ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Gli esami del sangue in gravidanza

Gli esami del sangue in gravidanza sono indispensabili per la salute sia della mamma che del bambino. L'elenco degli esami di screening da eseuire durante la gravidanza.

a cura di: Dott.ssa Orietta Scattolin (pediatra)

Durante la gravidanza vengono abitualmente descritti dal ginecologo alcuni esami, allo scopo di controllare che l'organismo della mamma si "adegui" in modo corretto alla gravidanza, che tutto proceda bene e per rilevare subito eventuali problemi che possono insorgere. Alcuni valori, inoltre, si modificano notevolmente durante l'arco della gravidanza ed è importante che gli esami vengano ripetuti, in modo da valutarne l'evoluzione.

Il gruppo sanguigno e il fattore Rh

La determinazione del gruppo sanguigno viene di norma eseguita all'inizio della gravidanza. Se il Fattore Rh è negativo diventa poi necessario eseguire il test di Coombs indiretto: se quest' ultimo è negativo lo si ripete comunque periodicamente, se è positivo va monitorato attentamente il feto durante tutta la gravidanza perchè la positività significa che nel sangue materno ci sono anticorpi anti-Rh, cioè contro il sangue del feto. Si consiglia tuttavia il test di Coombs indiretto anche nelle donne Rh positive, all' inizio della gravidanza, perchè potrebbero essersi sensibilizzate ad altri antigeni del sangue, anche se questa situazione è più rara.

Esame Emocoromocitometrico

L'emocromo rileva il numero di piastrine presenti nel sangue, il numero totale dei globuli bianchi e la loro distribuzione nei vari gruppi, il numero e il volume dei globuli rossi e dosa l'emoglobina (che ci dice se la mamma è o no anemica) e l'ematocrito, che segnala quanto è diluito il sangue. E' un esame fondamentale e viene ripetuto più volte durante la gravidanza.

Glicemia

La glicemia esprime la concentrazione di glucosio nel sangue, che viene monitorato per cercare di evitare il diabete gravidico. Va ripetuto periodicamente. Verso la 27° settimana viene eseguita la Piccola curva da carico di glucosio: si misura la glicemia a digiuno, quindi si fanno bere 50 gr di glucosio e si rivaluta la glicemia dopo un' ora. Questo test serve per evidenziare precocemente la comparsa di intolleranza agli zuccheri. Se risultassero alterazioni a questo test si esegue la Grande curva, che da una diagnosi certa di diabete gestazionale.

Creatininemia

La creatininemia è un indicatore della funzionalità renale; un suo aumento può indicare la difficoltà dei reni di adattarsi al maggior carico di lavoro a cui la gravidanza li costringe.

Transaminasi

Le transaminasi indicano il buon funzionamento del fegato, che non ha bisogno di particolari "riadattamenti" durante la gravidanza, ma è un organo talmente importante che anche i piccoli squilibri possono riflettersi a livello generale.

Controllo del ferro

Il ferro è indispensabile per i globuli rossi per poter trasportare l'ossigeno e lo si può tener monitorato attraverso tre esami:

  • la Ferritina: misura la quantità di ferro che l'organismo accumula in "depositi" utilizzabili all'occorrenza;
  • la Transferrina: è una proteina che lega il ferro e lo trasporta, nel sangue, fino agli organi che lo utilizzano;
  • la Sideremia: indica la quantità di ferro, legato alla transferrina, che circola nel sangue e quindi la sua reale disponibilità per i vari organi.

Alfa-fetoproteina plasmatica

L'alfa-fetoproteina è una sostanza normalmente prodotta dal feto e rilevabile sia nel sangue materno che nel liquido amniotico. Un suo aumento è indice di verosimile malformazione del sistema nervoso del feto. La 16° e 17° settimana di gestazione sono il momento più indicato per l'esecuzione di questo esame.

Controllo della coagulazione

I fattori della coagulazione si controllano verso la 32° settimana. Nella donna in gravidanza l'equilibrio dell'assetto di coagulazione è instabile e va controllato in prospettiva delle perdite di sangue che si verificheranno al momento del parto.

Controlli per le malattie infettive

  • VDRL e TPHA: vanno ad individuare la sifilide una malattia venerea ancora diffusa e che, se individuata all'inizio di una gravidanza, può essere curata facilmente e senza alcun rischio per il feto.
  • Toxoplasmosi e Rosolia: sono due malattie modestamente sintomatiche nell' adulto ma costituiscono un rischio importante se contratte nei primi mesi di gravidanza perchè possono provocare gravi malformazioni nel bambino. Il controllo viene fatto all' inizio della gravidanza e se la donna è protetta dagli anticorpi di memoria (cioè ha già contratto l'una o l'altra di queste malattie) non è necessario ripetere in seguito questi esami; se, viceversa, non lo fosse, sono necessari controlli ogni 3 mesi ed alcune precauzioni (quella ad esempio di non mangiare carne cruda).

Per quanto riguarda la rosolia, inoltre, è assolutamente consigliato di arrivare alla gravidanza già protette, cioè vaccinate.

Esame urine e urinocoltura

Esame delle urine e urinocoltura vanno eseguiti spesso, perchè forniscono molte informazioni; una presenza di albumina fa subito sospettare una scarsa funzionalità renale, mentre la presenza di glucosio fa pensare all'insorgenza di un diabete gravidico; l' aumento dei leucociti è indicatore di un' infezione delle vie urinarie, confermata poi dall' urinocoltura.

Tampone vaginale

Il tampone vaginale si esegue per la ricerca dello streptococco beta-emolitico che da un infezione asintomatica ma, al momento del parto, può infettare il neonato. Tute le donne risultate positive devono perciò fare una terapia antibiotica alcuni ginecologi lo consigliano già in gravidanza, altri durante il travaglio. Una terapia antibiotica viene eseguita anche sul neonato.

Test di screening per patologie cromosomiche

Le donne che non presentano fattore di rischio possono eseguire questi esami non invasivi, che hanno però il limite di esprimere solo una percentuale di rischio e solo alla Sindrome di Down (trisomia 21) e alla Sindrome di Edwards (trisomia 18);  essi non danno inoltre alcuna certezza diagnostica. Se la percentuale di rischio evidenziata da questi test è alta è poi consigliata la Amniocentesi.

Esistono vari esami di screening (Primo test, Duo test, Triplo test) che si basano sulla concentrazione di alcune sostanze nel sangue materno. A questo prelievo può essere abbinata l'osservazione della "translucenza nucale" con un' ecografia da eseguire tra l' 11° e la 14° settimana, particolarmente utile per la diagnosi prenatale di S. di Down.

30/8/2010

7/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gli esami del sangue in gravidanza"

Amniocentesi
L'amniocentesi consiste nell'aspirazione di liquido amniotico allo scopo di raccogliere le cellule presenti e fare l'analisi cromosomica.
Il tritest
Il tritest è un esame, da fare in gravidanza, per stimare il rischio di avere un figlio affetto da sindrome di Down.
Idronefrosi nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.
Esami del sangue e delle urine in gravidanza
Durante la gravidanza vengono richiesti esami del sangue e delle urine indispensabili per tenere sotto controllo la salute della futura mamma. e del feto.
La riduzione del liquido amniotico
Quando il liquido amniotico è ridotto ci sono rischi per il bambino e la mamma.
Si puo' fare l'ecografia al cervello?
L'ecografia cerebrale per via transfontanellare è ormai una indagine abbastanza diffusa nei reparti di neonatologia.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.
Quando togliere il ciuccio?
Solitamente il ciuccio viene spontaneamente abbandonato verso i due-tre anni di vita a mano a mano che il piccolo acquista fiducia in se stesso.
Consigli per l'alimentazione in gravidanza
La dieta per la mamma in gravidanza. Tutti i consigli per una corretta alimentazione.
Ecografia delle anche nei neonati
L'ecografia delle anche nei neonati è il miglior metodo per diagnosticare la "displasia congenita dell'anca".

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta