ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Ha una palpebra più spessa dell'altra

Una palpebra più spessa dell'altra: è un difetto? Può causarle problemi alla vista? La ragione dell'ispessimento può essere un angioma o una cisti dermoide.

a cura di: Prof. Paolo Nucci (oculista)

Mia figlia di 19 mesi proprio oggi ha una palpebra più spessa rispetto all'altra. Questo le impedisce di aprire totalmente l'occhio come invece fa normalmente con l'altro. Voglio precisare che l'occhio con la palpebra più spessa, la bambina lo apre abbastanza, non è che le rimane chiuso; per capire, guardandola in faccia, la palpebra dell'occhio in questione le si ferma appena sopra il centro della pupilla, mentre l'altra scopre quasi totalmente l'altra pupilla. La bambina è nata con questo "difetto". La domanda: è un difetto? Può causarle problemi alla vista? Proprio perché un occhio le rimane più chiuso dell'altro sembra (ma forse spero sia solo un'impressione) che lo stesso le si storta verso l'interno.

La ragione dell'ispessimento può essere un angioma o una cisti dermoide. Questo determina una ptosi (abbassamento della palpebra) che può causare un deficit visivo ed anche uno strabismo. Suggerisco un controllo presso un oftalmologo pediatra e la rimozione della causa per evitare conseguenze indesiderate.

8/3/2000

3/6/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Ha una palpebra più spessa dell'altra"

Una palpebra che non si chiude
L'inocclusione palpebrale in un bambino non è mai grave.
Blefarite
Le blefariti del bambino sono da sempre di difficile gestione, e tutte le terapie sembrano inizialmente efficaci.
Brufolo sulla palpebra. Può essere un calazio?
Gli è comparso un brufolo sulla palpebra in concomitanza alla crescita dei canini. La piccola neoformazione potrebbe essere un banale calazio.
Una plica sotto le palpebre
Uno dei segni caratteristici di una congiuntivite allergica è una piega cutanea chiamata "plica cutanea di Dennie-Morgan".
Calazio
Il calazio è un sassolino che si forma dentro la palpebra. La terapia consiste nella sua asportazione.
Ha le ciglia delle palpebre inferiori rivolte verso l'interno
Ha le ciglia delle palpebre inferiori rivolte verso l'interno. Dovrà subire un intervento chirurgico?
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.
Mucoviscidosi o fibrosi cistica
La mucoviscidosi è una malattia caratterizzata dalla produzione di secrezioni ghiandolari particolarmente viscose e da alterazioni del pancreas e dei bronchi.
Animali in casa?
Animali in casa, si o no? Non vi sono controindicazioni, a patto che si seguano delle norme igieniche rigorose.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica