ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sci e snowboard

L'approccio iniziale allo sci e snowboard da parte dei bambini deve sempre rispettare alcuni principi, che garantiscono i rapporti positivi tra sport e salute.

a cura di: Dott. Gaetano Iachelli (medico sportivo)

Secondo il suo parere a che età i bambini possono iniziare sport invernali come sci o snowboard?

L'approccio iniziale alle specialità sportive in genere e in particolare allo sci e snowboard da parte dei bambini deve sempre rispettare alcuni principi, che garantiscono i rapporti positivi tra sport e salute e sport e crescita. Non esistono età rigidamente intese per specialità sportive in cui è consigliabile cominciare, ma "metodologie di allenamento" adatte all'età e allo sviluppo dei bambini.

Pertanto è opportuno che inizialmente i bambini familiarizzino, attraverso esperienze ludiche, con gli aspetti tecnici delle specialità sopra menzionate, in modo da sviluppare un vissuto positivo e gratificante; successivamente (e in coincidenza dell'età scolare e quindi con una reale capacità di apprendimento) può cominciare la "somministrazione di allenamenti" non sistematici sempre sotto forma di giochi, per un apprendimento di abilità coordinative prima aspecifico e poi specifico per le discipline.

A questa fase seguirà poi l'allenamento sistematico e diretto delle abilità coordinative specifiche, rispettandone però le fasi evolutive connesse ai tempi di sviluppo di organi e apparati dei singoli bambini (in particolare il sistema nervoso). Avvicinandosi la pubertà, l'allenamento potrà privilegiare lo sviluppo delle capacità condizionali (forza, resistenza e velocità), caratteristiche queste connesse allo sviluppo di cuore, polmoni e apparato muscolo-scheletrico.

Seguendo questo processo graduale il bambino sarà messo nelle migliori condizioni per un apprendimento motorio dapprima globale non specificamente indirizzato e poi, se ciò farà parte delle sue scelte, verso l'acquisizione di competenze specifiche delle discipline in questione.

Vorrei ricordare infatti che la scelta dello sport adeguato dipende soprattutto dal grado di divertimento che il bambino ne ricava, pertanto ciò che rimane importante è chiedersi se al bambino piace praticare un determinato sport, in quanto, qualunque sia la scelta, la pratica iniziale si inquadra come semplice attività ludico-motoria in cui non bisogna richiedere ai bambini particolari abilità; successivamente, in concomitanza con la crescita psico fisica del ragazzo e con l'esperienza della competizione, diventa vera e propria attività sportiva in cui prevale la prestazione e quindi l'allenamento specifico.

4/6/2003

2/12/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sci e snowboard"

L'equitazione a livello agonistico
Praticando l'equitazione a livello agonistico si svilupperà troppo la muscolatura delle gambe? I suggerimenti per l'attività sportiva dei ragazzi.
Come curare una scoliosi
Le hanno diagnosticato una scoliosi inferiore ai 20 gradi. Si può praticare uno sport per migliorare questa situazione?
Forma fisica in gravidanza
Ogni attività fisica che comporti fatica è controindicata per la donna in gravidanza. I consigli per mantenersi in forma durante la gravidanza.
Sport per bambini di 3 anni
Un bambino di 3 anni dovrebbe praticare uno sport sotto forma di gioco che deve piacere al bambino e che si adatta alle sue possibilità di apprendimento.
Pratica tanto sport
A nove anni, si allena quattro volte la settimana. E' importante a questa età praticare più attività sportive non dimenticando mai il divertimento.
Neonati in piscina
L'età non è una controindicazione alla pratica del nuoto e della acquaticità. Anche i neonati possono andare in piscina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo