È un compito veramente complesso dare delle indicazioni precise sull'alimentazione nell'età infantile. Da una parte ci sono studi molto approfonditi sul fabbisogno di nutrienti (zuccheri, proteine, grassi, vitamine, sali, ecc.) nelle diverse età della crescita; dall'altra, esiste tutta una tradizione non scritta, basata principalmente su criteri di praticità, di esperienza, di fantasia e di gusto personale, che anima il comportamento dei Pediatri in questo campo.

Infine, non vanno trascurate le tradizioni familiari, le usanze regionali, le credenze popolari, i problemi economici e le tendenze di costume, che influiscono non poco nel filtrare le indicazioni del Pediatra e nel tradurle in pratica nel menu di tutti i giorni.

Per questi motivi, non pretendiamo qui di fornire regole valide in assoluto, né di esaurire in poche pagine tutto lo scibile nutrizionista. Intendiamo solo, come sempre, dare ai nostri lettori qualche semplice regola di comportamento, qualche utile schema da seguire, qualche indicazione pratica da tenere presente.

 

Altro su: "L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo"

Il biscotto nel latte?
E' consigliabile aumentare la quantità di latte piuttosto che mettere il biscotto nel latte. L'introduzione del biscotto è consigliabile dal 4° mese.
Rifiuta lo svezzamento
Cosa devo fare dato che rifiuta lo svezzamento? Dovrò sforzarlo?
Come comportarsi se un bambino non mangia
Alcuni suggerimenti su come comportarsi se un bambino piccolo non mangia e su quali sono i parametri importanti da osservare per una giusta crescita.
Svezzamento dei neonati: i consigli del Pediatra
I consigli del Pediatra sullo svezzamento dei neonati a 6 mesi. Come preparare il brodo vegetale, gli omogeneizzati, la frutta e le prime pappe dei neonati.
Il brodo vegetale nello svezzamento
Come preparare il brodo vegetale nello svezzamento? Non tutte le verdure sono adatte. Ecco i consigli per uno svezzamento senza problemi.
Introdurre presto il glutine nello svezzamento
L'introduzione di piccole quantità di glutine potrebbe, entro certi limiti, ridurre il rischio di sviluppare la celiachia.