Dove si trova

Non si sa esattamente quanto selenio contenga l’organismo umano.

Si trova negli alimenti di origine animale e vegetale: le carni (muscoli ed interiora), i pesci ed i frutti di mare, il lievito di birra, i cereali, le noci, i broccoli, il cetriolo, il cavolo, l'aglio, i ravanelli, le cipolle.

Il contenuto di selenio degli alimenti di origine animale viene regolato attraverso l’alimentazione degli animali d’allevamento (integratori del foraggio arricchiti di selenio).

A cosa serve

  • Protegge le cellule dai danni causati dai radicali liberi (funzione antiossidante) e dai metalli pesanti.
  • È indispensabile per il metabolismo cellulare ed è essenziale per la riproduzione (fertilità).
  • È importante per la funzione della tiroide (attiva il principale ormone tiroideo).

Che cosa succede se manca

Con un’alimentazione normale, una carenza di selenio è rara. Una carenza di selenio causa disturbi della funzione muscolare.

Altro su: "Il selenio"

Vitamine e sindrome di Down
Vitamine per curare la sindrome di Down: nuovi rimedi o vecchie illusioni?
E' necessaria la profilassi con Vitamina K in un neonato?
Il neonato è carente di vitamina K ed è importante fornire una supplementazione.
La vitamina B1
La vitamina B1 interviene nel metabolismo degli zuccheri e nella respirazione delle cellule.
La vitamina B8 o biotina
La vitamina B8 o biotina è presente in molti alimenti, tra cui il pollo, il tuorlo d'uovo, le nocciole, i funghi e alcuni legumi.
Vitamine per l'influenza?
E' giusto dare vitamine ad ogni influenza o raffreddore? I polivitaminici aiutano a combattere le infezioni? Il consiglio del pediatra.
Il fosforo
È un macroelemento contenuto nelle ossa e dei denti. Svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico. Scopri altre informazioni utili.