Mio figlio di quasi tre anni è un bimbo che mangia molto pesce e poca verdura. Il pediatra non mi ha mai prescritto vitamine o proteine o altri integratori (se non nei primi mesi di vita) dicendomi che è un bimbo di buon appetito. Sento molte mamme che danno vitamine ai loro figli ad ogni influenza o raffreddore o semplicemente per dare vitamine, tanto male non fanno! Qual è il giusto atteggiamento?

Noi pediatri, soprattutto 20-30 anni fa, siamo stati accusati di essere dei grandi vitaminizzatori delle urine dei bambini. Questo significa che avevamo creato una moda di somministrare vitamine che il bambino non necessitava e che quindi l'organismo eliminava nelle urine: di conseguenza, soldi spesi per niente. Né 20-30 anni fa né adesso c'erano delle carenze alimentari tali da richiedere la somministrazione di vitamine (tranne rarissime eccezioni).

Rimarchiamo dunque questo punto: dare le vitamine serve solo se c'è carenza, altrimenti è inutile.

Vi era anche l'abitudine di somministrare un prodotto vitaminico insieme ad un trattamento antibiotico, passata di moda con il fatto che la mutua non concedeva più gratuitamente le vitamine e perché i pediatri hanno fatto marcia indietro da queste usanze. In effetti, pur non essendo necessarie, nella gran parte dei casi non fanno male e quindi possiamo sedare l'ansia di una madre somministrando dei polivitaminici al bambino.

Tuttavia va fatta attenzione che il detto "tanto non fanno male" non vale per tutti i tipi di vitamine: alcune (vitamine liposolubili come la vitamina A, per esempio) possono essere anche molto pericolose. Infatti, mentre molte vitamine (per esempio le vitamine del gruppo B) sono idrosolubili e l'organismo, se non ne ha bisogno, le elimina attraverso le urine, altre vitamine (per esempio la vitamina A) possono accumularsi nel corpo umano dando dei problemi anche molto seri.

Quindi attenzione a considerare tutti i prodotti, liberamente venduti in farmacia anche senza ricetta, come privi di rischi perché tanto sono vitamine e non fanno male. In conclusione dia retta al suo pediatra e non stia a sentire le mamme più ansiose di lei che vogliono dare per forza qualche cosa al proprio bambino credendo di fare una cosa buona e sicura.

Altro su: "Vitamine per l'influenza?"

Il fosforo
È un macroelemento contenuto nelle ossa e dei denti. Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico. Scopri altre informazioni utili.
Lo iodio
Lo iodio si trova negli alimenti di origine animale e vegetale. Buone fonti sono il pesce l’aglio, i fagioli, le zucchine bianche, le bietole e le cime di rapa.
La vitamina B12 o cianocobalamina
La cianocobalamina, conosciuta come vitamina B12, è presente in tutti gli alimenti di origine animale in minime quantità.
La vitamina B6
La vitamina B6, detta anche piridossina, è idrosolubile, cioè si scioglie in acqua.
La vitamina PP o niacina
La vitamina PP o niacina prende parte alle reazioni della respirazione cellulare.
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.