Quando lavo la testa al mio bambino di due mesi, ho sempre paura di fargli male o di danneggiare il suo cervello toccandogli la fontanella.

Con il termine di fontanelle si intendono quelle piccole zone molli ed elastiche, in numero di sei, presenti sulla testa dei neonati, nei punti in cui le ossa del cranio non si sono ancora saldate. Esse permettono al cranio di modellarsi e di modificare la sua forma quando, nel momento del parto, la testa del piccolo deve adattarsi agli stretti spazi del canale vaginale.

La fontanella più evidente è quella anteriore, situata sulla sommità del capo, di forma romboidale. Come le altre è ricoperta da una membrana costituita da tessuto fibroso che a prima vista può sembrare delicata, ma che in realtà è molto resistente.

Con il passare del tempo si assottiglia progressivamente fino a chiudersi del tutto tra gli 11 e i 18 mesi. La mamma può perciò tranquillamente lavare e toccare la testa del piccolo, senza timore di provocare danni; inoltre la presenza delle fontanelle e delle ossa elastiche del cranio fanno sì, diversamente da un'opinione diffusa, che i piccoli assorbano meglio di noi adulti eventuali colpi alla testa.

Altro su: "Fontanella nel neonato"

Tumore da parto
Il tumore da parto non è altro che un gonfiore sul cranio del neonato dovuto alla pressione durante il parto. Non c'è nulla di cui preoccuparsi.
La fontanella del neonato
Fino a quando la fontanella non si salda completamente, è necessario trattare con cautela ed attenzione la testa del bambino.
Ha la fontanella pulsante
Ha la fontanella pulsante perché i capelli in corrispondenza della fontanella si alzano e si abbassano ritmicamente.
La fontanella
La fontanella posteriore è di solito chiusa oltre la 6 - 8 settimana di vita. La fontanella anteriore si chiude tra il 6° e il 20° mese di vita.
Fontanella
Si tratta di una fontanella pulsante che normalmente viene definita fontanella pulsante "falsa".
Si puo' fare l'ecografia al cervello?
L'ecografia cerebrale per via transfontanellare è ormai una indagine abbastanza diffusa nei reparti di neonatologia.