Desidererei conoscere quali sono i sintomi e la cura per la celiachia della pelle o meglio definita dermatite erpetiforme. Inoltre vorrei sapere esattamente la durata della terapia e quali sono le eventuali complicanze.

La dermatite erpetiforme è una dermatite cronica, che recidiva con facilità, a insorgenza più frequente dopo la prima o la seconda decade di vita. Si caratterizza per l'eruzione simmetrica di vescicole e di piccole bolle, spesso raggruppate, associate ad arrossamenti della cute e a papule. Si localizzano più frequentemente nella regione lombare, ai gomiti, alle ginocchia, alle spalle, al volto, al collo e alle natiche. La distribuzione delle lesioni assume spesso una configurazione a grappolo, che ricorda l'herpes zoster o "fuoco di S.Antonio". Le manifestazioni cutanee provocano un intenso prurito o addirittura sensazione di bruciore, e ricompaiono periodicamente. La malattia ha un decorso cronico e dura per tutta la vita può permanere per molto tempo, persistendo anche dopo la pubertà, qualche volta fino a 40 anni. La diagnosi definitiva viene posta con la biopsia cutanea.

Frequentemente (nell'85-95% dei casi) la dermatite erpetiforme si associa con la malattia celiaca, una condizione di intolleranza permanente al glutine contenuto nel frumento, orzo, segale ed avena.

La terapia consiste nell'assunzione di un farmaco chiamato dapsone che, con un meccanismo di azione che è tuttora poco chiaro, interrompe rapidamente l'eruzione delle lesioni cutaneee e ne determina la completa remissione con possibile ripresa delle manifestazioni alla sospensione della terapia. Il dapsone dà come effetti collaterali soprattutto anemia, alterazioni a carico dell'emoglobina (metaemoglobinemia), vomito, scarso appetito. È importante instaurare una dieta rigorosamente priva di glutine che è spesso in grado da sola di far regredire la dermatite e che permette la sospensione del dapsone in circa il 60% dei casi. La dieta va proseguita per tutta la vita perché la sua sospensione fa spesso recidivare le manifestazioni cutanee.

Altro su: "Dermatite erpetiforme"

Alimentazione per un celiaco
Non è sempre sufficiente leggere nell'etichetta l'elenco degli ingredienti per essere sicuri che il prodotto non contenga glutine.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
Alimentazione nel secondo-terzo anno
Per i bambini di tutte le età è importante variare l'alimentazione. Ecco i nostri schemi per il secondo-terzo anno di età.
Introdurre presto il glutine nello svezzamento
L'introduzione di piccole quantità di glutine potrebbe, entro certi limiti, ridurre il rischio di sviluppare la celiachia.
Genitore celiaco e diabetico
Sono un genitore celiaco e diabetico: quando fare i primi esami a mia figlia per controllare se è celiaca anche lei?
Celiachia e infertilità
Esiste una relazione tra celiachia e problemi di infertilità. In particolare, alcuni casi di abortività ricorrente e ridotta crescita fetale.