ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Corea minor: il ballo di San Vito

La "Corea Minor" è una manifestazione della Malattia Reumatica, della quale spesso può rappresentare anche l'unico sintomo.

a cura di: Dott. Valdo Flori (pediatra)

Che cosa è la "corea minor"? come si contrae? è una malattia curabile? se si, quali sono i tempi? una volta guariti rimangono strascichi di tale malattia?

La "Corea Minor" (o Corea reumatica o Corea di Sydhenham) è una malattia, ad esordio più o meno acuto, caratterizzata da movimenti coreici. Questi sono movimenti involontari, veloci, a scatti, ripetitivi e incoordinati che possono interessare in vario grado i muscoli della faccia, del tronco e degli arti sia superiori che inferiori; tali movimenti sono particolarmente evidenti durante l'esecuzione di atti volontari, si accentuano in caso di stress e scompaiono durante il sonno. E' il "ballo di San Vito" della tradizione popolare.

Uno dei segni caratteristici nel bambino è il peggioramento della scrittura. Ipotonia muscolare: spesso la "debolezza muscolare" può rappresentare il sintomo principale. Instabilità emotiva con tendenza all'irritabilità e periodi di pianto incontrollabile. La "Corea Minor" è una manifestazione della Malattia Reumatica, della quale spesso può rappresentare anche l'unico sintomo.

La Malattia Reumatica (o Febbre Reumatica o Reumatismo Articolare Acuto) si può sviluppare in conseguenza di una infezione faringo-tonsillare causata dallo Streptococco beta emolitico del gruppo A: interessa circa il 3% dei soggetti colpiti da infezione streptococcica non curata o trattata in modo inadeguato.

La Malattia Reumatica, che interessa maggiormente l'età tra i 5 e i 15 anni, era molto frequente fino a non molti anni fa, attualmente la sua incidenza è più rara, anche se negli ultimi tempi è segnalato un aumento del numero dei casi. Le più frequenti manifestazioni cliniche della Malattia Reumatica sono rappresentate da:

  • artrite, con interessamento delle grosse articolazioni
  • cardite, con l'interessamento in particolare delle valvole cardiache; è l'unica manifestazione che può lasciare esiti cronici.
  • tra i sintomi meno frequenti è da includere la "Corea Minor".

Di solito la malattia reumatica si manifesta dopo 2-3 settimane dall'infezione tonsillare; la "Corea" può comparire anche dopo 2-6 mesi dall'infezione streptococcica. È bene ricordare che il riscontro di un aumento del TAS (conosciuto da tutti come "il titolo" e che rappresenta la quantità di anticorpi contro lo streptococco) è solo un indizio di una precedente infezione streptococcica, non necessariamente della Malattia reumatica, per la diagnosi della quale è necessaria anche l'alterazione di altri parametri (VES, PCR…), oltre che la presenza di sintomi specifici.

Nei soggetti affetti da Malattia Reumatica, per evitare eventuali ricadute, è necessario instaurare un trattamento di profilassi con la Penicillina. Non sono però da considerare a rischio, e quindi da sottoporre a trattamenti antibiotici di lunga durata, il riscontro un aumento TAS isolato (senza cioè la positività di altri segni) e l'isolamento occasionale dello Streptococco in un tampone faringeo (trovare il germe nel faringe non è indice di Malattia Reumatica, ma di patologia acuta in atto o di stato portatore sano).

Il trattamento specifico della "Corea Minor" consiste principalmente nell'evitare situazioni di stress e, in caso di forme più accentuate e invalidanti, nella somministrazione a cicli di Diazepam o di Aloperidolo.

Dal momento che la "Corea " è una manifestazione della Malattia Reumatica, è sempre indicata una profilassi con Penicillina, per evitare eventuali recidive della malattia reumatica e le sue più temibili "complicazioni" cardiache. L'evoluzione della "Corea Minor" e favorevole, in quanto scompare spontaneamente in un periodo variabile di settimane o mesi, occasionalmente può persistere per 1-2 anni. Non lascia conseguenze e solo molto raramente può recidivare, cioè ripetersi.

1/12/1997

21/8/2013

I commenti dei lettori

Mia madre fu curata con un mese di isolamento al buio, potrebbe essere una cura efficace?

Corrado (LC) 27/12/2010

mi sono molto spaventata, quando mia figlia- all'epoca 4 anni- non riusciva a mangiare da sola e non coordinava i movimenti. la mia dottoressa non si era resa conto della gravità del problema, mi diceva che era solo stanca e svogliata.siamo andati in ospedale per un controllo del sangue e, non riusciendo a tenere il braccio fermo,il medico di turno ha insistito per un accertamento ulteriore ed un ricovero. dopo 20 giorni di ricovero e, dopo averla riempita di cortisone, finalmente hanno collegato i sintomi ad una corea minor e hanno iniziato a farle le punture di penicillina. sarò per sempre riconoscente alla dottoressa che mi ha seguito. oggi mia figlia ha 26 anni e ha fatto penicilline fino ai 18 anni. ma non ha nessun sintomo strano. per fortuna. ciao Mariangela

mariangela (TO) 05/02/2012

Mia nonna mi raccontava di aver avuto il ballo di San Vito per un lungo periodo da ragazzina come conseguenza immediata ad uno spavento per aver visto il nipotino che stava per cadere da una scala, invece era solo che il sintomo si era acutizzato nel momento di stress. Mi raccontava anche che una volta si lavò i capelli di nascosto alla madre durante le mestruazioni (mia nonna era del 1919, a quel tempo durante il flusso, guai fare il bagno o lavarsi i capelli!) e, come conseguenza (secondo lei) per alcuni giorni le rimase un braccio senza forze, chissà che non fosse stato nello stesso periodo del famoso ballo di San vito. Ciao Francesca (LI) 07/03/2012

Francesca (LI) 07/03/2012

io ho sofferto di corea minor all'età di 13/14 anni. Mi fu diagnosticato che era nell'età dello sviluppo che questa malattia si manifestava ed infatti ne soffri mia sorella e mia nonna. Dissero perciò che è ereditaria, penso sempre a mio figlio e se...... 

Thea (RA) 04/04/2012

 la mia bambina di 6 anni all'improvviso ha iniziato a muovere in modo incontrollato prima le braccia poi le gambe e stata una sensazione tremenda per me ,corriamo al pronto soccorso di latina dopo 3 ore nessuno ci capiva niente ,il giorno dopo di corsa a roma ,ringrazio il prof leuzzi di via dei sabelli neuropsichiatria inf. per aver subito riscontrato una corea minor .adesso siamo alla settima iniez. di penicillina.

astrid (LT) 26/04/2012

La mia bimba di 8 anni ha avuto la corea a febbraio, subito diagnosticata dai dottori dell'Ospedale Infantile di Alessandria. I movimenti involontari stanno regredendo con i farmaci e le abbiamo somministrato pochi gg fa la quinta penicillina benzatina. Mi chiedo, non esite un metodo indolore che sostituisca la puntura? E' un trauma per lei alla luce del fatto che dovrà farla per cinque anni!

(AT) 04/06/2012

Con il passar del tempo tuttavia i tic nervosi (soprattutto battito di palpebre) sono nuovamente sopraggiunti e con essi anche una sorta di ansia e disturbi nel comportamento quali: affezione/disaffezione verso le persone care o gli amici con gravi attacchi isterici al minimo impedimento di attuare le mie intenzioni. In altre parole i sintomi tipici della malattia sono riapparsi addirittura verso i 25 anni e da allora sono diventati sempre più intensi tanto da far ricorso a tranquillanti come lo xanax in un primo momento e poi, vista l'inefficacia del trattamento, il diazepam.

Con il diazepam che ho iniziato ada ssumere verso i 30 anni la mia vita ha iniziato a cambiare. Sono diventata molto più quieta. Anche la smania che mi contraddistingueva è lentamente sparita tanto da consentirmi di riprendere gli studi con regolarità fino a conseguire la tanto agognata laurea.

Un giorno lessi un articolo dal nome "Il Diazepam, compagno invisibile e solitario di tante donne". Era vero!

Oggi alla soglia dei 50 anni ho scoperto le gocce di Serenase a base di aloperidolo. Dieci gocce la sera e non sento neanche più il bisogno di prendere il diazepam. Provatelo, i risultati non tarderanno a manifestarsi. Auguri di pronta guarigione. Brigitta

brigitta (RM) 29/01/2013

la penicillina per la mia bambina la compro in svizzera ma è tedesca..contiene l'anestetico ed è quasi indoloro..si chiama pendisyn...

raffaella (IL) 17/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Corea minor: il ballo di San Vito"

Malattia reumatica
La malattia reumatica è una lesione infiammatoria dovuta a reazioni immunitarie, che può colpire più organi e apparati in relazione.
Eritema nodoso
L'eritema nodoso del bambino è un'infiammazione del tessuto sottocutaneo profondo che si presenta sotto forma di lesioni di tipo nodulare, rotondeggianti.
TAS elevato nel sangue
Il TAS rappresenta la produzione di anticorpi in risposta ad una infezione da Streptococco. Da solo, non è segno di malattia reumatica in corso.
Dolori di crescita
I dolori di crescita nei bambini si manifestano con male alle gambe, soprattutto la sera. Esistono varie teorie per spiegarne la causa.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte