Dopo intervento tradizionale per reflusso, ad entrambi ureteri, di 4° e 5° grado, a distanza di due anni la mia bambina (età cinque anni) presenta distensione pielica e caliceale superiore rilevata con ecografia. La scintigrafia renale Dmsa ripartisce la funzionalità renale 28 ad un rene e 72 all'altro. La Cistoscintigrafia evidenzia scomparsa del reflusso. Potrà avere ripercussione renali, e di che tipo? Consigli?

In presenza di segni di nefropatia da reflusso vescico-ureterale (soprattutto nel rene con funzione al 28%) in esiti di un reflusso vescico-ureterale bilaterale significativo (4°-5° grado) sono sicuramente consigliabili due cose: follow-up nefrologico adeguato per il monitoraggio della funzionalità renale monitoraggio annuale per tutta la vita della pressione arteriosa (rischio di sviluppare una ipertensione arteriosa renino-dipendente)

Altro su: "Nefropatia da reflusso vescico-ureterale"

Reflusso vescico ureterale bilaterale
Soffre di reflusso vescico ureterale bilaterale e ci hanno consigliato il l'intervento tradizionale per salvaguardare la funzionalità del rene.
Reflusso vescicoureterale e cistiti
Il reflusso vescico-ureterale consiste in un difetto di una "valvola" situata allo sbocco dell'uretere nella vescica.
Pielonefrite
La pielonefrite acuta è un'infiammazione del rene, di solito causata da un'infezione batterica.
Iniezioni di collagene per il reflusso
Ci hanno proposto la correzione del reflusso delle vie urinarie con un'iniezione di collagene.
La pielonefrite
Una importante infezione del rene.
Reflusso vescico-ureterale
Se il reflusso vescico-ureterale è di basso grado può risolversi spontaneamente.