ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Adenoidectomia: quale anestesia?

La moderna anestesia prevede per gli interventi di adenoidectomia e/o tonsillectomia l'intubazione oro-tracheale e una narcosi con vena incannulata.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mia figlia Diletta, di 5 anni, dovrà essere operata di adenoidi nella prossima primavera. Nell'ospedale civile della mia città mi hanno detto che l'intervento avverrà senza anestesia, o almeno senza anestesia generale, tanto è un intervento da poco (!!!). Nella vicina clinica universitaria, invece, praticano l'intervento in anestesia generale. Qual è la pratica comune e più corretta oggi? Non vorrei sottoporre mia figlia ai rischi di un'anestesia senza che ce ne fosse realmente bisogno, ma nello stesso tempo non vorrei sbagliare al contrario.

La moderna anestesia prevede per gli interventi di adenoidectomia e/o tonsillectomia l'intubazione oro-tracheale e una narcosi con vena incannulata. L'anestesista che procede senza intubazione, in altre parole solo con la mascherina e non in anestesia generale, compie una scelta perlomeno imprudente e potenzialmente non priva di complicanze. E', per fare un paragone, come il caso di un automobilista che circoli senza allacciarsi la cintura di sicurezza: può benissimo darsi che non gli accada mai alcun incidente e che quindi non ne apprezzi l'utilità, ma la volta che l'incidente avviene il non avere allacciato le cinture può causare conseguenze irreparabili.

1/1/1997

14/12/2015

I commenti dei lettori

MIA FIGLIA HA QUASI 7 ANNI E, VISTO CHE LE SUE ADENOIDI SONO OCCLUDENTI DA III-IV GRADO, L'OTORINO CI HA CONSIGLIATO L'INTERVENTO CHIRURGICO. IO NUTRO DEI DUBBI, NONOSTANTE LA BAMBINA SOFFRA DI RINOSINUSITI RICORRENTI DA ALMENO TRE ANNI. SI SONO VERIFICATE SOLO DUE-TRE OTITI E UNA FORTE BRONCHITE PROPRIO QUEST'INVERNO. LE CHIEDO: NON CI SONO ALTRE STRADE DA PERCORRERE? QUANDO E' NECESSARIO L'INTERVENTO?

carla (BS) 12/03/2012

L'intervento di adenoidi e tonsille va fatto in tutta sicurezza attraverso le moderne tecniche suddette; mio figlio è stato operato un mese fa, è andato tutto bene ma bisogna affidarsi ad una struttura seria perchè, per quanto possa essere un banale intervento è sempre un intervento chirurgico da affrontare con serietà (trattandosi poi di bambini sotto i ferri)!

Ivana (TA) 13/05/2013

voglio portare la mia esperienza: anche a mia figlia a gennaio 2013 hanno ritenuto di doverla mettere in lista per l'intervento di adenoidectomia (aveva un'occlusione del III/IV stadio con ricorrenti otiti). Nel frattempo ci hanno detto di fare cicli di RINOWASH (con 10cc di fisiologica + medicinali del caso). Abbiamo rifatto gli esami con ipedenziometria, audiometria e fibroscopia e la situazione è migliorata tanto da far regredire l'occlusione fino al I stadio e ad annullare l'intervento. Non è una condizione definitiva, ma per ora abbiamo ottenuto dei risultati...

13/05/2013

scusi, per mascherina intende la maschera laringea? grazie ivana (to)

ivana (TO) 15/05/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Adenoidectomia: quale anestesia?"

Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
Drenaggio trans-timpanico
Il drenaggio trans-timpanico è un intervento al timpano: viene posizionato un tubicino di ventilazione per rimuovere il catarro dall'orecchio.
Adenoidi e tonsille
Le tonsille e le adenoidi sono accumuli di tessuto linfatico, le prime situate in fondo alla gola le seconde nascoste nella parte posteriore della faringe.
Apnea notturna nei bambini
Molti bambini soffrono di apnea notturna. La terapia consigliata dal Pediatra.
Rischio nella tonsillectomia
Che rischio si corre con l'intervento alle tonsille? L'operazione chirurgica viene sempre eseguita in anestesia generale.
Otiti ricorrenti: prevenzione
Se il bambino fa otiti ricorrenti, si possono applicare diversi metodi di prevenzione: antibiotici, togliere le adenoidi, mettere un drenaggio.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.
Ittero del neonato o ittero neonatale
Ittero neonatale (del neonato): l'eccesso di bilirubina ha varie cause e conseguenze anche gravi, per cui si cura con la fototerapia.
Fecondazione: come avviene
Ecco come avviene la fecondazione: in una "gara" fra spermatozoi per la fecondazione dell'ovulo l'inizio della vita.
La crescita del bambino
Il pediatra, per controllare se la crescita e lo sviluppo procedono regolarmente, confronta le misure del bambino con tabelle standardizzate.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa