ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Non vuole più andare in piscina

E' andata in piscina volentieri le prime volte, ma adesso fa i capricci e non vuole più andare. I consigli della psicologa per risolvere questa situazione.

a cura di: Dott.ssa Barbara Camilli (psicologa)

Ho un problema con mia figlia, ha tre anni e non va ancora all'asilo. Questo anno l'abbiamo iscritta in piscina: le prime volte è andata volentieri successivamente ha iniziato a piangere perchè non voleva più andarci arrivando anche a vomitare. Come ci dobbiamo comportare?

Gentile lettore, la reazione della piccola sicuramente è indicativa di un rifiuto, legato a qualcosa che ha vissuto e che non ha gradito. In questi casi è meglio non forzare la piccola altrimenti può essere controproducente al punto da maturare una vera e propria avversione per l'acqua.

Ricordiamo che l'acqua è l'ambiente dal quale proveniamo, quindi di per sé è l'ambiente più confortevole che ci sia per l'essere umano (si è immersi nel liquido amniotico per nove mesi). In questi casi è importante rassicurare la piccola. A tal proposito è utile:

  • narrarle dei racconti o degli aneddoti, dove la protagonista riesce a gestire e superare la paura;
  • starle vicino con un atteggiamento rassicurante,
  • farla giocare con l'acqua di casa quando fa il bagnetto,

Solamente quando avrà superato questa fase di insicurezza riprovate a portarla in piscina, chiedendole se vuole andare e, a seconda della risposta, agite di conseguenza.

Altro aspetto da valutare, è se la piccola ha piacere a socializzare e a stare in compagnia o se, al contrario, predilige la sola presenza genitoriale. Magari non è tanto la piscina a non gradire ma la presenza di terze persone che in qualche modo sono state vissute come fonte di disturbo.

State comunque tranquilli: è una fase transitoria, da non trascurare però e da non forzare. Datele il suo tempo per elaborare la paura ­ l'avversione all'acqua, accogliendo i suoi commenti in merito alla piscina e parlando con lei.

6/12/2010

28/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Non vuole più andare in piscina"

Soffocamento da liquidi
Frequentare un corso di acquaticità non presenta rischio di soffocamento da liquidi.
Corsi di nuoto dei bambini piccoli
l movimento e il contatto con l'ambiente acquatico costituiscono fattori positivi per la salute psicofisica dei bambini.
Arriva l'estate! Genitori, affrontiamola in sicurezza. I consigli della Federazione Italiana Medici Pediatri.
Le "7 regole d'oro" dei pediatri per l'attività all'aria aperta durante l'estate e per il tempo che i bambini impiegano in attività non scolastiche.
Riabilitazione in piscina
La fisioterapia è un presidio importantissimo per la ripresa del movimento e del tono muscolare.
Dermatite atopica: da quando va in piscina è peggiorata
La piscina può far peggiorare la dermatite atopica? L'acqua fa bene, ma il cloro può essere irritante.
Neonati in piscina
L'età non è una controindicazione alla pratica del nuoto e della acquaticità. Anche i neonati possono andare in piscina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per un neonato
Il ciuccio può essere di due tipi: a ciliegia (forma rotonda più adatta ai neonati) o anatomico (a forma di goccia). I consigli del Pediatra.
Il tritest
Il tritest è un esame, da fare in gravidanza, per stimare il rischio di avere un figlio affetto da sindrome di Down.
Le verruche
Le sedi più frequentemente colpite dalle verruche sono le mani, le ginocchia, i gomiti e la pianta dei piedi.
L'obesità infantile
Negli ultimi decenni il numero di bambini con problemi di peso, in Italia come nel resto del mondo industrializzato, è costantemente aumentato.
Quali giochi per non annoiarla?
Si annoia con i giochi per la sua età. I consigli dei giochi da proporre per non annoiarla.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il paracetamolo è sbagliata?
Calma il dolore
Ha una forte azione anti-infiammatoria
Viene ben tollerato a livello gastrointestinale
Puo' essere somministrato durante l'allattamento