ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Le analisi per la celiachia sono risultate normali: dobbiamo ripeterle?

La celiachia non è una malattia ereditaria, ma è possibile ereditare la predisposizione ad avere la malattia. Tale predisposizione è legata alla presenza di particolari molecole.

Poiché mio fratello è affetto da dermatite erpetiforme, abbiamo fatto le analisi per la celiachia sia io che i miei due figli. Loro (sei e tre anni) fortunatamente sono risultati negativi a tutto, io ho invece la presenza di anticorpi anti-endomisio e anti-transglutaminasi [N.d.R.: nella malattia celiaca esiste un'alterata risposta del sistema immunitario all'ingestione del glutine che determina la formazione di auto-anticorpi contro la mucosa intestinale (detti anticorpi anti-endomisio o EMA) e contro l'enzima transglutaminasi tissutale, una componente importante della mucosa intestinale (anticorpi anti-transglutaminasi tissutale umana o tTG)]. Sono sicura che i miei figli non manifesteranno mai la malattia, oppure è probabile che più in là con il tempo possano cambiare i risultati dei loro esami? Io non ho mai avuto sintomi e loro neanche. Essendo una malattia genetica, gli esami fatti una volta bastano per sempre oppure ci possono essere dei falsi negativi?

Le consiglio di far eseguire ai suoi figli i test genetici alla ricerca degli HLA DQ2 e DQ8 [N.d.R.: la celiachia non è una malattia ereditaria, ma è possibile ereditare la predisposizione ad avere la malattia. Tale predisposizione è legata alla presenza di particolari molecole, molto importanti nella risposta immunitaria dell'organismo, dette di "istocompatibilità". È dimostrato che chi eredita particolari "versioni" (in termine medico, alleli) dei geni che producono queste molecole risulta predisposto a presentare la celiachia.

Nel caso specifico si tratta appunto degli alleli HLA DQ2 e HLA DQ8]. Se questi esami risultano negativi, potrà stare tranquilla, i suoi figli non svilupperanno la celiachia. Se entrambi o uno dei due test fosse positivo, dovrebbe continuare a monitorare la situazione (con i test anti-endomisio e anti-transglutaminasi) ogni due anni circa o quando emergessero problemi che potrebbero essere collegati alla celiachia (scarso accrescimento, diarrea, anemia etc.). Io, che mi trovo nella sua stessa situazione, mi sono comportata così con le mie figlie.

8/7/2003

14/5/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Le analisi per la celiachia sono risultate normali: dobbiamo ripeterle?"

Celiachia nei bambini
Il bambino con la celiachia non tollera le farine con glutine. La gliadina (glutine) è contenuta in frumento, orzo, segale ed avena.
Diagnosi di celiachia con l'esame delle IgA anti-transglutaminasi
Gli esami necessari per diagnosticare la celiachia.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
Al ristorante e al supermercato con un celiaco
Come devo comportarmi quando andiamo a mangiare al ristorante?
Come capire se un bimbo è celiaco
Per diagnosticare la celiachia servono una accurata visita con la valutazione delle curve di accrescimento in statura e in peso e mirati esami del sangue.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Craniostenosi
Con il termine di craniostenosi si intende una malformazione del cranio dovuta ad un’alterazione dell'ossificazione.
I disturbi del sonno
I disturbi del sonno: quando il bambino ha paura di addormentarsi da solo.
Sottopeso
Mia figlia di 15 mesi mangia regolarmente, è una bambina molto attiva, ma è sottopeso. La pediatra dice che l'importante che stia bene.
Giorni fertili: in quali giorni del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta?
In quali giorni fertili del ciclo mestruale è più probabile rimanere incinta. Come calcolare la data dell'ovulazione.
Lo svezzamento dopo il sesto mese
Dal sesto mese di vita compiuto si può iniziare lo svezzamento, cioè l'integrazione di cibi solidi e semisolidi.

Quiz della settimana

Quale fra le seguenti affermazioni sulle caratteristiche del latte materno è più corretta?
Il latte materno ha caratteristiche nutritive che variano durante le varie ore della giornata
Il latte materno normalmente non ha necessità di essere analizzato in laboratorio
Il latte materno ha una composizione che varia durante la poppata
Tutte le precedenti risposte sono esatte