ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Lo svezzamento nel bambino con predisposizione allergica

Nel bambino allergico o predisposto alla allergia, lo svezzamento prevede maggiore attenzione ai tempi di introduzione di carne, pesce, uovo, frutta e verdura.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Lo svezzamento rappresenta un momento molto delicato nell'alimentazione del bambino, che deve gradualmente adeguarsi ad un nuovo tipo di alimentazione non più esclusivamente lattea. Nel soggetto atopico (in altre parole predisposto all'allergia) questa fase necessita di una particolare attenzione volta a ritardare o posticipare l'introduzione di alimenti potenzialmente allergizzanti, configurandosi quindi come uno svezzamento "selettivo" e "tardivo", in quanto qualitativamente diverso e temporalmente differito rispetto a quello adottato per la popolazione generale.

L'allergia si esprime in vari modi

Negli ultimi anni si è osservato un incremento della prevalenza delle malattie allergiche nei paesi occidentali. Tale evidenza ha portato alla necessità di identificare specifiche strategie per la prevenzione dell'allergia. La difficoltà di individuare interventi efficaci scaturisce dalla complessità delle interazioni esistenti tra fattori genetici, ambientali e alimentari responsabili dell'espressione dei diversi fenomeni allergici: rinite, congiuntivite, asma, dermatite atopica, orticaria-angioedema, shock. Non vi è invece ancora consenso unanime per quanto riguarda le coliche del lattante, l'enterite eosinofila, l'emicrania, i dolori addominali ricorrenti, i disturbi del sonno nel primo anno di vita, il colon irritabile, i rigurgiti, la sindrome ipercinetica ed altri ancora.

Come identificare i bambini a rischio

Numerosi metodi sono stati proposti per identificare i soggetti a rischio di sviluppare atopia. Tra questi i più comunemente utilizzati sono il dosaggio alla nascita (dal sangue del cordone ombelicale) di alcuni anticorpi chiamati IgE oppure, nel bambino un po' più grande, la ricerca delle IgE totali, insieme al dosaggio di altre cellule specifiche, gli eosinofili. Tuttavia, l'anamnesi familiare rimane attualmente il principale fattore in grado di predire il rischio atopico nel neonato. In relazione alla storia familiare il rischio di sviluppare atopia è infatti pari al 40-60% in bambini con due genitori atopici, 50-80% in bambini con due genitori con la medesima manifestazione clinica (ad esempio mamma e papà entrambi affetti da rinite allergica oppure asma), 25-35% in bambini con un solo genitore atopico e al 5-15% in bambini con un fratello atopico.

Quando e come iniziare lo svezzamento in un bambino a rischio di allergia

È indubbio che la migliore profilassi dell'allergia è l'allattamento materno. Questo va prolungato, evitando l'introduzione di qualsiasi altro alimento, il più possibile (almeno per sei mesi). Tenendo conto che la precocità di introduzione degli alimenti può dare origine ad una successiva sensibilizzazione, nei soggetti con famigliarità anamnestica per allergia è buona norma effettuare uno svezzamento ritardato (al compimento del sesto mese di vita e non al quinto, come in genere viene consigliato) e selettivo, introducendo un alimento per volta e posticipando l'assunzione di cibi altamente allergenici (come il pesce, l'uovo ed altri ancora) dopo l'anno di vita.

Prendiamo ora in considerazione i singoli alimenti valutandone i tempi di introduzione.

Frutta e verdura

Per quanto riguarda la frutta sarebbe opportuno introdurre per primi la pera e la banana, e solo successivamente prugna, ananas e susine. Solo dopo l'anno sono consigliabili gli altri frutti: agrumi, pesca, albicocca, fragola e kiwi. Alcuni autori consigliano di introdurre in ritardo anche la mela, a causa della presenza di alcuni allergeni simili a quelli dell'uovo, con cui avrebbero una reattività crociata. Per quanto riguarda la verdura è noto che la cottura ne riduce l'allergenicità. La sequenza di introduzione prevede l'iniziale assunzione di brodo vegetale con patata e carota, seguita dall'aggiunta di verdure in foglia (costine). Successivamente si prosegue con lattuga, finocchio, fagiolini, sedano lasciando per ultimi legumi, zucchine e pomodoro.

Carne, pesce ed uovo

Le carni presentano anch'esse un potenziale allergenico differente: le meno allergizzanti (e quindi da preferire all'inizio dello svezzamento) sono quelle del coniglio, dell'agnello e del cavallo. Successivamente va proposta la carne di tacchino e di pollo, e solo tardivamente vanno introdotti manzo e vitello. L'allergia al pesce, che rappresenta uno degli alimenti più allergizzanti, presenta una elevata frequenza soprattutto nei paesi forti consumatori (Spagna, Norvegia, Svezia). Nei bambini a rischio atopico è consigliabile la sua introduzione dopo il dodicesimo mese di vita. Infine l'uovo, uno degli alimenti più comunemente responsabile di reazioni di ipersensibilità, andrebbe introdotto anch'esso non prima del compimento del primo anno di età.

26/7/2002

21/7/2015

I commenti dei lettori

Mia figlia ha 4 mesi e mezzo e ha iniziato a prendere la frutta mela e pera.Quando prende la mela non succede niente ma appena mangia la pera neanche mezz'ora e le compaiono all'altezza dello stomaco dei puntini e delle macchie rosse. Di solito si tolgono nell'arco di un'ora ma adesso ho notato che sono già due giorni che ce le ha e non vanno via. Di cosa può trattarsi è una reazione allergica o si tratta di qualche malattia infettiva??? aiutatemi grazie.

Emilia (CO) 13/12/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Lo svezzamento nel bambino con predisposizione allergica"

Alimentazione dopo l'anno
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Uovo nello svezzamento
Riguardo all'uovo, occorre considerare le due parti che lo compongono e i modi che abbiamo a disposizione per cucinarlo e proporlo ai bambini.
Svezzamento dei bambini a 6 mesi
I consigli dei nostri esperti per lo svezzamento dei bambini a 6 mesi.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
Alimenti allergizzanti
Nello svezzamento è opportuno iniziare con gli alimenti considerati generalmente meno allergizzanti.
La mia bambina non vuole masticare
Ho una bambina che a 15 mesi non vuole masticare. La devo forzare o meglio aspettare? I consigli del Pediatra sui bambini che rifiutano di masticare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Diabete in gravidanza
In gravidanza vanno distinti due diversi tipi di diabete: quello preesistente e quello gestazionale.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Una febbre ricorrente senza spiegazione
Gli esami sono tutti negativi, ma io sono preoccupato.
Ha quasi un mese, ma non gli è ancora caduto il moncone ombelicale
La caduta del moncone ombelicale: ad un mese di vita, se non fosse già caduto, va reciso chirurgicamente.
Le sono già comparse le smagliature sul seno
Il seno si è riempito di smagliature ancora rosse, posso fare qualcosa di più efficace? I consigli del dermatologo.

Quiz della settimana

Per quanto tempo si può conservare in frigorifero il latte materno, senza perdere nessuna delle sue molteplici proprietà?
meno di 12 ore
non piu di 24 ore
36 ore
oltre le 48 ore