ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

I capricci dei bambini

Che cosa dire, che cosa rispondere per evitare ai capricci dei bambini. Cosa consiglia l'esperto per non lasciarsi prendere in "ostaggio" dal bambino.

a cura di: Dott. Marco Manica (educatore della redazione di www.comunicareinfamiglia.com)

Ci siamo di nuovo con i soliti capricci!
Voglio il gelato! Comprami gelato! Non ho voglia di alzarmi, resto a letto! Ridammi il mio orsacchiotto! La lista può essere interminabile, alimentata dalla fantasia dei bambini e dalle situazioni che presenta la vita. 

I bambini dimostrano a volte un’abilità sviluppata nella loro strategia di attacco: insistono con energia nelle richieste, sapendo che così otterranno.

La battaglia può diventare impari e farsi estenuante perché le energie del piccolo sono quasi illimitate rispetto a quelle di papà e mamma, inoltre lui ha la possibilità di concentrarsi esclusivamente su quella piccola cosa che vuole ottenere, mentre l’adulto deve far fronte contemporaneamente a molte altre cose.

Attenzione quindi a non lasciarsi prendere in ostaggio dal frugolino.

Che cosa fare e che cosa invece evitare in questi casi?  Che cosa dire, come rispondere e come dirlo? Maria Ria Parsi, nel suo Manuale anti-ansia per genitori (edizioni San Paolo), ci offre alcune indicazioni.

  • Capire se il capriccio è solo un pretesto per ottenere in fretta la cosa richiesta. È quindi importante ascoltare il bambino, anche per non liquidare sbrigativamente la questione. Quindi aiutarlo ad esprimere con chiarezza i motivi alla base delle sue proteste.
  • Studiare con lui possibili soluzioni (non imporre sempre e solo la nostra conclusione). In questo modo potremo offrirgli dei suggerimenti per risolvere il problema.
  • Vincere la tentazione di cedere immediatamente: forse siamo molto stanchi e il bambino sa approfittare molto bene di questi momenti di vulnerabilità. Ma è più saggio resistere alla tentazione di dargli subito quello che chiede, per liberarci dai suoi pianti e dalle sue grida. Reagendo così lo incoraggiamo a ripetere lo stesso comportamento - i capricci - in occasioni future. Equivale a comunicargli: “se vuoi qualche cosa, fa i capricci e vedrai che la otterrai presto e sempre”.
  • Attenzione! La cultura del tutto e subito è dilagante. Promuoviamo in famiglia la cultura dell'attesa. Facciamo circolare più spesso in casa parole e frasi del tipo: attendere, pazienza, aspettare, Ci vuole del tempo per ottenere questo... Prima di questo, non ti sembra importante quest'altra cosa? ...Quanto tempo occorre secondo te per ottenere quello che vuoi?... Che cosa ci vuole per avere quello che chiedi? Con queste domande si allena il bambino a riflettere e a riconoscere i passaggi successivi che occorrono per arrivare a un certo obiettivo e il tempo che serve.
  • Il capriccio manifesta un disagio: è bene approfondire le cause che stanno alla sua base. Vorrei capire meglio che cosa vuoi... Mi fai capire perché è tanto importante per te in questo momento?... Se mi dici qualcosa di più della tua rabbia forse ti posso aiutare... Vorrei capire sul serio perché sei così arrabbiato, solo per aiutarti di più...

Offriamo quindi ascolto e attenzione invece di regali e immediata soddisfazione di richieste.

23/7/2012

26/12/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I capricci dei bambini"

Capricci in un bambino di 17 mesi
Da qualche giorno il mio bambino di 17 mesi ha iniziato a fare i capricci. I consigli per gestire questi comportamenti.
Sta facendo i capricci dei bambini
Il mio bambino fa molti capricci senza motivo. Non vorrei crescesse capriccioso.
Reagisce ai rimproveri picchiandosi
Nostro figlio reagisce ai rimproveri picchiandosi in testa. Come possiamo risolvere questa situazione? I consigli dello psicologo.
Aggressività nel bambino piccolo
A dieci mesi non esiste aggressività: sono "prove tecniche" di relazioni con gli altri, basta guidarle nel modo giusto.
Dice sempre no
Mio figlio di due anni risponde sempre di "no". I consigli dello psicologo.
Fa la lagna
A quattro anni e mezzo, mio figlio "fa la lagna" quando vuole qualcosa. Come aiutarlo a risolvere questa situazione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.
Prurito vaginale insistente
Ho una bambina di otto anni che da circa due anni soffre di prurito vaginale insistente. Cause e terapia.
Bendaggio dell'occhio
Il trattamento per l'ambliopia prevede il bendaggio dell'occhio, cioè la copertura dell’occhio sano con un cerotto o bendaggio per riattivare "quello pigro".
Il bagnetto del neonato
Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. Come comportarsi.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa