ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Laringomalacia

La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree. E' dovuta ad una debolezza congenita dell'epiglottide.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Alla nostra bimba di 2 mesi è stata diagnosticata una forma di laringomalacia. Appena nata ha mostrato subito una forma di fatica respiratoria che inizialmente i medici hanno voluto attribuire alla ghiandola del timo risultata ipertrofica da una radiografia al torace fatta due giorni dopo la nascita. A un successivo controllo questa ghiandola è apparsa ancora più grande, ma i pediatri hanno spostato il problema, dicendo che la bimba (ben ossigenata, neurologicamente tonica e reattiva, senza problemi al cuore, dotata di buon appetito e di un'ottima capacità di suzione) emetteva uno strano rumorino respirando a causa, appunto, della laringomalacia. Ci hanno detto che il disturbo regredirà da sé entro il quinto mese. Se così non sarà, dovremmo sottoporre la piccola ad una laringoscopia. Cosa potete dirci di più? E, soprattutto, la laringoscopia non è un esame troppo intrusivo su bimbi così piccoli?

La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore (cioè da un rumore a tonalità acuta) inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree. Rappresenta la più frequente tra le anomalie congenite della laringe. E' dovuta ad una debolezza congenita dell'epiglottide (la parte della laringe situata al di sopra delle corde vocali) e di alcune sue strutture (le cartilagini aritenoidee) che si collassano e vengono risucchiate nelle vie aeree durante l'inspirazione.

Un processo simile può interessare anche la trachea, prendendo il nome di tracheomalacia, e i bronchi (broncomalacia). La causa è sconosciuta. L'anomalia si risolve spontaneamente allorquando lo sviluppo della cartilagine funge da sostegno delle strutture anatomiche interessate.

La diagnosi differenziale deve escludere altre malformazioni o anomalie della laringe o delle corde vocali oppure patologie delle strutture del collo limitrofe. La sintomatologia, che in genere non è presente alla nascita, ma inizia dopo alcuni giorni (di solito tra i 15 giorni e i due mesi di vita), si caratterizza per una inspirazione rumorosa con un caratteristico stridore.

Il fenomeno è accentuato dal pianto, dalla posizione supina (a faccia in su) e quando il collo è flesso; migliora se il lattante viene messo a pancia in giù, con il collo iperesteso. Qualche volta la laringomalacia si accompagna a retrazioni inspiratorie e a modificazioni della voce (soprattutto raucedine). Il paziente è inoltre più frequentemente soggetto ad infezioni delle prime vie respiratorie e spesso presenta reflusso gastro-esofageo.

Le complicanze sono abbastanza rare e comprendono gravi difficoltà respiratorie, ritardo di crescita per difficoltà ad alimentare il bambino, deformazioni della gabbia toracica (se le retrazioni intercostali sono severe). La diagnosi presuntiva si basa sulla storia clinica del paziente e sull'esame obiettivo, ma la diagnosi definitiva richiede la laringoscopia. La terapia è solo di supporto e consiste nell'alimentare lentamente il bambino, poiché il piccolo ha difficoltà nel coordinare la respirazione e la deglutizione.

Solo molto raramente è necessaria la tracheostomia che consiste nel praticare un'apertura nella parete anteriore della trachea mediante una incisione cutanea sulla linea mediana del collo. La prognosi è buona: qualche volta si può verificare un'intensificazione dei disturbi nei primi mesi di vita, ma un netto miglioramento si verifica sempre entro l'anno di vita e la guarigione completa avviene ai 18 mesi.

Venendo all'ultima parte della domanda, va precisato che la laringoscopia diretta con un laringoscopio flessibile a fibre ottiche permette l'esame della struttura e della funzionalità delle vie aeree superiori dal naso fino alla laringe in un lattante sveglio con il minimo traumatismo in mani esperte.

1/12/1997

24/7/2016

I commenti dei lettori

salve ho una bimba di un mese e mezzo e gli hanno diagnosticato una presunta laringomalacia sono preoccupata perche la bimba è nata di 2640 e dopo un mese e mezzo è di 3745, il pediatra dice che cresce poco

stefania (TO) 15/03/2013

salve anche io ho una bimba di tre mesi e mezzo e devo dirle che anche la mia cresce poco adesso ha tre mesi e pesa solo 5 kg ma il pediatra e ottimista non tutti i bambini crescono uguali poi puo essere che i nostri dal primo anno crescano a vista d occhio

stefy (TO) 01/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Laringomalacia"

La raucedine: voce rauca o afona
La raucedine con voce rauca o afona è segno di infiammazione della laringe e delle corde vocali.
La laringite
La laringite è una malattia frequente causata da virus, determinata da una infiammazione della laringe e della parte alta della trachea.
Soffre di tracheite e laringite
La tracheite è una infiammazione della trachea, con tosse abbaiante a suono di corno. La laringite dà difficoltà a respirare e voce afona.
Laringotracheite allergica
Da che cosa è causata e come si cura la laringotracheite allergica nel bambino? Il consiglio del pediatra.
Laringospasmo
Il laringospasmo è una patologia particolarmente frequente tra uno e tre anni, anche se può colpire altre età. Improvvisamente, in genere in piena notte.
Quale apparecchio per l'aerosol?
Gli apparecchi per aerosol (nebulizzatori) sono molto usati nella terapia dell'asma e nei pazienti affetti da infezioni delle vie respiratorie.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta