Il cambiamento del seno è uno dei primi segni evidenti dello stato di gravidanza. Le ghiandole mammarie, per l’incremento degli ormoni, si ingrossano e si induriscono; le vene risultano più evidenti, l’areola e il capezzolo si induriscono e si inturgidiscono. Queste modificazioni possono provocare qualche indolenzimento e formicolio.

Utile sarà utilizzare un reggiseno in fibre naturali o anallergiche, in grado di sostenere bene le mammelle, facilitare i movimenti e prevenire i rilasciamenti dei tessuti e smagliature al termine della gravidanza.

Negli ultimi mesi di gravidanza, il seno si preparerà all’allattamento, grazie all’azione della prolattina, un ormone prodotto dall’ipofisi (una ghiandola che si trova alla base del cervello), ogni tanto dal capezzolo potrà uscire qualche goccia di colostro, un liquido denso e giallo che costituirà poi i primissimi pasti del lattante. E’ importante durante tutta la gravidanza prendersi cura della pelle del seno con particolare attenzione al capezzolo.

In commercio si possono trovare diversi prodotti (creme, olii) specifici che aiutano a nutrire, a rendere particolarmente elastica l’epidermide e a rafforzare l’area del capezzolo per prevenire le ragadi causate dalla suzione del neonato.

Altro su: "Come cambia il seno in gravidanza"

Ingrossamento della ghiandola mammaria
L'ingrossamento della ghiandola mammaria può essere inquadrato nell'ambito del telarca precoce. Può essere presente fin dalla nascita.
Allattamento al seno: mastite e ingorgo mammario
L'ingorgo mammario può predisporre a mastite (infezione della mammella) con comparsa di febbre anche elevata.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno va incontro a numerosi cambiamenti.
Allattamento al seno: i consigli dell'ARP
Allattamento al seno: le schede della Associazione per la Ricerca in Pediatria. I consigli dei Pediatri.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Allattamento al seno: non vuole attaccarsi
Il neonato non si attacca al seno. Qualche suggerimento per non rischiare di perdere il latte della mamma.