ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Uso del montelukast nei bambini piccoli

Dagli esami è stato definito un bambino broncolabile ed atopico. Esistono controindicazioni ad usare gli antileucotrieni Montelukast nei bambini piccoli? Il parere del Pediatra.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Mio figlio di quattro anni e mezzo soffre, dall'età di 18 mesi, di episodi ricorrenti di bronchite asmatiforme (4-6 all'anno). Dopo vari ricoveri ed esami è stato definito un bambino broncolabile ed atopico. Ho chiesto la consulenza di un pneumologo il quale mi ha consigliato l'utilizzo di un farmaco della categoria degli antileucotrieni, il… (nome commerciale del montelukast), per sei mesi. Vorrei sapere un vostro parere circa l'utilizzo di questo farmaco che tra l'altro riporta sulle indicazioni "una limitata esperienza sulla popolazione pediatrica".

Innanzi tutto nella domanda non viene specificato se il bambino presenti o meno reattività allergica nei confronti dei comuni allergeni inalanti (acari, graminacee ecc.), nel qual caso l'orientamento, prima di arrivare alla terapia farmacologica persistente con montelukast, sarebbe di desensibilizzare il piccolo con vaccino sublinguale nei confronti dell'allergene incriminato.

Detto ciò va chiarito che la molecola in questione è ben tollerata, anche se le indicazioni riguardano bambini a partire dai sei anni di età e bambini con asma persistente di lieve/moderata entità che non sono adeguatamente controllati con corticosteroidi per via inalatoria e nei quali i broncodilatatori a breve durata d'azione, assunti al bisogno, non garantiscono un controllo clinico dell'asma.

Quindi riassumendo: se esiste un'allergia ad inalanti meglio usare un vaccino sublinguale specifico ed usare i farmaci solo nelle fasi acute; se non esiste un'allergia ad inalanti, vista l'età del piccolo (quattro anni) gestirei farmacologicamente gli episodi acuti e terrei di riserva il montelukast per i mesi in cui gli episodi sono particolarmente frequenti ed intensi o qualora la terapia corticosteroidea e broncodilatatoria "al bisogno" non fosse completamente efficace nel controllo del quadro clinico.

17/7/2003

21/1/2017

I commenti dei lettori

Ciao, sono Milena, mamma di 3 bambini di 13,  di 6 e di 20 mesi, tutti e tre risultano allergici ai seguenti inalanti: graminacee, acari, cipresso, ulvo, pelo del cane, muffe e mimosa.....praticamente a tutto. Pertanto mi ritrovo ad affrontare l'autunno, l'inverno, la primavera e parte dell'estate con le continue bronchiti e attacchi d'asma dei miei figli. Ho proposto alla mia pediatra di fare loro un vaccino contro questi allergeni ma la risposta che mi è stata data è quella di provare prima  un  medicinale che si chiama Singulair per tutto l'autunno l'inverno e la primavera e vedere che riscontri ci sono  e poi semmai tentare con i vaccini. E quindi la mia domanda è: sto facendo bene ad ascoltare la mia pediatra e seguire questa cura "preventiva" o dovrei insistere per vaccinarli?

 

 

milena (BA) 11/11/2010

Ho un bimbo di 4 anni e da circa 18 mesi ha problemi ricorrenti di bronchiti asmatiformi, nonostante prenda da piu di 1 anno il montelukast, ogni volta che ha un raffreddote ha forti crisi amatiche. Anche se  le prove allergiche cutanee ed inalanti sono negative ho sempre bisogno di rincorrerlo con frequenti terapie aerosoliche con broncodilatatori. Sta meglio quando assume il cortisone per bocca. Cercheremo al piu presto di portarlo dal pneumologo dato che la terapia dell'allergologo non funziona al 100%.

lara chiarabelli (FE) 26/12/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Uso del montelukast nei bambini piccoli"

Catarro nei bambini
Il mio bambino è pieno di catarro e tosse: il pediatra parla di adenoidi e di sinusite.
Bronchite
La bronchite è un'infiammazione dei bronchi che causa tosse con catarro e febbre.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
A cosa serve la tosse
La tosse è un importante meccanismo di difesa per liberare le vie respiratorie.
Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Bronchite asmatiforme
Ha spesso la bronchite asmatiforme: devo temere un'evoluzione della malattia verso l'asma? I consigli dell'allergologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Macchie al viso in gravidanza
A partire dal 3°-4° mese di gravidanza è possibile notare la comparsa di piccole macchie marroni sul viso soprattutto nelle donne brune.
Trasposizione delle grandi arterie
La trasposizione delle grandi arterie è una malformazione cardiaca complessa. E' preferibile correggere la lesione attorno all'anno di vita.
A tre anni non riesce a pronunciare la "r"
A quasi tre anni, non riesce a pronunciare la "r". Se il problema dovesse persistere verso i 5-6 anni potrei consigliare una consulenza con un logopedista.
Latte vaccino
Perchè non bisogna dare il latte vaccino ad un neonato e ad un bambino nel primo anno di vita? Il pediatra spiega il motivo.

Quiz della settimana

Normalmente, entro quando cade il cordone ombelicale nel neonato?
Due settimane di vita
Il tempo di caduta è estremamente variabile e non indicativo
Quattro giorni di vita
Un mese di vita