ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Insegnare a non fare la pipì a letto

Come capire quando i bambini raggiungono la capacità di non fare la pipì a letto di notte. Occorre che il bambino sia psicologicamente pronto.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono papà di due gemelli che hanno tre anni e vorremmo iniziare a togliere il pannolone di notte. Come si fa ad aiutarli a non fare la pipi a letto? E' giusto svegliarli di notte per farli urinare?

Ben poco si sa su come i bambini raggiungono la capacità di non fare la pipì a letto di notte e come venga acquisito il controllo del muscolo detrusore della vescica (quello, per intenderci, che con la sua contrazione serve ad espellere le urine). Occorre inoltre che il bambino sia psicologicamente pronto, in altre parole che abbia raggiunto quel grado di sviluppo intellettivo che gli consenta di capire ed imparare ciò che gli viene insegnato.

E' necessario inoltre che il piccolo sia motivato ad attuare regolarmente le manovre insegnategli per non farsi la pipì addosso. Nel caso di un bimbo di tre anni, per insegnarli a non bagnare il letto dovrebbe essere sufficiente: limitare l'apporto di liquidi verso sera; fargli svuotare la vescica prima di coricarsi; invitarlo ad alzarsi di notte da solo per urinare (accertarsi ovviamente che il bambino non abbia paura del buio e che vi sia un facile accesso al bagno); riservare un piccolo premio per ogni mattino in cui si alza asciutto Lo svegliare ad orari programmati il bambino non aiuta ad acquisire il controllo della minzione notturna.

1/9/1997

8/3/2016

I commenti dei lettori

ho 14 anni e soffro ancora di incontinenza notturna da quando sono nata( non ho mai smesso). Provo vergogna.. e metto i pannoloni sempre. Vorrei tanto guarire .. come posso fare ?? i miei genitori non ne anno mai sofferto di questo tipodi problema

sara (TO) 23/06/2011

io sono una mamma che mio figlio ha 9 anni e fa la pipi nel letto nn so come fare per fallo smettere nn voglio mettere i pannolini perche lui si vergogna la sera prima di andare a letto le faccio fare la pipi ma e inutile durante la notte la fa nel letto lui dice che nn si sente, l'ho portato dal pediatra e mi ha detto che nei maschietti anche fino a 12 anni e normale ma a me nn mi pare cordiali saluti!

labonia mlucia (DE) 13/08/2011

Il mio bimbo ha tre anni e mezzo e non vuole saperne di fare la pipi nel vasino o di usare il riduttore... Vuole il pannolino o addirittura preferisce sporcarsi (anche se poi piange nel momento in cui accade!) ora siamo al mare ed indossa il costumino ma terminata la giornzta in spiaggia vuole con forza il pannolino. Ci dicono di non prenderlo di petto ma... A settembre iniziera' l'asilo... E cmq per lui e' tempo di imparare.. HELP! Grazie per chi avra' voglia di darmi qualche consiglio!!! Una mamma disperata!!!

sara (TO) 07/08/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Insegnare a non fare la pipì a letto"

Incontinenza sfinterica
Incontinenza sfinterica può intendersi come incontinenza fecale (encopresi) o urinaria (enuresi).
A sei anni fa ancora la pipì a letto
A sei anni porta ancora il pannolino di notte. Il problema dell'enuresi richiede, specie nei bambini grandicelli, un approccio impegnativo
Il vasino
Uno dei passaggi più difficili per un bambino è quello dal pannolone al vasino. I consigli del Pediatra.
Come si raccolgono le urine?
Per avere risultati attendibili nell'esame delle urine è necessario rispettare alcune regole nella raccolta.
Enuresi diurna
L'enuresi non è dovuta a patologie organiche identificabili ma è correlabile ad una alterazione funzionale della minzione.
Proteine nelle urine
per poter parlare di proteinuria persistente, occorre eseguire controlli seriati delle urine che confermino la presenza delle proteine urinarie.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Misurare la temperatura basale per individuare il periodo fertile
La rilevazione della temperatura basale serve per individuare il momento dell'ovulazione e quindi stabilire il periodo fertile.
Pronazione dolorosa del radio
Ha già subito due pronazioni dolorose. La patologia si risolve spontaneamente entro i 4 anni di vita.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte