Le sottopongo tale domanda perchè sono circa due anni che tentiamo di capirci qualcosa... la nostra bimba è nata con un rene unico, ha quasi due anni non ha mai avuto nessun problema fin ora, ed ha eseguito esami, urinoculture, ecografie ecc. tutte regolari. Abbiamo da poco fatto una scintigrafia in cui è risultato il rene validamente captante ma con numerose aree di ipofissazione riconducibili "probabilmente" a forme cistiche o displasiche... Il pediatra di famiglia dice che questi "puntini" vanno controllati ma non è detto che siano preoccupanti, mentre qualcun altro ci ha parlato di dialisi e trapianto!! Cosa ne pensa Lei? Noi siamo cosi confusi. Mi scuso se mi sono dilungata.

il quesito che Lei pone è estremamente importante in quanto la Sua bimba è portarice di un rene unico. E' assolutamente
indispensabile verificare che il rene abbia una funzionalità ed una morfologia normali e questo può essere determinato sia dalla scintigrafia che da alcuni esami di funzionalità (ematici ed urinari) che normalmente vengono programmati dal nefrologo.

Mi è difficile rispondere non avendo avuto modo di visionare l'esame eseguito dalla piccola (presumibilmente una scintigrafia renale statica DMSA). La presenza di .... "numerose aree di ipofissazione ricond. "probabilmente" a forme cistiche o displasiche"... richiede ovviamente di essere meglio definito ed approfondito!

Se si tratta di un problema congenito è assolutamente opportuno sapere se è associato un reflusso vescico-ureterale e quindi dovrebbe essere programmata una cisto-scintigrafia diretta o cistografia minzionale. Se invece vi sono state delle pregresse infezioni delle vie urinarie potrebbero esserci degli esiti pielonefritici (cicatrici renali) che risultano visibili alla scintigrafia come "aree di ipocaptazione".

In qualsiasi caso è quindi molto importante stabilire esattamente il significato della scintigrafia e sapere effettivamente la situazione del rene unico. Solo in presenza di una importante compromissione funzionale è certamente possibile una progressione verso una insufficienza renale ed, in ultima analisi, ad un eventuale trapianto renale.


 

 

Altro su: "E' nata con solo un rene"

Rene multicistico
Se il rene multicistico è molto voluminoso e causa compressione diaframmatica o intestinale, è indicata la rimozione immediata.
Doppio distretto renale
E' importante conoscere la funzionalità renale di ogni distretto e la valutazione migliore è data dalla scintigrafia.
Sindrome Nefrosica
La Sindrome Nefrosica è l'espressione clinica di alterazioni renali diverse sia per la forma, la causa, il modo di insorgenza e la prognosi.
Sangue nelle urine
La presenza di sangue nelle urine va sempre accertata ed eventualmente approfondita.
Doppio distretto renale
Il doppio distretto renale è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.