ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bollicine rosse sulle guance

Presenta delle bollicine rosse sulle guance. Questo tipo di patologia non è connessa ad un quadro di allergia e si può quindi procedere alla reintroduzione graduale degli alimenti.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Il mio bimbo ha quasi due mesi e sin dai primi giorni di vita ha presentato delle bollicine rosse sulle guance di cui alcune con una puntina bianca. La pediatra, parlandomi di seborrea, mi ha chiesto se il bimbo avesse familiarità  per allergie e mi ha detto di eliminare il latte vaccino e i derivati dalla mia dieta. Effettivamente il problema si è risolto ed ora è rimasto solo un po' di "ruvido" sulle guance. Da quello che leggo, però, capisco che non c'è correlazione tra la dermatite seborroica, l'allergia e l'alimentazione della madre e che il problema potrebbe essere stato causato più dal caldo e dal sudore. Pensate che possa riprendere a mangiare normalmente?

Il quadro da lei descritto è tipico della cute facciale del neonato ed è rappresentato dai mili. Si tratta di piccole vescicole bianche, madreperlacee della grandezza e prominenza di una capocchia di spillo dovute a ritenzione sebacea, disposte soprattutto sul naso e sulle guance. La loro massima intensità si ha nella seconda settimana di vita, scomparendo di solito entro il secondo mese.

Questo tipo di patologia non è connessa ad un quadro di allergia e quindi escludere alimenti importanti nella dieta del bambino mi sembra eccessivo. Ritengo utile una reintroduzione graduale degli alimenti  eliminati e, solo qualora l'assunzione di qualche cibo dovesse provocare una reazione cutanea più evidente, con reazione eczematosa e pruriginosa ad esempio, valuterei l'esclusione dalla dieta.

6/10/2010

6/6/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bollicine rosse sulle guance"

Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata
La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante.
Ha predisposzione allergica
E' opportuno posticipare l'introduzione dei latticini?
Asma e dermatite atopica
La dermatite atopica è un'affezione infiammatoria della cute che colpisce circa il 10-12% dei bambini di età inferiore ai 7 anni.
Dermatite atopica: quanto spesso lavare il bambino?
Quanto spesso lavare la pelle del bambino con dermatite atopica? La pelle è secca e soffre i lavaggi energici.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
Allergia alle muffe
Che cosa sono le muffe, dove si trovano e come comportarsi quando si è allergici alle muffe.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica