ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Alimenti per l'infanzia

La classificazione di tutti gli alimenti per lattanti e neonati realizzata da Pediatria On Line per BabyChef.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Abbiamo suddiviso gli alimenti per l'infanzia nelle seguenti categorie:

  • Latte
  • Farine, latte e altri latticini
  • Cereali
  • Omogeneizzati e liofilizzati
  • Minestrine e pasti completi
  • Bevande e succhi
  • Integratori

LATTE

E' l'alimento principale del bambino dopo la nascita, al punto da dare il nome all'età del LATTANTE (bambino del primo anno di vita). Quando c'è, il latte della mamma è sicuramente l'alimento di gran lunga migliore; in assenza del latte materno, nel bambino fino all'anno si raccomanda l'uso di un latte specifico per lattanti, che dia garanzie di equilibrio nutrizionale e quindi di corretto apporto dei nutrienti.

  • Latte per pretermine: si tratta di latte adattato alle specifiche esigenze nutrizionali del bambino prematuro o di basso peso alla nascita, essendo particolarmente ricco di proteine e di vitamine; normalmente è disponibile solo per i reparti di neonatologia e non viene venduto al pubblico.
  • Latte per lattanti: indica il latte le cui caratteristiche maggiormente si avvicinano al latte materno, alla cui composizione si ispira. I latti di questa categoria, infatti, presentano una quota di proteine diminuita rispetto al latte vaccino con un rapporto sieroproteine/caseina simile a quello del latte umano (la caseina, che è una proteina poco digeribile, è infatti ridotta come concentrazione), hanno oli vegetali che sostituiscono in parte quelli animali permettendo che gli acidi grassi insaturi prevalgano su quelli saturi e che vi sia una quota di acidi grassi poliinsaturi, hanno un ridotto livello di sali minerali (sodio, calcio, fosforo e cloro) rispetto al latte vaccino, contengono un contenuto di zuccheri aumentato grazie all’aggiunta di lattosio o di altri zuccheri come le maltodestrine. Sono arricchiti con ferro e vitamine. Il latte adattato è indicato per il bambino sano e di peso normale, dalla nascita fino all'epoca del divezzamento, ove non sia disponibile il latte della mamma. Precise direttive della Commissione Europea, recepite da una legge dello Stato, ne vietano la pubblicità e la distribuzione di campioni gratuiti, allo scopo di non indurre alla sospensione dell'allattamento materno.
  • Latte di proseguimento: è un tipo di latte indicato per il lattante dall'epoca del divezzamento fino all'anno di età. Rispetto al latte adattato, è meno sofisticato nella preparazione, è più ricco di ferro, ha un sapore più vicino al latte vaccino ed è generalmente meno costoso. Rispetto al latte vaccino ha un apporto di proteine più equilibrato, è ricco in acidi grassi essenziali, ha un modificato apporto di sali minerali con l’integrazione di quelli carenti, in particolare del ferro, ha come carboidrati soprattutto lattosio e non il comune zucchero (cioè il saccarosio), ha una integrazione con vitamine.
  • Latte di crescita: è il latte proposto dalle aziende per l'uso nel secondo-terzo anno di vita. Rispetto al latte vaccino, è arricchito in ferro, acidi grassi essenziali e vitamine.
  • Latte/alimento dietetico: è una categoria molto ampia, in cui comprendiamo i latti da utilizzare in situazioni non normali. Si va dal latte antireflusso (addizionato con ispessenti) al latte a basso contenuto di lattosio (indicato nella diarrea, oltre che in specifiche intolleranze), al latte senza proteine del latte vaccino (indicato nelle allergie).
  • Latte/alimento di soia: è un particolare tipo di alimento dietetico, in cui le proteine provengono esclusivamente dalla soia; normalmente, in tale alimento sono modificati anche gli zuccheri (latte senza lattosio); la sua composizione tende, per quanto possibile, ad avvicinarsi ad un latte adattato (in modo da garantire comunque un apporto corretto anche se utilizzato per lunghi periodi). E' un latte indicato in situazioni di intolleranza alimentare (allergia alle proteine del latte vaccino, intolleranza al lattosio o al galattosio).
  • Latte ipo-antigenico (HA): è una categoria di latte di recente concezione, proposta dalle aziende come un aiuto nella prevenzione della allergia alimentare alle proteine del latte vaccino. In pratica si tratta di un latte adattato (quindi, indicato per l'alimentazione del lattante sano nei primi mesi di vita), in cui le proteine sono state parzialmente frammentate. Ciò determinerebbe un minore stimolo allergenico rispetto alle proteine intere e quindi un minore rischio di sensibilizzazione allergica. In realtà, però, è stato dimostrato che tale frammentazione parziale non è sufficiente a prevenire lo sviluppo di allergia alle proteine del latte vaccino, nè tantomeno a curarla. Rimane forse come indicazione possibile una maggiore digeribilità. Analogamente al latte adattato, ne viene prodotta spesso una versione 2 di proseguimento, indicata dopo i 4 mesi di età.
  • Latte/alimento ad indicazione particolare: teniamo distinta questa categoria, in quanto costituita da prodotti (latte? alimento?) con speciali miscele di aminoacidi, che sono indicati in patologie metaboliche rarissime ed il cui uso è quindi riservato a reparti pediatrici ad elevata specializzazione.

FARINE LATTE ED ALTRI LATTICINI

  • Farina lattea con cereali: è un prodotto composto da latte e farine di cereali, con zucchero, vitamine e sali minerali. . La farina di cereali, che rappresenta l’ingrediente fondamentale, viene solitamente destrinizzata, cioè si facilita, attraverso appositi accorgimenti tecnologici, l’idrolisi dell’amido con formazione di destrine allo scopo di aumentarne la digeribilità. La stessa farina può subire un trattamento di biscottatura per migliorare il sapore del prodotto finale. Esistono perciò farine lattee biscottate e non biscottate. Trattandosi di una pappa semisolida, da somministrare con il cucchiaio, trova indicazione nel divezzamento, come sostituto di un pasto di latte. Includiamo in questa categoria, in virtù della loro funzione d'uso, anche alimenti dietetici privi di proteine del latte vaccino.
  • Farina lattea con cereali e frutta: come sopra, con in più aggiunta di frutta disidratata.
  • Merenda a base di latte: si tratta di preparati in commercio da poco, costituiti essenzialmente da latticini cremosi uniti a frutta, a cacao e/o a biscotti. La loro funzione d'uso è prevalentemente la merenda pomeridiana dei bimbi a partire dal secondo anno di età o il dessert di fine pasto (quando opportuno).
  • Formaggino: rappresenta una variante dei normali formaggi, rispetto ai quali è caratterizzato da una minore quota di grassi e da una maggiore cremosità; può essere introdotto nella alimentazione con la seconda pappa, a partire dal settimo mese. Ricordiamo qui, per completezza e schematizzando, che: il formaggio è derivato dal latte mediante coagulazione e precipitazione ed è costituito dalla caseina e dai lipidi (grassi) del latte; che esso è sempre ricco di proteine e di calcio, ma può variarne il contenuto in grassi; che la ricotta non è esattamente un formaggio, in quanto non deriva dalla caseina (di cui è priva), ma dalle sieroproteine del latte, aggiunte di burro.
  • Yogurt: deriva dal latte con procedimento di fermentazione, ottenuto mediante inseminazione con appositi microbi "buoni" (Lactobacillus bulgaricus o Streptococcus termophilus); per questo, esso è ricco di proteine (caseina), povero di lattosio (digerito dalla fermentazione), ricco di acido lattico e variabilmente grasso (a seconda che il latte originario sia stato o no scremato). Tali caratteristiche lo rendono utilizzabile, oltre che nella normale dieta a partire dai 7-8 mesi, anche nella rialimentazione dopo diarrea

CEREALI

Indichiamo in questa categoria i prodotti esclusivamente a base di cereali, adatti ad essere utilizzati come ingrediente semplice. Analoghi preparati, ma addizionati con verdure o altro, sono compresi nella categoria delle MINESTRINE E PASTI COMPLETI. Alcuni raggruppamenti (ad esempio, "crema o farina" e "fiocchi, semolino o pastina" sono motivati piuttosto da una differente funzione d'uso (età diverse, pasti diversi), che non da differenze di contenuto.

  • Biscotto: i vari tipi di biscotto sono preparati con farine di cereali ed arricchiti con proteine, vitamine e sali minerali. Possono essere da biberon, facilmente solubili nel latte oppure granulati (con o senza il glutine) o tradizionali, da rosicchiare o da aggiungere al latte.
  • Crema o farina: possono essere a base di un solo cereale (ad esempio riso od orzo) oppure a base di più cereali; sono in genere prodotti precotti e sono integrate con vitamine e sali minerali, compreso il ferro.
  • Fiocchi, semolino o pastina: sono solitamente prodotte con grano tenero e integrate con proteine, vitamine e sali minerali.
  • Pane, pasta ed altri cereali: corrispondono agli analoghi alimenti per l'adulto. Ne vengono prodotte molte versione dietetiche, prive di glutine, indicate in caso di specifica intolleranza.
  • Dolci e preparati per cucina: vengono riportati sono quelli dietetici, indicati in caso di specifica intolleranza.

OMOGENEIZZATI E LIOFILIZZATI

Sono prodotti attraverso la frantumazione delle fibre in particelle finissime, dell’ordine di millesimi di millimetro, mediante passaggio ad elevata pressione in filtri sottilissimi. Ciò li rende incomparabilmente più fini e digeribili rispetto alle comuni preparazioni domestiche. Gli omogeneizzati di carne di proseguimento contengono carne in piccoli pezzettini

  • Liofilizzato di carne
  • Liofilizzato di pesce
  • Liofilizzato di verdure: vista la prevalente funzione d'uso come base per la preparazione delle pappe in brodo vegetale, i prodotti di questa categoria sono stati compresi negli "Integratori: preparato per brodo" (vedi)
  • Omogeneizzato di carne
  • Omogeneizzato di frutta
  • Omogeneizzato misto
  • Omogeneizzato di pesce
  • Omogeneizzato di verdure

MINESTRINE E PASTI COMPLETI

Sono prodotti complessi, che mirano a fornire un pasto quasi completo e pronto: sono costituiti da cereali, liofilizzato di carne, liofilizzato di verdure ed aromi. Trovano indicazione, oltre che per la praticità d'uso, anche in situazioni di inappetenza o problemi di gusto.

  • Minestrina/pasto con cereali e carne
  • Minestrina/pasto con cereali, formaggio e verdura
  • Minestrina/pasto con cereali e verdure
  • Minestrina/pasto con cereali, carne e verdura

BEVANDE E SUCCHI

Una sezione ricca di esempi, che rispecchia l'ampia gamma di scelta disponibile nei punti vendita del commercio. In realtà, si tratta di una categoria di prodotti che trova pochissime indicazioni d'uso: fatta eccezione per le proprietà attribuite ad alcune miscele di erbe, il resto dei prodotti costituisce piuttosto un elemento di disturbo nella corretta programmazione alimentare della giornata. L'apporto di zuccheri è spesso eccessivo e difficile da controllare, comporta ovvi problemi di calorie in più da conteggiare, costituisce un danno per lo smalto dentale e, infine, spesso rappresenta un elemento di non corretta educazione al gusto.

  • Bevanda
  • Succo o nettare di frutta

INTEGRATORI

Una sezione conclusiva ed eterogenea, per quei prodotti che non si inquadrano nelle precedenti. Preparato per brodo: comprende anche i prodotti classificabili come "Liofilizzati di verdure".

  • Idratanti e sali
  • Vitamine e nutrienti: comprende anche integratori calorici o a particolare miscela lipidica, ad uso in diete specifiche.
  • Zucchero o dolcificante

1/8/1999

9/4/2015

I commenti dei lettori

ciao sono federica,come sempre i vostri consigli e le vostre curiosità mi tranquillizzano e arricchiscono le mie conoscenze;mi dispiace solo che alla prima gravidanza,4 anni fa, non avevo il computer e quindi non ho potuto godere del vostro aiuto...ora,con la seconda mi sento piu tranquilla,vuoi x l'esperienza,vuoi x i vostri articoli e il confronto con le altre mamme!!!!spero di essere anch'io di aiuto con i miei commenti,a quelle mamme che ogni tanto cadono nello sconforto come me...teniamo duro x i nostri figli....vi abbraccio

federica (CZ) 26/02/2011

Brava Federica, sono d'accordo! Ho un bimbo di 3 mesi, tra un paio di mesi inizierò lo svezzamento e mi chiedo quanto e se sia più sano preparare a casa le pappe (e gli omogeneizzati con il bimby) piuttosto che comprare quelli in commercio che suppongo pieni di conservanti. Ciao a tutti!

elena (MI) 24/03/2011

ciao io ho un bimbo di 6 mesi, per le primissime pappe ho utilizzato i liofilizzati gia pronti ora sono passata agli omogenizzati. il bimby lo utilizzo per il brodo, il passato di verdura, le pappe solo di verdura e la frutta. solitamente gli omogenizzati gia pronti sono molto controllati e molte volte sono più sicuri delle pappe casalinghe. un consiglio da educatrice che mi permetto di dare è quello di alternare i sapori neutri degli omogenizzati con le pappe della mamma.(in questo caso viva il bimby!!)preferendo ovviamente le seconde. in bocca al lupo! ELISA

elisa (BG) 07/05/2011

ciao a tutti sono Maddy,peccato peccato solo che non vi ho conosciuto con la prima gravidanza..che per me è stato un incubo con le pappette ecc...ora alla seconda gravidanza voi mi rendete tranquilla con i vostri annunci veramente interessanti.La mia piccola ha 5 mesi ed io gli do gli omogenizzati controllati solo che ho cominciato con la pastina piccola ,perchè la mia piccola non mangia le farine....grazie a voi molti dubbi li ho risolti.Grazie anche a voi mamme per i vostri consigli..

Maddalena Puleo (VR) 19/10/2011

Buongiorno a tutte! io ho un bimbo di 6 mesi e mezzo e vivo a Parigi. Una mia amica mi ha parlato di questo sito che trovo molto ben fatto. Qui in Francia, credibile ma vero, non si trovano il mais, la tapioca, e/o la crema di riso .... inoltre inseriscono le verdure dentro il biberon....aiuto! quando posso compro tutto dall'italia!"vive la france"!i vostri consigli mi sono utili perché non godo di alcun consiglio da parte del pediatra: va sempre di fretta e purtoppo sono tutti cosi'....

laura 21/11/2011

Ciao a tutte, io per la mia primogenita che ora ha due anni ho scelto di fare le pappe in casa, devo direr che c'è voluto davvero poco. Invito tutte a leggere gli ingredienti degli omogeneizzati per decidere di non comprarli, a partire dal fatto che usano olio di girasole e non extra vergine di oliva. Invece per i cereali, consiglio di scegliere quelle che NON contengono aromi come vaniglia : servono a rendere più gradito il sapore ma abituano i bambini a gusti dolci. La loro salute da grandi dipende ANCHE da quello che mangiano da piccoli!! Buone pappe a tutte!

09/03/2012

Ciao a tutti, sono Andrea e ho una meravigliosa bimba di 1 anno. Vorrei fare notare una cosa a tutti quelli che danno ai loro figli gli omogenizzati industriali: cercando di valutare il miglior cibo da dare ai nostri piccoli amori, non fermiamoci a considerare solo le proprietà nutritive offerte dagli elementi contenuti nelle loro pappe. Dietro alla materia c'è Energia e questa energia è presente anche nel cibo che mangiamo e in quello che mangiano i nostri figli. Non compiamo una valutazione completa se teniamo conto solo dell'aspetto puramente fisico delle cose. La frutta e la verdura coltivati biologicamente od organicamente, presentano un campo energetico più vasto e luminoso. Se poi lavoriamo il tutto con le nostre mani, aggiungiamo anche la nostra energia. La volontà di creare qualcosa di veramente delizioso e benefico per i nostri cuccioli avrà l'effetto più grande su di loro, regalando non solo cibo ricco di proprietà organolettiche eccellenti, ma anche un potente talismano con un alto contenuto d'Amore, che li renderà ancora più forti e sensibili all'Amore stesso. Dopo tutte queste considerazioni, credete ancora che il cibo industriale sia un valido nutrimento? Solo dal punto di vista organolettico le industrie usano spesso elementi di scarsa qualità, la cui energia è di scarsa intensità. Oltre a questo, per ottenere un prodotto "sicuro", con un gusto accattivante e a lunga conservazione, sottopongono il tutto a procedimenti stressanti, aggiungendo elementi conservanti a basso costo. Credo che non ci siano paragoni tra i due modi di preparare le pappe ai nostri piccoli. Per questo amiamo spendere il nostro tempo preparando il cibo che sappiamo diverrà parte di lei e contribuirà a costruire un corpo forte e pieno di sana vitalità per tutta la vita. Un abbraccio

Andrea (VR) 11/03/2013

ciao a tutte mi chiamo Elisa e ho scoperto da poco questo stupendo sito!!! io ho una bimba che farà 8 mesi giovedi' prossimo. Non l'ho allattata purtroppo e da quando l'ho svezzata fa molta fatica a bere il latte, la pediatra dice che dovrebbe berne 500 ml al giorno lei arriva a 300 ml scarsi! ma le pappe le mangia volentieri! io ho preso omogenizzati mellin e plasmon ma ora vorrei passare al biologico, non per fare la mamma paranoica, ma solo per dare del cibo che sia il piu' sano possibile. voglio ringraziare gli amministratori del sito e tutte le mamme che commentando tolgono dubbi alle altre mamme!!! ciao a tutte elisa

elisa (MI) 05/04/2013

Buongiorno a tutte ho un bebè di 6 mesi e vi leggo sempre. Vorrei chiedere se lo svezzamento con Bimby (robot da cucina) è corretto o no? Visto che il brodo dicono di preparare in 30 minuti. Grazie per la delucidazione

silvia (TO) 02/07/2013

Ciao, il mio bambino ha 14 mesi e da due settimane ho eliminato il latte e sostituito con latte di riso o mandorla. la scelta è dettata non da intolleranze/alllergie ma dal fatto che ormai è noto che il latte vaccino sia altamente "inquinato" e dannoso per la salute dei bambini. la scelta è stata molto difficile (anche medici e pediatri sostengono teorie tra loro contrapposte) e mi piacerebbe un confronto sull'argomento con i frequentatori di questo blog.

annamaria (RM) 26/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Alimenti per l'infanzia"

Alimentazione dopo l'anno
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Soffre di allergia al latte
L'allergia al latte vaccino è la sensibilizzazione alimentare più diffusa nei primi anni di vita. I consigli dell'allergologo.
Svezzamento dei bambini a 8-10 mesi
Cosa proporre nello svezzamento dei bambini a 8-10 mesi? I consigli del pediatra per l'alimentazione.
Svezzamento in un bambino allergico
Quali suggerimenti per lo svezzamento di un bambino allergico? I consigli del Pediatra.
Alimenti allergizzanti
Nello svezzamento è opportuno iniziare con gli alimenti considerati generalmente meno allergizzanti.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta