ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

E' diventato intrattabile

Mio figlio di 12 mesi è diventato intrattabile. Il bambino in questa fase incomincia a concatenare cause ed effetti, è utile, perciò, iniziare a stabilire una disciplina semplice per l'aggressività.

Il mio bambino di 12 mesi è diventato intrattabile: scalcia, morde e rifiuta di farsi vestire. Cosa gli succede? Come devo comportarmi?

Lo stadio evolutivo che va circa dai 10 ai 15 mesi viene chiamato "periodo della prima iniziativa". Le famiglie sono eccitate dall'enorme sviluppo cognitivo e dalle nuove sorprese che presenta il bambino, ma probabilmente non pensano alla transizione che ciò rappresenta dal punto di vista evolutivo. Emerge una nuova coscienza di sé, capace ed autonoma, ed il progresso della motricità (abilità nei movimenti), sia fine che grossolana, permette una ulteriore appropriazione degli ambienti.

Intorno al primo compleanno viene segnato il confine tra la nascita e la comparsa di un se autonomo, la qual cosa si accompagna inevitabilmente ad insicurezze; in pratica, il bambino oscilla fra comportamenti spavaldi e determinati e, all'opposto, momenti di crisi e di attaccamento esasperato alla mamma. L'autodeterminazione è meglio riassunta con la parola "No": negare diventa un modo per affermarsi come persona.

Un aiuto a questa età è dato dal parlare molto con il bambino (leggere storie, cantare canzoncine), ma non si deve contare sulle parole per assicurarsi che il bambino non compia attività pericolose: è meglio spostare il bambino o l'oggetto. Le proibizioni dovrebbero essere poche ed enunciate brevemente per evitare una atmosfera tesa o un secondario decadimento del valore della comunicazione verbale.

Poiché il bambino in questa fase incomincia a concatenare cause ed effetti, è utile iniziare a stabilire una disciplina semplice per l'aggressività. Allontanare il bambino dal genitore, mettendolo nel lettino dopo un breve ma fermo "non dare calci", raggiunge lo scopo e non creerà problemi, salvo una probabile e innocua reazione di pianto. Quando avrà cominciato a comportarsi in modo accettabile, va coinvolto in un gioco o distratto e immediatamente lodato. Si deve evitare assolutamente di picchiare il bambino (pratica non solo triste, ma soprattutto inutile) utilizzando piuttosto l'allontanamento: ciò riduce l'aggressività sia a questa età che più avanti.

I bambini comunemente cercano di mordere specialmente quando i loro desideri eccedono la loro capacità di chiedere. Giochi che implicano il concetto di permanenza ed allontanamento dell'oggetto, tipo "nascondi e trova" sono usati, divertendosi, per imparare ad affrontare le separazioni ed affrancare la propria nascente personalità.

1/1/1998

28/9/2015

I commenti dei lettori

Siete semplicemente straordinari e con il vostro aiuto e le vostre newsletter ci avete tolto ogni dubbio durante la crescita di nostra figlia così che la pediatra si era meravigliata che non l'abbiamo chiamata al telefono tanto spesso...come fanno gli altri. Grazie! 

Christian Besliu (VE) 28/10/2011

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "E' diventato intrattabile"

Non sta fermo un minuto
Con la scuola è un problema: non sta mai fermo, non resta in silenzio, interviene sempre. E' un bambino iperattivo? I consigli della psicologa.
Il periodo dei no
Verso i due anni di età molti bambini entrano nel periodo dei no: dimostrano testardaggine, sono cocciuti e disobbedienti.
Non sta mai fermo
Non riesce ad applicarsi in niente ed è in continuo movimento cambiando sempre gioco. Non sta fermo neppure quando guarda la TV. I consigli dello psicologo.
Il significato dei "No" nei primi mesi di vita
E' bene fargli comprendere sin dai primi mesi di vita il significato dei "No"? I consigli della psicologa.
Bagnetto impossibile
E' diventato impossibile cambiarla o fare il bagnetto: non sta più ferma un attimo. I consigli per effettuare il bagnetto in sicurezza.
Ha tre anni e fa sempre i capricci
La mia bambina di tre anni fa i capricci e ad ogni nostra richiesta oppone un rifiuto. I consigli della psicologa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cardiochirurgia mini-invasiva
La correzione delle cardiopatie congenite con tecniche mininvasive è stata recentemente adottata da alcuni centri in campo nazionale ed internazionale.
Ho una bambina precoce
Come bisogna comportarsi con una bambina precoce? Quali scelte si devono preferire? Come comportarmi per la scelta della scuola?
Varicella nella mamma che allatta
La mamma ha preso la varicella: quali rischi corre il neonato? Può servire allontanarlo dalla famiglia per evitargli la varicella? I consigli del Pediatra.
Ipotonia
L'ipotonia è una disfunzione del sistema motorio che consiste in un difetto del tono muscolare.
La seconda settimana di gravidanza
La seconda settimana di gravidanza: se desiderassi rimanere incinta, da questa settimana inizia l'epoca utile per il concepimento.

Quiz della settimana

Come si chiama una sostanza che produce una reazione allergica?
Anticorpo
Macrofago
Antigene
Plasmacellula