ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Figli che non parlano con i genitori

Che fare se i figli non vogliono parlare con i genitori? Come creare la situazione e il luogo adatto allo scambio di idee con i propri figli. I consigli dell'esperto.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

"Cerco di parlare con mio figlio adolescente, ma lui non mostra alcun interesse, rifiuta il dialogo o risponde solo a monosillabi, preferisce parlare con gli amici, anche quando voglio discutere temi che considero importanti per lui non ottengo risposte: queste sono frasi che possono essere sottoscritta da molti genitori". (D. Sampaio).

Circa quarant'anni fa i figli si lamentavano perché non era facile affrontare con i genitori determinati argomenti, come ad esempio sesso, droga e violenza. Per avere risposte e pareri si rivolgevano al di fuori della famiglia, ad amici e adulti.

Che fare se i figli non vogliono conversare con i genitori? Daniel Sampaio, medico psichiatra, che ha maturato una lunga esperienza con il mondo giovanile, suggerisce quanto segue.

  • Verificare se è stato tentato veramente tutto. L'amore stimola l'inventiva di un genitore che può trovare sempre nuove strade di approccio. Bisogna però pensare, osservare, studiare, consigliarsi con altri.
  • Abituarsi a chiacchierare e a scambiarsi impressioni con i figli fin da piccoli: quando saranno adolescenti sarà meno difficile il dialogo.
  • Accettare, rispettare e riconoscere le differenze tra i figli e attendere il momento più opportuno per la conversazione. Ogni figlio è diverso dall'altro: lo sappiamo bene. Allora parole e modi diversi per ognuno.
  • Approfittare dei momenti di distensione. Evitare conversazioni in tono formale e con ordine del giorno annunciato. Una situazione distesa e disimpegnata facilita il dialogo.
  • Saper anche attendere l'iniziativa dei figli, che si aprono quando lo ritengono opportuno. I genitori possono imparare a mettere da parte il bisogno impellente che provano di "ricevere delle parole" dal figlio.
  • Approfittare di lavori in casa per scambiare idee. Quando si apparecchia la tavola, si fa una riparazione, si mette in ordine una stanza.
  • Evitare l'eccesso di domande. La domanda può mettere in imbarazzo se è troppo diretta e invadente; può anche esercitare un "effetto dominanza": io ti domando e tu sei "tenuto" a rispondere: metterebbe quindi il giovane in una situazione di inferiorità. Nel dialogo invece è meglio viaggiare alla pari.
  • Rispettare l'intimità dei giovani. Evitare intrusioni e "indagini". Solo se vogliono possono aprire agli altri il loro mondo intimo. L'apertura può partire solo da una confidenza libera e non può essere forzata dall'esterno: se così fosse, si otterrebbe una confidenza "violata", seguita da una chiusura prolungata nel futuro.
  • Ascolto e fiducia. Se il figlio fa una confidenza, ascoltarlo con molta attenzione evitando qualsiasi giudizio anche solo interiore su quello che lui racconta. Si affronterà con calma il problema, trovando insieme delle soluzioni. Descrivere i fatti, valutare l'accaduto, ma evitare di giudicare le persone.
  • Discrezione. Quando si ascolta la confidenza di un figlio, lui deve essere sicuro che quello che racconta non sarà divulgato a nessuno. Mai parlare di argomenti intimi o delicati in presenza dei fratelli, di amici di famiglia, di parenti, per esempio in occasione di un pranzo o di una gita insieme. Cercare invece una situazione e un luogo adeguati. Una chiacchierata in un posto riservato o in auto, passeggiando, andando a fare acquisti.

"E se, dopo aver tentato tutto, il figlio resta chiuso in un silenzio preoccupante, dico ancora una volta di non desistere. Accertatevi che sappia di poter contare su di voi quando avrà bisogno di sfogarsi su qualsiasi tema o quando sentirà di aver bisogno di voi". - Daniel Sampaio, Nella tempesta dell'adolescenza, Francoangeli, pp 62-64.

Daniel Sampaio, è professore di psichiatria presso la facoltà di medicina di Lisbona. Responsabile del servizio di psichiatria dell'ospedale Santa Maria di Lisbona, si è occupato principalmente di giovani a rischio. Allievo di Carl Whitaker, è uno dei promotori della terapia familiare in Portogallo.

27/8/2012

6/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Figli che non parlano con i genitori"

Ascoltare i figli e dialogare
E' meglio incoraggiare il dialogo e l'ascolto con i propri figli, anziché bloccare la conversazione con un giudizio.
Tu adesso non lo capisci, lo capirai più avanti
E' meglio incoraggiare la comprensione e il buon ragionamento, attraverso il dialogo anziché dire: "adesso non lo capisci, lo capirai più avanti".
Adolescenti e dialogo con i genitori
I consigli dello psicologoi su come affrontare un figlio adolescente. Come mantenerre il dialogo con i nostri figli.
Il significato di "crisi" in adolescenza
La crisi adolescenziale si caratterizza per due processi psicologici fondamentali: la separazione e la individuazione.
Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita
L'Associazione Famiglie di Soggetti con Deficit dell'Ormone della Crescita è composta da genitori che hanno i figli in terapia con l'ormone della crescita.
I problemi dell'adolescenza
Nell'adolescenza l'individuo cerca di adattare la personalità alle nuove condizioni prodotte dalle trasformazioni fisiche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.
Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
Centri antiveleni
I consigli di cosa fare in caso di avvelenamento o ingestione di tossici o caustici.
La timidezza del bambino
Per aiutare il bambini timido a superare certe situazioni di timidezza non bisogna forzare le tappe del suo sviluppo psicologico.

Quiz della settimana

Quando si può considerare definitivo il colore degli occhi in un lattante?
a 2-3 mesi di vita
a 4-5 mesi di vita
a 6-7 mesi di vita
a 11-12 mesi di vita