La mia piccola ha quasi sei anni e, da quando ne aveva due, porta gli occhiali per correggere l’ipermetropia e lo strabismo. Ha portato anche l'occlusione. Ora io ho girato vari medici e molti mi hanno detto che l'intervento per correggere lo strabismo va fatto entro i sei anni, mentre l'ultimo medico che la tiene in cura mi dice che l'intervento si può fare fino a dieci anni. La mia paura è che passati i sei anni il problema non sia più recuperabile al 100%, ma quando ho posto questa domanda mi è stato risposto che bisogna prima arrivare ad una visione ottimale di entrambi gli occhi. Secondo il vostro parere quale è l'età giusta per intervenire?

I dati che ci invia sono veramente pochi per poter valutare l'opportunità o meno dell'intervento. Sarebbe necessario visualizzare l'esame ortottico, conoscere il tipo e l'entità del difetto di refrazione (ipermetropia, astigmatismo) e quantizzare il visus con la correzione per potersi esprimere, con nozioni di causa, sul suo quesito. Sicuramente è indispensabile che vi sia un buon visus in entrambi gli occhi (come afferma il suo oculista) e che il visus sia più o meno uguale nei due occhi, ma è anche vero che è preferibile operare al più presto per poter meglio recuperare, per quanto possibile, la visione binoculare.

Altro su: "Strabismo"

Intervento per lo strabismo
Quanto tempo deve stare in ospedale dopo l'intervento di correzione dello strabismo? I consigli dell'oculista.
Soffre di strabismo
Mette un occhio verso l'interno. Può essere allora solo un vezzo e passerà o soffrirà di strabismo? I consigli dell'oculista.
Strabismo ad insorgenza improvvisa
Ha avuto due episodi (a distanza di 24 ore) di improvviso strabismo convergente. L'oculista ha parlato di strabismo causato da cefalea.
Strabismo divergente
Lo strabismo divergente precoce può dipendere da una precoce deprivazione o riduzione della capacità visiva nell'occhio deviato.
Vero e falso in oculistica
Una serie di risposte flash a domande frequenti in oculistica.
Strabismo nei primi mesi di vita
Lo strabismo è del tutto normale nei primi mesi di vita, quando il bambino non è ancora in grado di utilizzare contemporaneamente i due occhi.