ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Come si prepara una sospensione

La sospensione è il modo classico di presentare un antibiotico ai bambini: polvere da sciogliere con acqua. Vediamo il modo corretto di prepararla.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Molti antibiotici per i bambini sono preparati come sospensione, cioè la confezione contiene solo della polvere con la medicina (che così si conserva a lungo), che per essere utilizzata viene diluita con acqua nelle giuste proporzioni. Diverso è lo sciroppo, che è una soluzione zuccherata già pronta per l'uso. Preparare in modo corretto una sospensione è fondamentale, perché un errore nella diluizione può compromettere il risultato della cura.

  • Innanzi tutto occorre agitare il flacone per favorire la dispersione della polvere.
  • Successivamente si prepara la sospensione aggiungendo acqua al contenuto del flacone, fino alla tacca presente sul flacone stesso oppure utilizzando l'apposito dosatore annesso alla confezione, riempito fino al segno impresso.
  • In seguito si agita bene il flacone per ottenere un liquido omogeneo. In alcuni casi la preparazione della sospensione avviene con contrazione di volume per cui è necessario aggiungere ancora acqua fino a riportare il livello della soluzione al segno impresso sul flacone.
  • Infine il prodotto va somministrato utilizzando il misurino o il cucchiaino dosatore o la siringa annessi alla confezione, secondo le dosi prescritte dal medico.

La sospensione, conservata in frigorifero, rimane stabile per un periodo variabile dai 7 ai 14 giorni, a secondo del tipo di antibiotico. Il flacone va sempre energicamente agitato prima di ogni somministrazione.

1/1/1997

16/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come si prepara una sospensione"

Polmonite atipica
La polmonite atipica o da Mycoplasma è causata da un microrganismo che è una via di mezzo tra un batterio ed un virus.
Troppi antibiotici?
L'uso dei comuni antibiotici ad ampio spettro di prima scelta anche prolungato o ripetuto frequentemente, normalmente non comporta problemi.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Dare vitamine con l'antibiotico?
Dare vitamine con l'antibiotico è una vecchia ed inutile abitudine.
Impetigine
L'impetigine è una comune infezione della pelle, causata da germi quali lo Streptococco e lo Stafilococco.
Lidocaina e solvente dell'antibiotico
L'idocaina è un anestetico locale ampiamente usato per le iniezioni intramuscolari di vari tipi di antibiotici.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aorta bicuspide
L'aorta bicuspide è una malformazione o meglio una variante minoritaria della normalità: la valvola aortica ha normalmente tre cuspidi.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Rosolia in gravidanza
La rosolia diventa pericolosa durante la gravidanza perché può portare gravi conseguenze al feto.
Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo