Mia moglie è in attesa del secondo figlio e da una ecografia è stato diagnosticato dalla ginecologa al feto un "sospetto doppio distretto rene destro". Di cosa si tratta? Può avere ripercussioni gravi sul nascituro? Cosa dobbiamo fare?

Dal momento che si tratta solamente di un "sospetto" diagnostico prenatale credo che non vi sia alcuna raccomandazione particolare dal punto di vista urologico e che la gravidanza debba essere portata normalmente a termine senza ulteriori indagini. Dopo la nascita dovrà essere ripetuta una adeguata valutazione ecografica (renale e vescicale) per stabilire se è effettivamente presente una duplicità della via urinaria (doppio distretto reno-ureterale).

Questa è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema. In pratica è unicamente presente un rene lievemente più grande del controlaterale, associato ad una doppia via escretrice (due bacinetti e due ureteri), con una normale funzione.

Prima dell'avvento della diagnostica ecografica pre-natale, molto spesso queste variazioni anatomiche potevano essere scoperte in età adulta o non essere riconosciute del tutto o talvolta essere rilevate del tutto casualmente. In una ridotta percentuale dei casi, alla duplicità della via escretrice si possono associare dei problemi urinari e tra questi i più comuni sono:

  • reflusso vescico-ureterale (risalita intermittente dell'urina dalla vescica al rene);
  • ureterocele (dilatazione del tratto terminale dell'uretere internamente alla vescica);
  • ectopia ureterale (sbocco anomalo dell'uretere in una sede al di fuori della vescica).

Qualora al controllo ecografico neonatale fosse confermata la duplicità e rilevata una dilatazione evidente di uno o di entrambi i distretti, sarebbe opportuno iniziare una profilassi antibiotica precauzionale per evitare il possibile rischio di una infezione delle vie urinarie e successivamente eseguire degli ulteriori accertamenti diagnostici più specifici.

Altro su: "Doppio distretto renale"

Calcolosi renale
Eccessive quantità di cistina non disciolta nelle urine causano la formazioni di calcolosi renale, nella vescica e/o nell'uretere.
Gli manca un rene
La agenesia renale non comporta alcuna conseguenza a condizione che il rene controlaterale sia del tutto normale.
Reni ectopici
Se la funzionalità renale è normale e non sono presenti altri problemi non vi sono problemi futuri e questa situazione non richiede monitoraggi particolari.
Displasia cistica bilaterale
Il termine displasia multicistica si riferisce in genere ad un rene che è totalmente displasico e costituito da un insieme di grossolane cisti.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Agenesia renale
Per agenesia renale si intende una malformazione congenita in cui l'organo non si forma durante la vita uterina.