ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Un rene ormai compromesso

Un reflusso vescico-ureterale congenito ha portato ad un rene ormai compromesso. Togliere il rene o correggere il difetto? I consigli dell'urologo.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

A nostra figlia Chiara di otto anni è stato riscontrato un reflusso vescico-ureterale sinistro, a seguito di infezioni alle basse vie urinarie. La scintigrafia eseguita ha permesso di accertare una funzionalità del rene sinistro pari al 7%, contro il 93% del rene destro. Sulla base di questo risultato, nonché della cistografia e dell'urodinamica, il chirurgo pediatrico interpellato ha suggerito un intervento chirurgico di tipo tradizionale al fine di correggere il reflusso e reimpiantare l'uretere, peraltro con poche speranze di innalzare oltre il 10% la funzionalità del rene sinistro e di dovere, raggiunta l'età adulta, procedere all'asportazione del rene malato. Un altro chirurgo pediatrico ha invece suggerito l'asportazione del rene sinistro e relativo uretere, per via laparoscopica , in quanto lo stesso risulta irrimediabilmente compromesso, senza possibilità di recupero, e con il rischio, se mantenuto, di poter infettare anche il rene destro. Trovandoci ovviamente davanti al dilemma di scegliere la strada migliore per la nostra bambina, chiediamo cortesemente un parere circa il tipo di intervento da adottare e le possibili conseguenze dell'una o dell'altra scelta.

(N.d.R.: lo studio urodinamico è un esame che consente di indagare alcune alterazioni della vescica. Questo esame consiste nella misurazione delle pressioni all'interno della vescica durante la fase di riempimento e di svuotamento della vescica, mediante degli appositi sottili cateteri che vengono posizionati in vescica. Le pressioni così registrate vengono tradotte sotto forma di tracciati, la cui interpretazione consente di capire esattamente come funziona la vescica)

(N.d.R.: la laparoscopia è un modo per operare nell'addome mediante uno strumento, il laparoscopio, attraverso una piccola incisione di circa un cm praticata in corrispondenza della cicatrice ombelicale; l'addome viene disteso con un gas inerte, l'anidride carbonica. Il laparoscopio consentirà al chirurgo di valutare gli organi pelvici e di utilizzare gli altri strumenti chirurgici sotto visione diretta)

Questo caso clinico rappresenta un buon esempio di come sia facilmente possibile ottenere pareri assai discordanti e di come possa essere difficile orientarsi per dei genitori.

Qual è il problema? Come si può complicare?

Il problema di questa bambina è chiaramente congenito (nefropatia da reflusso vescico-ureterale) con una gravissima compromissione funzionale del rene sinistro, rimasta apparentemente e sorprendentemente silente ed asintomatica sino all'età di otto anni. Le possibilità di recupero funzionale del rene sinistro sono assolutamente nulle ed è già in atto una evidente ipertrofia compensatoria del rene controlaterale.

Quali possono essere i problemi futuri per questa bambina, in futuro ragazza e poi donna? Il reflusso vescico-ureterale potrebbe causare delle infezioni delle vie urinarie, non particolarmente pericolose se delle basse vie (cistiti) ma più significative se coinvolgono il rene (pielonefriti). La probabilità di un interessamento dell'altro rene è tuttavia non particolarmente elevata se non è presente un reflusso vescico-ureterale anche a destra. Il secondo problema è rappresentato dal rischio di sviluppare nell'età adulta una possibile ipertensione arteriosa, secondaria alla displasia renale (N.d.R.: anomalia di sviluppo del rene) e dovuta alla produzione di una sostanza chiamata renina da parte del rene malato. Questo rischio è valutato intorno al 7-10%.

Che prospettive ci sono?

Sarebbe innanzi tutto importante sapere quale è effettivamente la situazione clinica attuale della bambina (entità delle infezioni? fattori predisponenti? stitichezza? etc.) e soprattutto l'entità del reflusso vescico-ureterale sinistro ed il comportamento della vescica (instabilità?).

Nell'ipotesi di un reflusso vescico-ureterale di grado non elevato e di infezioni delle vie urinarie basse (o batteriurie?) francamente non farei nulla e seguirei la situazione conservativamente cercando di ridurre al massimo i possibili rischi di una contaminazione batterica. Certamente sarà necessario un monitoraggio per tutta la via della pressione arteriosa ed, in caso di riscontro di una iniziale ipertensione, dovrebbe essere iniziata una adeguata terapia farmacologica anti-ipertensiva.

Se viceversa il reflusso vescico-ureterale è di grado elevato, le infezioni delle vie urinarie sono delle pielonefriti e/o vi è una ipertensione non controllabile farmacologicamente, la soluzione definitiva del problema è sicuramente rappresentata dalla asportazione del rene e dell'uretere (nefro-ureterectomia) e la laparoscopia rappresenta oggi la scelta più corretta.

Personalmente non vedo alcuna logica in un reimpianto ureterale di un sistema funzionalmente nullo. Spero di non aver ulteriormente complicato le idee ai genitori!

20/6/2002

5/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Un rene ormai compromesso"

La nefrite
La nefrite o glomerulonefrite è un'infiammazione che coinvolge tutto il rene. Può guarire nel giro di una settimana.
Doppio distretto renale
Il doppio distretto renale è la più frequente variazione anatomica delle vie urinarie e nella maggioranza dei casi non si associa ad alcun problema.
Idro-uretreronefrosi non ostruttiva
Soffre di idronefrosi sinistra, non ostruttiva, non refluente. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Rene policistico
Il rene policistico o malattia del rene policistico è un difetto renale bilaterale, geneticamente trasmesso da entrambi i genitori.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Rene ectopico
Un rene ectopico non rappresenta una controindicazione ad una normale attività fisica.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Intolleranze alimentari
Le intolleranze alimentari non rispondono ai tradizionali Test Allergici cutanei. Non provocano quasi mai delle reazioni violente ed immediate nell'organismo.
Mio figlio ripete le parolacce
Mio figlio di quasi quattro anni ripete le parolacce ogni volta che le sente. Mi hanno consigliato di fingere indifferenza.
Morso di cane
In caso di bambino morso da un cane, bisogna sapere la sede della morsicatura, la profondità del morso e la taglia del cane.
Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.

Quiz della settimana

Nell'asilo di vostro figlio sono stati segnalati numerosi bambini con i pidocchi, tanto che sono stati esposti avvisi a riguardo. Qual e' il miglior modo per evitare che anche il vostro bambino, che al momento sta benissimo, venga contagiato?
Lo portate dal barbiere per tagliarli i capelli molto corti
Lo trattate subito con un prodotto contro i pidocchi
Non lo mandate all'asilo per una settimana
Controllate accuratamente il cuoio capelluto del bambino almeno una volta alla settimana