesso di vedere nostra figlia Alessia prima di due mesi di vita perchè l'avvocato l'ha costretta, inizialmente le hanno fatto credere che il padre era il nonno e poi successivamente dopo un anno circa la madre ha trovato un nuovo moroso il quale mi deve sostituire di fatti Alessia dorme con loro 2 nel letto matrimoniale (e con me non ha mai dormito) perchè la madre sta cercando di fare in modo che la piccola si attacchi a questa nuova figura come se fosse il babbo. Tutto ciò non puo creare dei problemi nella crescita della bimba, avendo dei problemi psiocologici?

Deris Altavilla (FC) 15/09/2012

Salve, ho una bimba di 12 mesi e sono una mamma single...la figura paterna è inesistente, e quella del nonno ovvero di mio padre è saltuaria...come posso fare? Se è una tappa importante del suo sviluppo come posso rimediare a questa assenza di figura? Mi sento tanto in colpa per questo per favore rispondetemi.grazie mille.

antonella (NA) 03/09/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Complesso di Edipo: è morbosamente attaccata al suo papà"

Mostrarci nudi
Non ci facciamo problemi a mostrarci nudi davanti a nostra figlia. E' un atteggiamento corretto? I consigli della psicologa.
Gioca con i nostri capelli
Il mio bambino ha il vizio di giocare con i nostri capelli. Non bisogna preoccuparsi troppo, dato che questa abitudine non porterà alcun danno.
Il ruolo del papà dopo il parto
La presenza del papà è fondamentale nel sostegno della madre al rientro a casa dopo il parto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte