ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

E' veramente allergico all'uovo?

Dopo aver mangiato l'uovo ho notato delle chiazze rosse intorno alla bocca e sul mento. Sarà dovuto all'allergia all'uovo?

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Il mio bambino ha ora 27 mesi e da quando ne aveva dodici ho cercato di introdurre nella sua dieta l'uovo, con le giuste cautele e dosi, consigliata dal pediatra. Da subito ha mostrato una reazione che non so se definire allergica: dopo circa 10 minuti dall'aver mangiato l'uovo si notano delle chiazze rosse intorno alla bocca e sul mento. Queste macchie scompaiono dopo due ore circa e non ho mai notato altre reazioni (intestinali, ecc.). Questo si verifica ogni volta che il piccolo mangia l'uovo in qualsiasi modo sia stato cucinato. Preciso però che non manifesta questa reazione quando mangia altri prodotti contenenti l'uovo (pasta, biscotti, ecc.). Visto che la reazione si manifesta subito, praticamente mentre ancora sta mangiando, può trattarsi di allergia? È necessario approfondire? Devo eliminare l'uovo dalla dieta del bimbo?

La manifestazione immediata che manifesta il piccolo fa pensare ad una tipica allergia all'uovo. Il fatto di non avere disturbi con altri cibi contenenti uovo potrebbe dipendere dall'avvenuta denaturazione (cioè dall’alterazione strutturale delle caratteristiche originarie) delle proteine presenti in tali alimenti, rispetto all'uovo intero. L'allergia tipica, IgE mediata, non dipende infatti dalla quantità delle proteine ingerite, ma dalla loro qualità, cioè dal fatto di essere, attraverso le varie preparazioni (cottura, bollitura prolungata ecc.), frammentate al punto da perdere le proprietà allergizzanti. È frequente vedere, soprattutto nel caso dell'allergia all'uovo, che il bambino ha molti più sintomi quanto più il cibo è crudo o poco cotto.

Ad esempio, anche nel caso dell'allergia al latte, la bollitura prolungata di tale alimento ne riduce la capacità allergizzante. La cosa più semplice da fare per dirimere il dubbio diagnostico è quella di far praticare al piccolo un Prick test (una prova allergica cutanea) per bianco e rosso d'uovo, la cui eventuale positività confermerà la presenza di allergia. A questo punto, per far completamente regredire la sintomatologia, sarebbe preferibile tenere il piccolo a dieta priva di uovo, di cibi che lo contengono e di carne di pollo, per almeno sei mesi. Dopo tale periodo è utile ripetere un prick test: se il prick si sarà negativizzato, si potrà effettuare una reintroduzione dell'uovo. Di fronte ad un prick positivo io consiglio sempre di attendere il compimento dei tre anni per provare una reintroduzione in ambiente ospedaliero.

 

7/6/2000

3/9/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' veramente allergico all'uovo?"

Allergia alimentare
L'allergia alimentare tende a risolversi spontaneamente dopo il secondo anno di vita per cui, all'età di 10 anni, la frequenza è analoga a quella degli adulti.
Challenge per intolleranza alle proteine del latte vaccino
Per "challenge" o "test di scatenamento" in una allergia alimentare si intende la prova di reintroduzione dell'alimento dopo dieta stretta.
L'allergia al latte gli provoca la tosse
È possibile che il poco latte che assume possa provocare tosse? L'allergia alimentare può essere causa di fenomeni respiratori quali l'asma bronchiale.
Lo svezzamento nel bambino con predisposizione allergica
Nel bambino allergico o predisposto alla allergia, lo svezzamento prevede maggiore attenzione ai tempi di introduzione di carne, pesce, uovo, frutta e verdura.
Coliche e frutta fresca
Da quando ha introdotto la frutta e verdura gli sono aumentate le coliche gassose. I consigli del Pediatra.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.
Mia figlia è a rischio di asma
La diagnosi precisa di asma si può fare dopo i sei anni di età. I sintomi e la terapia da seguire.
Diarrea e vomito nei bambini
Come comportarsi in caso di vomito o diarrea nei bambini. I consigli del Pediatra.
Epatite C in gravidanza
L'epatite C è provocata da un virus che è trasmesso attraverso il sangue o i rapporti sessuali, ma il contagio perinatale non è frequente.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare