Domani devo fare al mio bimbo di un anno il challenge del latte per intolleranza delle proteine del latte vaccino ed eventuale reintroduzione. Ovviamente sarà fatta in ambiente ospedaliero ma…. che cosa è esattamente?

Si intende per "challenge con latte vaccino" la reintroduzione di tale alimento, in un paziente a dieta priva delle relative proteine, per un'allergia alimentare da latte vaccino. Il challenge viene praticato in ospedale allorquando vi è il rischio di una possibile reazione avversa causata dalla reintroduzione dell'alimento. Vi sono due tipi di pazienti (di solito in età pediatrica) che vengono sottoposti a tale procedura: pazienti con allergia di tipo IgE-mediata, documentata dalla positività dei prick test e/o del Rast; pazienti con allergia cellulo-mediata e con Prick test e Rast negativi. Nel primo caso il test è più rischioso, e va assolutamente praticato in ospedale da personale esperto.

Deve essere praticato per due motivi: necessità di confermare una diagnosi non certa, onde evitare una dieta inutile; necessità, dopo un lungo periodo di dieta, di essere certi che il paziente sia ancora allergico. Ciò perché un Prick test o un Rast possono essere ancora positivi, mentre l'allergia ormai non crea più fastidi clinici (falsi positivi). Le allergie alimentari, soprattutto quella per il latte vaccino, tendono a scomparire con il passare del tempo.

Nel secondo caso il challenge crea meno rischi, potrebbe essere praticato in regime ambulatoriale, ed è necessario per confermare una diagnosi che, basandosi solo su criteri clinici, non può essere certa. Le modalità di reintroduzione variano a seconda del singolo caso clinico: di solito più alto è il rischio di una reazione avversa, più graduale dovrebbe essere l'assunzione delle diverse quantità di latte.

Altro su: "Challenge per intolleranza alle proteine del latte vaccino"

Latte di soia ai bambini
Il latte di soia si usa nei bambini in caso di intolleranza alle proteine del latte vaccino. Ma anche la soia può dare allergia. Ecco i consigli del Pediatra.
Allergia al latte e dieta vegetariana
E' possibile che un'intolleranza alimentare possa causare disturbi del sonno?
Intolleranza alle proteine del latte vaccino
Ha avuto una serie di episodi che potrebbero fare pensare ad una allergia al latte vaccino. I consigli dell'Allergologo.
Muco nelle feci
Ha scariche di diarrea che spesso sono accompagnate dal muco. I numerosi accertamenti non ci hanno portato a nulla. I consigli del pediatra.
Latte HA o ipoallergenico
Come si può determinare se un neonato ha bisogno di un latte ipoallergenico? I consigli del Pediatra.
Il prick test è risultato positivo
Il prick test positivo indica la presenza nel paziente di anticorpi specifici (IgE) per quell'antigene alimentare testato.