ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Tacrolimus: un nuovo farmaco per la dermatite atopica

Il Tacrolimus è una sostanza chimica prodotta da un batterio, lo Streptomyces tsukabaensis, che si può usare per la terapia della dermatite atopica solo al di sopra dei due anni di età.

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Mio figlio, che ha cinque mesi e mezzo, ha la dermatite atopica. Ho trovato in Internet (fonte: la gazzetta del mezzogiorno) un articolo sul tacrolimus, una sostanza pare usata per combattere efficacemente e definitivamente la dermatite atopica. Siccome diffido sempre dei rimedi miracolosi, vorrei saperne di più.

Il Tacrolimus è una sostanza chimica prodotta da un batterio, lo Streptomyces tsukabaensis, di cui è stato autorizzato l'uso per la terapia della dermatite atopica, solo al di sopra dei due anni di età. Tale sostanza agisce con un effetto immunosoppressori. Fa parte della famiglia dei macrolidi ed ha azione sull'attività delle cellule immunitarie, riducendo l'infiammazione. È il primo di una nuova classe d'immunomodulatori topici (ad uso locale) che può essere applicato sulla pelle. Il tacrolimus topico non dovrebbe essere visto come una cura definitiva per la dermatite atopica, ma come un trattamento da utilizzare solo allorquando altri rimedi, di provata e sicura efficacia, non hanno funzionato. Vi sono diversi gradi di severità della dermatite atopica (lieve-moderata-grave), e diversi modi di trattarla, dai più leggeri e sicuri (emollienti, cortisone topico) ai più aggressivi e meno privi di effetti collaterali (cortisone orale, ciclosporina orale). Senza dimenticare la possibilità (circa il 50%) di una forma dipendente da allergia (alimenti ed acari), per migliorare la quale basta la dieta priva dell'alimento o la profilassi ambientale per gli acari.

Il Tacrolimus è simile alla ciclosporina (farmaco citostatico-antitumorale) come tipo di sostanza chimica e, a differenza di questa, può essere applicato sulla pelle, riducendone l'infiammazione. Sarebbe opportuno iniziare la terapia per un breve periodo (15 giorni) in modo da saggiarne la validità, continuando per un lungo periodo (anche un anno) se efficace. In tre studi, un totale di 983 pazienti (351 bambini e 632 adulti) con dermatite atopica furono trattati con tacrolimus (alla concentrazione dello 0.03% per i bambini e dello 0.1% per gli adulti) o placebo due volte al dì per 12 settimane [1,2,3]. Nello studio pediatrico molti pazienti ottenevano un importante (>90%) miglioramento dei sintomi in confronto al gruppo che assumeva placebo (p<0.001=alta validità statistica). In entrambi gli studi sull'adulto una percentuale significativamente più grande di pazienti (p<0.001) otteneva almeno il 90% di miglioramento con tacrolimus allo 0.03% e 0.1%. La sicurezza a lungo termine del farmaco allo 0,1% è stata osservata in uno studio su 316 adulti con eczema atopico moderato o severo [4]. La terapia fu continuata per 6-12 mesi e il miglioramento iniziava dopo una settimana, raggiungendo il punto massimo dopo tre mesi; lo stato di benessere persisteva per circa un anno. Il farmaco può essere usato per un anno senza effetti collaterali. Qualsiasi farmaco applicato sulla pelle può essere assorbito e manifestare i suoi effetti non desiderati sull'organismo; il Tacrolimus è assorbito in quantità insignificante allorquando è applicato sulla pelle.

Gli effetti collaterali più frequenti si osservano sul punto di applicazione e sono prurito ed eritema, che però tendono a scomparire con il miglioramento della dermatite. Un effetto collaterale più raro, ma più temibile, è l'insorgenza di un'infezione cutanea di tipo batterico o virale (herpes); in questi casi il trattamento deve essere sospeso. A differenza del cortisone per uso topico, il tacrolimus non causa atrofia cutanea, perciò può essere usato in zone dove la pelle è più sottile, come il collo ed il viso. Bibliografia: 1. Hanfin J M et al. Tacrolimus Ointment for the treatment of atopic dermatitis in adult patients: part I, efficacy. J Am Acad Dermatol. 2001; 44:S28- 38 2. Soter N A et al. Tacrolimus Ointment for the treatment of atopic dermatitis in adult patients: part II, safety. J Am Acad Dermatol. 2001; 44: S39- 46 3. Paller A et al. A 12- week study of tacrolimus ointment for the treatment of atopic dermatitis in paediatric patients. J Am Acad Dermatol. 2001;44: S47- S57 4. Reitamo S et al. Safety and Efficacy of 1 year of Tacrolimus Ointment Monotherapy in Adults with Atopic Dermatitis. Arch Dermatol 2000: 136: 999- 1005

20/4/2004

4/1/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Tacrolimus: un nuovo farmaco per la dermatite atopica"

Dermatite atopica dall'eta' di tre mesi
La Dermatite Atopica, soprattutto se associata a ripetuti episodi di bronchite asmatica, rappresenta uno dei fattori di rischio per lo sviluppo di asma.
Allergia ai pollini
Graminacee, parietaria, composite, olivo, betulla, pioppo sono i principali responsabili di allergia ai pollini.
Dermatite atopica nei bambini
La dermatite atopica (o eczema) è una malattia dei bambini, caratterizzata da pelle secca e prurito.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
Allergia al nichel
Ci sono dei tessuti che contengono nichel, quali prodotti usare per la pulizia del bambino? Il comportamento corretto da adottare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Ha le piccole labbra attaccate
Mia figlia ha le piccole labbra con molte aderenze, tanto da essere quasi completamente attaccate.
I cereali nell'alimentazione del bambino
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.
Il corredino del neonato: in ospedale
Come e quando preparare la valigia con l'indispensabile da portare in ospedale per la mamma e il corredino per il neonato.
Antibiotico e dermatite da pannolino
La terapia antibiotica può determinare problemi intestinali e provocare la dermatite da pannolino.
Briglie amniotiche
Le briglie amniotiche sono causate da una rottura precoce dell’amnios (il sacco amniotico) forse a seguito di traumi.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte