ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non vuole che gli si tocchino i suoi giochi

Quando mio figlio è in compagnia di altri bambini, non vuole che gli tocchino i suoi giochi. Gli passerà? I consigli per risolvere la situazione.

a cura di: Dott. Maurizio Rizzuto (psicologo)

Il mio bimbo di due anni e mezzo, quando è in compagnia di altri bambini, non vuole assolutamente che gli tocchino i suoi giochi, ma invece cerca di portare via i giochi degli altri bimbi. Come devo fare per non sgridarlo in continuazione e vederlo piangere?

Gentile signora, la situazione descritta è qualcosa di ricorrente nei bambini soprattutto in quella fase della vita in cui si costruisce il senso della proprietà. Essa può essere tanto più evidente nel caso il bambino fosse figlio unico in un ambiente di adulti che rispettano "le sue cose" o comunque non fosse abituato a frequentare altri bambini e pertanto non abituato a forme di gioco di gruppo. L'attaccamento alle proprie cose, in questa fase dello sviluppo, è un modo di mantenere saldi i propri punti di riferimento senza doverli mettere a rischio come succede nella condivisione con altri bambini; ed allora, quando il bambino si trova con altri, preferisce giocare con i giochi dell'altro lasciando da parte e al sicuro i propri. Quando questo diventa evidente, se la risposta dell'adulto consiste ogni volta in un rimprovero, il bambino potrebbe non capirne il perché dal momento che il suo scopo è solo quello di preservare il suo ambiente familiare, i suoi giochi.

D'altro canto lasciar sempre passare inosservato questo modo di fare può essere altrettanto improduttivo per il bambino che alla fine potrebbe vedersi isolato dagli altri bambini con cui gioca. Potrebbe risultare utile fare in modo che il bambino frequenti contesti in cui ci sono altri coetanei così da apprendere pian piano le forme più complesse di gioco di gruppo e al tempo stesso stargli vicino, anche fisicamente se necessario, e con pazienza, per stimolarlo a condividere i suoi giochi abbassando il suo livello di ansia. Imporre al bambino di "prestare" i suoi giochi potrebbe avere un effetto controproducente aumentando il suo senso di disagio e di non sentirsi capito; diversamente, la vicinanza dell'adulto che dà sicurezza può favorire l'apprendimento di modi più adattivi e rilassati di stare con l'altro.

9/1/2002

10/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non vuole che gli si tocchino i suoi giochi"

Gioca solo con gli adulti
Bisogna valutare quali siano i motivi che portano il bambino a giocare solo con gli adulti. I consigli della psicologa.
Play Therapy
La Play Therapy è un'efficace forma di terapia per i bambini che si fonda sull'uso del gioco inteso come il mezzo espressione primaria.
Genitori e figli giocano
Il gioco tra genitori e figli permette di migliorare la relazione familiare.
Giochi on line per bambini
E' opportuna la presenza di un genitore se si decide di consentire l'accesso a giochi di ruolo on line, specialmente se sono cruenti.
Filial Therapy
Secondo il modello terapeutico della Filial Therapy, il gioco è inteso come strumento di terapia, che permette di migliorare il rapporto genitori-figli.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Brufolo sulla palpebra. Può essere un calazio?
Gli è comparso un brufolo sulla palpebra in concomitanza alla crescita dei canini. La piccola neoformazione potrebbe essere un banale calazio.
Dà il latte adattato: fermatelo!
Ribadiamo la assoluta e indiscutibile superiorità dell'allattamento al seno sul biberon.
La preeclampsia
La preeclampsia è una malattia della gravidanza. Le forme più lievi scompaiono dopo il parto.
Come prepararla psicologicamente ad un intervento chirurgico?
I genitori devono favorire nel bambino il contenimento di angosce, paure e dolore fisico e ciò per consentire che egli si possa riappropriare del proprio corpo.
Hanno riscontrato un difetto del setto interatriale
Il difetto del setto atriale è una della cardiopatie congenite più frequenti. L'intervento viene eseguito, in assenza di sintomi, entro i 2 - 3 anni di età.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K