ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Doppio distretto renale

Alla ecografia in gravidanza ci hanno posto il sospetto di doppio distretto del rene. Dopo la nascita dovrà essere ripetuta una adeguata valutazione ecografica.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Mia moglie è in attesa del secondo figlio e da una ecografia è stato diagnosticato dalla ginecologa al feto un "sospetto doppio distretto rene destro". Di cosa si tratta? Può avere ripercussioni gravi sul nascituro? Cosa dobbiamo fare?

Dal momento che si tratta solamente di un "sospetto" diagnostico prenatale credo che non vi sia alcuna raccomandazione particolare dal punto di vista urologico e che la gravidanza debba essere portata normalmente a termine senza ulteriori indagini. Dopo la nascita dovrà essere ripetuta una adeguata valutazione ecografica (renale e vescicale) per stabilire se è effettivamente presente una duplicità della via urinaria (doppio distretto reno-ureterale).

Questa è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema. In pratica è unicamente presente un rene lievemente più grande del controlaterale, associato ad una doppia via escretrice (due bacinetti e due ureteri), con una normale funzione.

Prima dell'avvento della diagnostica ecografica pre-natale, molto spesso queste variazioni anatomiche potevano essere scoperte in età adulta o non essere riconosciute del tutto o talvolta essere rilevate del tutto casualmente. In una ridotta percentuale dei casi, alla duplicità della via escretrice si possono associare dei problemi urinari e tra questi i più comuni sono:

  • reflusso vescico-ureterale (risalita intermittente dell'urina dalla vescica al rene);
  • ureterocele (dilatazione del tratto terminale dell'uretere internamente alla vescica);
  • ectopia ureterale (sbocco anomalo dell'uretere in una sede al di fuori della vescica).

Qualora al controllo ecografico neonatale fosse confermata la duplicità e rilevata una dilatazione evidente di uno o di entrambi i distretti, sarebbe opportuno iniziare una profilassi antibiotica precauzionale per evitare il possibile rischio di una infezione delle vie urinarie e successivamente eseguire degli ulteriori accertamenti diagnostici più specifici.

20/6/2003

11/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Doppio distretto renale"

Sindrome nefrosica
La Sindrome Nefrosica (SN) è una patologia dei reni, dei quali viene ad essere danneggiata la funzione di filtro.
Calcolosi renale
Eccessive quantità di cistina non disciolta nelle urine causano la formazioni di calcolosi renale, nella vescica e/o nell'uretere.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Iniezioni di collagene per il reflusso
Ci hanno proposto la correzione del reflusso delle vie urinarie con un'iniezione di collagene.
Rene policistico
Il rene policistico o malattia del rene policistico è un difetto renale bilaterale, geneticamente trasmesso da entrambi i genitori.
Rene ectopico
Un rene ectopico non rappresenta una controindicazione ad una normale attività fisica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A tre anni non riesce ancora a strutturare le frasi
La variabilità dei tempi e modi dello sviluppo del linguaggio è notevole ma, in presenza di alcuni "segnali" significativi, vanno valutati alcuni aspetti.
Accertamenti a tappeto e screening
In Pediatria è corretto eseguire accertamenti (del sangue, strumentali o visite) solo quando esiste un sospetto diagnostico.
Problemi di inserimento in prima media
E' in crisi, continua a piangere per l'enorme cambiamento che le medie comportano.
Intervallo di tempo fra la somministrazione di vaccini diversi
Ci sono intervalli di tempo da rispettare tra un vaccino e l'altro?
La donna dopo il parto
Il brusco cambiamento avvenuto dopo il parto porta l'organismo ad una serie di complesse modificazioni.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte