ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Scuola a tempo pieno o orario normale

Non è facile consigliare la scuola a tempo pieno o orario normale. E' importante incontrare le insegnanti nelle presentazioni della scuola e poi seguire il proprio istinto.

a cura di: Dott.ssa Paola Zanchetta (sociologa della redazione di www.educare.it)

Devo fare una scelta che reputo molto importante per il futuro di mia figlia: iscriverla alla scuola elementare a tempo pieno, prolungato o orario normale? Faccio presente che ora lavoro a tempo pieno (otto ore al giorno), ma potrei chiedere il part-time al mattino. Cosa mi consigliate potendo effettuare la scelta in tutta libertà? Cosa è meglio per mia figlia?

Gentile signora, pur essendo io una "donna di scuola" mi è davvero difficile darle un buon consiglio perché, come ogni impresa che si realizza attraverso le persone, non è solo nella formula o nel progetto adottato il successo, molto dipende dalle persone che lo interpretano!

Come dire: la scuola prima ancora che le sue formule è nelle persone che la realizzano, nei loro modi, nei loro gesti, nei loro desideri e soprattutto nella loro voglia di esserci in quel progetto. Allora, se le è possibile, vada ad incontrare le insegnanti di sua figlia, vada ad ascoltarle nelle assemblee di presentazione e segua il suo istinto. Affidi sua figlia alle braccia che lei sentirà più sincere. Per il resto, il successo formativo dei nostri figli non dipende certo dall'optare per le trenta o le quaranta ore a scuola, ma da come quelle ore sono realizzate.

Poi, invece, se lei deve lavorare fino alle quattro, piuttosto che un "va e vieni" di baby-sitter, di nonne e di ansia da sistemazione, molto molto meglio la scuola. Ed infine, se lei ha voglia di un part-time per stare un po' con la sua bambina, può scegliere la formula tradizionale arricchendola con altre proposte formative.

5/7/2002

12/8/2017

I commenti dei lettori



Buongiorno mi chiamo Manuela e sono di Terni.Ho un bambino di nome Valentino che ha sei anni e frequenta la prima elementare a tempo pieno.Devo dire che con il tempo pieno mi trovo bene sia io che mio figlio,ha imparato molte cose e tutt'ora le stà imparando anche perchà gli fanno fare dellìattività scolastica anche nel pomeriggio,quindi se posso dare un consiglio sarebbe bello che i bambini facessero il tempo pieno.Ciao a tutti e buona giornata ma sopratutto Buon Natale e Felice Anno Nuovo a tutte le mamme ed allo splendito staff di mamma e papà che io seguo ormai da sei anni....Manuela

Manuela (TR) 20/12/2010

Io ho due figlie che frequentano la scuola primaria: la piu' grande fa quarta, la piu' piccola va in prima. Per la grande non ho potuto scegliere il tempo pieno: non era ancora previsto quando lei ha iniziato nella scuola che frequentava gia' dalla materna e che era logisticamente piu' comoda. Quindi il suo orario era ed e' di cinque mattine piu' tre pomeriggi la settimana. L'anno dopo invece avevano inserito anche il tempo pieno, quindi quando si e' trattato di scegliere per la piccola non ho avuto dubbi. Io ho frequentato il tempo pieno alle elementari e poi il tempo prolungato alle medie, e mi sono trovata molto bene. Il fatto di non dover pensare ai compiti se non durante il fine-settimana e' gia' una splendida cosa. Lei e' contenta, non mi sembra particolarmente stanca all'uscita di scuola, e quando fa le attivita' extra scolastiche non si deve preoccupare di avere finito i compiti o di dovere ancora studiare una volta rientrata, cosa che invece succede con la primogenita. Per quanto mi riguarda io lo consiglierei. Enrica

enrica (AL) 20/12/2010

Io non ho avuto scelta e i miei figli hanno dovuto fare tutti e tre il prolungato. Il prolungato sarebbe ottimo se il pomeriggio fosse veramente un momento di recupero o di attività extra per i bambini. Purtroppo sia nelle elementari che nelle medie questo non si è visto. Ore normali di scuola, uscita alle 16 .15 e in più i compiti (e neanche pochi). Un incubo. Ho nostalgia della cara vecchia scuola solo al mattino, con compiti al pomeriggio ma che ti lasciavano anche il tempo per giocare un po' e per stare con la famiglia...

cristina66 (TO) 10/09/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Scuola a tempo pieno o orario normale"

Il desiderio di imparare si apprende in famiglia
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti.
Dislessia
La dislessia è una difficoltà che riguarda la capacità di leggere e scrivere in modo corretto e fluente.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Dislessia: difficoltà nella lettura e/o scrittura
La dislessia è una difficoltà duratura dell'apprendimento della lettura e della scrittura in bambini di intelligenza normale.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Vessazioni a scuola
A scuola viene fatta oggetto di vessazioni da parte dei suoi compagni di classe. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Sport e allattamento
Non ci sono controindicazioni alla pratica di uno sport durante l'allattamento.
Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.
Sterilità e fecondazione assistita
Si parla di sterilità quando la coppia non riesce a concepire dopo un anno di rapporti sessuali regolari. La fecondazione assistita può essere la soluzione.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Speciale: l'ABC del nasino sano
Quasi tutti i piccoli e grandi malanni dei nostri piccoli iniziano dal naso. Trattiamolo con cura.

Quiz della settimana

Lo scorbuto è una malattia causata dalla carenza di una vitamina. Quale?
Vitamina A
Vitamina C
Vitamina E
Vitamina K