Il neonato può sporcare il pannolino fino a 10-12 volte al giorno nei primi giorni di vita e fino a 6 volte quando diventa un po’ più grande. Cambiare il pannolino appena ci si accorge che è sporco o umido aiuta a prevenire irritazioni della pelle (eritema da pannolino). E’ molto importante che prima di procedere al cambio vi organizziate in modo da avere a portata di mano tutto ciò di cui avrete bisogno per non allontanarvi dal bambino neppure per un attimo.
Ricordate sempre che i bambini si muovono molto rapidamente ed imprevedibilmente! Perciò non lasciateli mai da soli sopra il fasciatoio. Se dovete allontanarvi, meglio sdraiarli per terra sopra un tappeto pulito.

Per la pulizia dei genitali e della zona ricoperta dal pannolino è necessaria la sola acqua.

Nelle femmine, per prevenire il passaggio di germi contenuti nelle feci alla vagina, è bene pulire sempre con un movimento dal davanti all’indietro. Se nei primi giorni di vita osservate delle secrezioni vaginali, anche rossastre, non preoccupatevi: sono dovute all’effetto di ormoni della mamma. L’importante è che non tentiate di rimuoverle dall’interno.
Nei maschi pulire con cura intorno al pene ed ai testicoli evita gli arrossamenti. E’ inoltre opportuno evitare manovre di stiramento all’indietro del prepuzio, che può essere un po’ stretto, ma si allenterà con la crescita.

Per la pulizia si possono utilizzare acqua tiepida e sapone delicato per bambini, olio extravergine d’oliva e batuffoli di cotone o garze pulite. E’ bene in ogni caso non utilizzare prodotti che contengano essenze profumate e scegliere sempre prodotti di qualità.
In realtà la pelle del bambino per essere mantenuta sana ha bisogno di essere rispettata nella sua fisiologia: deve essere mantenuto il film lipidico e non devono essere usati prodotti aggressivi che lo distruggono. Per l’igiene del corpo è sufficiente il bagno con acqua tiepida, un sapone neutro di Marsiglia e amido di riso (anche l’acqua di cottura del riso ne contiene molto).

Al termine della pulizia è sufficiente lasciare la cute pulita e bene asciutta. Eventualmente massaggiarla con olio. Non cospargere mai di talco: il suo uso improprio potrebbe essere fonte di pericolo per il bambino (polmoniti da inalazione).

Per la protezione può essere usato il comune olio extravergine d’oliva (sì, quello dell’insalata!) che ha anche il potere detergente e idratante. L’olio d’oliva è consigliabile anche per la crosta lattea. Passato con cotone sulla testa del bambino e lasciato agire può essere poi lavato con acqua e con una spazzola morbida le cuticole restanti vengono via. Usato nel massaggio idraterà la pelle di tutto il corpo.

(Tratto da: BAMBINE e BAMBINI del MONDO GUIDA PER LE FAMIGLIE, Ministero della Salute)

 

Altro su: "Il cambio del pannolino nel neonato"

Si scarica solo nel pannolino
Non si scarica se non nel pannolino. Dobbiamo lasciarglielo? In questa fase non è consigliata di forzarla.
Il vasino
Uno dei passaggi più difficili per un bambino è quello dal pannolone al vasino. I consigli del Pediatra.
Bagnetto impossibile
E' diventato impossibile cambiarla o fare il bagnetto: non sta più ferma un attimo. I consigli per effettuare il bagnetto in sicurezza.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Candida
La Candida albicans è un fungo che si trova normalmente sulla pelle ma che può dare problemi.
Pannolini lavabili ed ecologici per neonati
I pannolini ecologici per neonati sono pannolini simili agli "usa e getta", ma lavabili in lavatrice. Vari modelli e marche.